di 

CONSERVATORIO DI MUSICA "LUIGI CHERUBINI" A FORUM PA 2013

Il Conservatorio di Firenze promuove le proprie peculiarità, alcune delle quali rappresentanti un fiore all’occhiello di questa istituzione e uniche nel panorama nazionale.

Stand 19F

Il Conservatorio di Firenze promuove le proprie peculiarità, alcune delle quali rappresentanti un fiore all’occhiello di questa istituzione e uniche nel panorama nazionale.

Stand 19F

E’ doveroso far comprendere a tutti come lo studio della musica e la sua promozione siano un ottimo veicolo per soddisfare necessità che appartengono anche all’uomo di oggi. I Conservatori sono le sedi deputate a ciò, come scuole di tradizione culturale musicale di alto livello in cui operano persone appassionate, che cercano di trasmettere la loro esperienza non solo agli studenti ma anche al tessuto sociale circostante in un rapporto scambievolmente proficuo. A seguito della recente riforma ministeriale le singole istituzioni possono organizzare la propria attività didattica con maggiore autonomia; all’interno delle diverse tipologie di corsi, l’interesse è rivolto in particolar modo verso quelli di Alta formazione, come coronamento di un percorso di studi che viene equiparato a una laurea triennale o quinquennale. Nell’ottica di un’offerta formativa caratterizzante il Conservatorio di Firenze vuole promuovere le proprie peculiarità che lo distinguano dagli altri Conservatori, alcune delle quali rappresentanti un fiore all’occhiello di questa istituzione e uniche nel panorama nazionale. L’incremento delle produzioni musicali realizzate negli ultimi anni è sicuramente la prova tangibile di come sia possibile indirizzare la didattica musicale verso la presentazione di concerti anche al di fuori delle mura dello stesso conservatorio; in questo senso il coro e le quattro orchestre formate da studenti di età e corsi diversi rappresentano il migliore coronamento di tutte le attività didattiche svolte.
Lo sviluppo maggiore si ha nel settore “produzione”: più di duecento eventi l'anno suddivisi in grandi aree: orchestre,cori, produzione cameristica, teatro musicale, recital solistici, jazz, musica antica.
Il Cherubini si rivolge alle giovani generazioni attraverso produzioni che coinvolgono le scuole: opere per ragazzi con la partecipazione dei ragazzi, interventi di divulgazione e orientamento accoglienza “musicale” all'interno delle proprie strutture, biblioteca compresa; si rivolge al pubblico cittadino, nazionale e internazionale; agli studiosi di ogni dove; collabora con le più importanti realtà musicali della città: Maggio Musicale Fiorentino, Orchestra della Toscana; con partners stranieri di sede italiana (IFF, ISIFLORENCE), ed estera (Conservatori, Teatri, Accademie). Interessante è la sistematicità delle iniziative artistiche; Rassegne: musica antica, musica da camera, organo e jazz; concerti di rilievo internazionale: Suona Francese e Suona Italiano; i luoghi dell'arte: concerti in ville storiche, biblioteche, musei, Istituzioni Militari. Espressione complessa e completa del Cherubini sono le orchestre: della classe di Direzione d'orchestra, della classe di Formazione orchestrale: “Avanzata”, “Sinfonietta”, “Giovanissimi” e “Fiati”che producono prestigiose performances in luoghi storici e monumentali della città: la Basilica di Santa Croce, della SS. Annunziata, Santa Trinita e in grandi teatri quali il Verdi, la Pergola, il Comunale. I cori sono due e i coristi arrivano all'impressionante numero di circa 400 persone. L'ensemble di musica contemporanea “L.Dallapiccola” annualmente celebra grandi autori del nostro tempo; quest'anno sarà la volta di Luciano Berio in partenariato con il Conservatorio di Genova. Il Cherubini ospita artisti di fama internazionale per concerti e masterclass; nel 2013 vedrà la presenza di Eva Marton, Rockwell Blake, Maureen Jones, Peter Bogdanovich, Alfonso Ghedin, Paolo Bordoni. Il Cherubini è uno dei primi Conservatori italiani ad aprirsi alla ricerca artistico-musicale attraverso l'Associazione RAMI di cui è socio fondatore. Il Cherubini organizza mostre: la prossima sarà dedicata alla presenza di F. Liszt a Firenze; convegni: a fine anno il convegno dedicato alla “Gestione del patrimonio” delle Istituzioni AFAM. Sarà sede del “Premio nazionale delle Arti-FISARMONICA e di quello internazionale “Giovani talenti”.

Progetti e soluzioni:
Comunicazione interna ed esterna attraverso i nuovi canali (sito web, social network);
Centro di ricerca e produzione nel campo delle tecnologie musicali MARTLab: il laboratorio offre tutti i servizi per affrontare le diverse problematiche inerenti la digitalizzazione dei documenti sonori, dall’individuazione dei sintomi di deterioramento dei supporti analogici e digitali quali nastri, dischi, cassette, CD, DVD fino alla digitalizzazione e alle strategie per la loro preservazione.