di 

"WiMove": sull’iPhone tutte le info per muoversi a Parma

Dalla mobilità ai cantieri, dai parcheggi al bike sharing, dagli eventi ai luoghi della cultura: tutte queste informazioni sulla città di Parma ora sono disponibili in tempo reale sull’iPhone. L’applicazione - sviluppata e realizzata da Infomobility in collaborazione con alcune aziende informatiche locali, all’interno del progetto “WiMove” - è stata presentata ieri nell’ambito della X Settimana Europea della Mobilità ed è scaricabile gratuitamente dall’Apple Store.

Dalla mobilità ai cantieri, dai parcheggi al bike sharing, dagli eventi ai luoghi della cultura: tutte queste informazioni sulla città di Parma ora sono disponibili in tempo reale sull’iPhone. L’applicazione - sviluppata e realizzata da Infomobility in collaborazione con alcune aziende informatiche locali, all’interno del progetto “WiMove” - è stata presentata ieri nell’ambito della X Settimana Europea della Mobilità ed è scaricabile gratuitamente dall’Apple Store. Una novità interessante per tutti i cittadini, ma anche per i turisti, che potranno essere sempre informati sulla situazione della mobilità in città, ma anche su ristoranti, alloggi e attrazioni. Grazie alla nuova piattaforma mobile, oltre a ricevere tutte le informazioni sul proprio iPhone, si potranno anche segnalare situazioni particolari e criticità (problemi di viabilità, arredo urbano e così via), che arriveranno così in tempo reale agli uffici competenti.

Il progetto “WiMove – servizi mobilità ai cittadini e per la gestione della mobilità su rete Wi-Fi federata ed interoperante” è stato il primo progetto ammesso e finanziato dal 1° bando “Elisa” nella categoria “Infomobilità” ed emesso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri nell’anno 2007. Numerosi sono stati i progetti messi a punto dai vari Enti partecipanti (oltre a Parma, Roma, Firenze, Genova, Cagliari) con l’obiettivo comune di riunire in un’unica interfaccia le notizie utili agli utenti. Parma è la prima città in Italia ad aver attivato l’applicazione WiMove, ma il sistema è pensato per essere utilizzato anche da altre amministrazioni che vorranno implementarlo.