di 

Unità Tecnica di Missione a FORUM PA 2011

"I Luoghi della Memoria", per la valorizzazione e narrazione dei luoghi, dei personaggi, degli avvenimenti del Risorgimento; le mostre, tra cui il programma di "Torino 150"; i convegni,  comprendenti 450 iniziative scientifiche e celebrative su tutto il territorio. Queste le iniziative principali previste per le celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia e che l'Unità Tecnica di Missione della Presidenza del Consiglio dei Ministri presenterà durante FORUM PA 2011. Eventi pensati con l'obiettivo primario di valorizzare il patrimonio storico-artistico e divulgare informazioni storiche sul processo di unificazione nazionale, con preferenza accordata a iniziative aventi carattere permanente e non effimero
Padiglione 8 stand 20B

"I Luoghi della Memoria", per la valorizzazione e narrazione dei luoghi, dei personaggi, degli avvenimenti del Risorgimento; le mostre, tra cui il programma di "Torino 150"; i convegni,  comprendenti 450 iniziative scientifiche e celebrative su tutto il territorio. Queste le iniziative principali previste per le celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia e che l'Unità Tecnica di Missione della Presidenza del Consiglio dei Ministri presenterà durante FORUM PA 2011. Eventi pensati con l'obiettivo primario di valorizzare il patrimonio storico-artistico e divulgare informazioni storiche sul processo di unificazione nazionale, con preferenza accordata a iniziative aventi carattere permanente e non effimero
Padiglione 8 stand 20B

 La scheda di presentazione a cura P.C.M. - Unita' Tecnica di Missione

Il 150° anniversario dell’Unità d’Italia rappresenta una ricorrenza importante, che merita d’essere celebrata con uno sguardo al futuro, ma senza dimenticare la storia nazionale e i suoi protagonisti. Per questo motivo il programma delle celebrazioni, nel rendere omaggio alle idee del Risorgimento e agli uomini che le hanno generate, ambisce anche a essere una festa di tutti. Un’occasione per riflettere insieme sui valori nazionali, tramandandoli alle nuove generazioni.

 La caratteristica principale delle celebrazioni è la preferenza accordata a eventi aventi carattere permanente e non effimero: soprattuttoLA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO-ARTISTICO e LA DIVULGAZIONE DI INFORMAZIONI STORICHE SUL PROCESSO DI UNIFICAZIONE NAZIONALE.

Il Progetto più importante è costituito da I LUOGHI DELLA MEMORIA, una vasta azione di classificazione, restauro, valorizzazione e narrazione dei luoghi, dei personaggi, degli avvenimenti del Risorgimento sul territorio.

 Sono stati identificati e classificati oltre 400 siti già celebrati dalle generazioni precedenti con monumenti, ossari, installazioni commemorative. Di questi 400 siti, ben 100 sono stati individuati come prioritari sulla base delle valutazioni giunte dalle Soprintendenze. I 100 interventi prevedono il restauro di oltre 200 tra statue, steli e memoriali. Tra gli interventi più rilevanti si evidenziano;

  • Restauro dello scoglio di Quarto dei Mille- Genova, con la nascita del memoriale dei Mille.
  • Completo restauro del Parco della Memoria del Gianicolo in Roma con la realizzazione sul muro del Gianicolo di una imponente targa commemorativa con incisi i 69 articoli della Costituzione Romana., il restauro delle 83 erme dei garibaldini e le steli commemorative, la statua nazionale di Giuseppe Garibaldi, la statua-sepoltura di Anita Garibaldi, il faro dell’Unità d’Italia.
  • Il restauro della colossale Torre Vittorio Emanuele II a San Martino della battaglia (Brescia), eretta in ricordo della grande battaglia di Solferino e San Martino del 24 giugno 1859. La torre verrà restaurata insieme al ciclo di affreschi e al riallestimento del museo della battaglia, in occasione dell’anniversario.

 Il progetto I LUOGHI DELLA MEMORIA prevede anche la realizzazione di nuovi MUSEI e il riallestimento di numerosi musei del Risorgimento.

    • Il Museo nazionale Giuseppe Garibaldi sarà realizzato nell’isola di Caprera nell’area ex    militare di Forte Arbuticci

    • Il nuovo Museo Nazionale Giuseppe Mazzini, Realizzato presso la Domus Mazziniana di Pisa, luogo di morte del patriota.

    • Il museo della difesa di Roma e della Repubblica Romana, allestito all’interno della Porta di San Pancrazio al Gianicolo – Roma, dove la battaglia del 1849 ebbe il suo punto più cruento e drammatico.

    • I Luoghi della memoria prevedono anche un sistema di nuova segnaletica con targhe, mappe e iscrizioni e un portale web, www.iluoghidellamemoria.it già on-line che oltre all’area informativa ricca di eventi e manifestazioni inerenti alle celebrazioni dell’Unità nazionale, vi è una vasta are di ARCHIVIO STORICO che aggrega in un ambiente unico, i luoghi, i monumenti e lo straordinario patrimonio di risorse archivistico-museali attraverso Musei interattivi, visualizzazioni su Mappa geografica e Timeline. (presentazione del portale nello stand della Presidenza del Consiglio dei Ministri- Unità Tecnica di Missione, il giorno 11 maggio ore 12).

 MOSTRE.

Le grandi mostre del 150° includono in primo luogo il programma di Torino 150, con la sua iniziativa ESPERIENZA ITALIA.

A Roma si è inaugurata  la Mostra delle Regioni e delle Testimonianze d’Italia, che rinnova la tradizione delle due grandi mostre delle regioni del 1911 e del 1961.

Presso l’Archivio di Stato è già stata inaugurata la Mostra sullo sviluppo economico dell’Italia del dopoguerra a cura dell’Università Bocconi e una mostra sullo sviluppo dell’istituzione statale dal 1861 fino alla Costituzione e nei decenni repubblicani in collaborazione con il Ministero per la Funzione Pubblica. Inoltre, promossa dal Comune di Roma, è stata inaugurata il 17 marzo 2011 la Mostra Alle radici dell’identità nazionale- Italia nazione culturale presso il complesso Monumentale del Vittoriano.

E’ previsto altresì un programma di oltre 20 Mostre divulgative e didattiche, di argomento storico e culturale. Tra le più significative si possono segnalare:

  • I pittori del Risorgimento sul come le arti figurative hanno ritratto la storia dell’unificazione nazionale
  • Volturno 1860 sulla spedizione dei mille.
  • La bandiera proibita sulla storia del tricolore.
  • Cronaca di una rivoluzione sulle 5 giornate di Milano e il pensiero di Carlo Cattaneo
  • Scolpire gli eroi sulla monumentalistica.
  • Architettare l’Unità sulla costruzione degli edifici centrali e periferici delle Istituzioni, dei luoghi della cultura, dell’Istruzione, della memoria.
  • Le battaglie per l’Italia sugli aspetti militari.
  • Mazzini e la musica sul rapporto di Mazzini e le arti su come le arti abbiano influenzato le teorie dell’800 di indipendenza e libertà.
  • Napoleone iii e l’Italia sul rapporto con la Francia.
  • Bergamo e i mille per chiudere le celebrazioni che erano partite con i mille da Quarto il 5 maggio 2010 a Bergamo che è la città che più di ogni altra ha dato volontari alla spedizione.

CONVEGNI

Il Comitato dei Garanti ha concesso il logo a oltre 450 iniziative scientifiche e celebrative su tutto il territorio.