di 

Padoan a FORUM PA: “Governo lavora su riforme, investimenti e crescita”

“La strategia economica del Governo si articola su tre pilastri: le riforme strutturali, gli investimenti e una politica orientata alla crescita”. Lo ha detto oggi il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, durante il convegno “Dal privato cittadino alle casse pubbliche, e ritorno – Come creare valore collettivo con la buona gestione delle risorse” a FORUM PA 2015. “Per fare tutte e tre queste cose ci serve una pubblica amministrazione efficiente e la massima trasparenza”, ha aggiunto il ministro.

“La strategia economica del Governo si articola su tre pilastri: le riforme strutturali, gli investimenti e una politica orientata alla crescita”. Lo ha detto oggi il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, durante il convegno “Dal privato cittadino alle casse pubbliche, e ritorno – Come creare valore collettivo con la buona gestione delle risorse” a FORUM PA 2015. “Per fare tutte e tre queste cose ci serve una pubblica amministrazione efficiente e la massima trasparenza”, ha aggiunto il ministro.

Sulla spending review Padoan sostiene che essa “non deve essere un meccanismo di tagli lineari, perché in questo Paese sono già stati fatti tagli in maniera sostanziosa e la nostra spesa non è tra le più alte fra i Paesi dell'Europa, anzi, in alcuni casi è già tra le più basse”. “La spending review – continua il ministro – è un elemento fondamentale del processo decisionale del Governo, sicuramente nei processi di formazione del bilancio, del Def e della legge di stabilità”. L'obiettivo deve essere “cambiare i meccanismi di spesa e farlo a tutti i livelli”. “E’ una sfida del governo nella sua interezza – conclude Padoan - il cui obiettivo è “rimuovere gli ostacoli agli investimenti, utilizzare le risorse, cambiare gli incentivi, rendere migliore il ruolo della Pa”, e in questo senso il governo deve avere un ruolo di “facilitatore” della Pubblica amministrazione, lavorando per “trovare le sinergie ed evitare le duplicazioni”.

Presente al convegno anche il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti, che afferma con forza che “il vero tema che dobbiamo affrontare insieme è la riforma del rapporto tra Stato e Regioni, restituendo chiaramente allo Stato alcune competenze, anche in chiave esclusiva, perché un altro dramma della PA è che tutti facciamo tutto, dal livello centrale fino al consigliere comunale”. Il Governatore del Lazio invita con forza a riscoprire “il valore delle competenze esclusive e a dare alle Regioni la gestione di alcuni settori come quelli che riguardano il rapporto con le persone, tra tutti le politiche per il lavoro, che devono godere di strategie nazionali”.