di 

SOSE – Soluzioni per il Sistema Economico a FORUM PA 2015

A FORUM PA 2015 SOSE presenterà il progetto “OpenCivitas”, il portale di accesso alle informazioni degli enti locali, un’iniziativa di trasparenza promossa dal Dipartimento delle Finanze e da SOSE.

Stand 10B

A FORUM PA 2015 SOSE presenterà il progetto “OpenCivitas”, il portale di accesso alle informazioni degli enti locali, un’iniziativa di trasparenza promossa dal Dipartimento delle Finanze e da SOSE.

Stand 10B


Già a partire da fine novembre 2014, il Ministero dell’Economia e delle Finanze e SOSE, attraverso la piattaforma “OpenCivitas”, hanno reso disponibili per tutti i cittadini le informazioni sui fabbisogni standard e la spesa storica dei Comuni e delle Province delle Regioni a statuto ordinario. Gli stessi dati erano già stati messi a disposizione dei Comuni in via sperimentale a partire da luglio 2014.
Il progetto nasce con la Legge 5 maggio 2009 n. 42 in materia di federalismo fiscale e le successive disposizioni attuative emanate, in particolare, con il Decreto Legislativo 26 novembre 2010 n. 216.
Tali disposizioni hanno segnato l’avvio di un processo di riforma che prevede la determinazione dei fabbisogni standard per gli enti locali italiani e ne affidano a SOSE, in collaborazione con altri attori istituzionali (Ifel, ISTAT, etc.) la predisposizione delle metodologie e il calcolo.
Grazie ad OpenCivitas, per la prima volta in Italia, cittadini e amministratori hanno a disposizione uno strumento che permette di:

  • CONOSCERE i dati raccolti per la determinazione dei fabbisogni standard
  • CONFRONTARE le prestazioni degli enti
  • VALUTARE le scelte gestionali degli oltre 6.000 comuni appartenenti alle regioni a statuto ordinario

Le informazioni presenti in OpenCivitas sono state rilevate sia da fonti ufficiali (Ministero dell’Interno, ISTAT, MIUR, Agenzia del Territorio, ecc.), sia attraverso l’invio agli enti di questionari specifici per ogni servizio.
L’elaborazione dei questionari ha generato una nuova banca dati che ha consentito l’analisi dettagliata degli output, degli input, delle modalità di gestione e delle scelte organizzative adottate nel processo di produzione dei servizi da parte dei governi locali.

Tutti i cittadini possono visualizzare il fabbisogno standard, la spesa storica e un insieme di indicatori in relazione ad ogni funzione, che permettono di monitorare il livello quantitativo e, in alcuni casi, qualitativo dei servizi offerti.

Con OpenCivitas è possibile:

  • conoscere il fabbisogno standard e la spesa storica;
  • comprendere gli elementi socio-economici che concorrono a determinare il fabbisogno complessivo (peso delle determinanti);
  • valutare la qualità e la quantità dei servizi erogati attraverso gli indicatori di gestione e i livelli quantitativi delle prestazioni;
  • accedere alle informazioni contenute nei questionari in modalità opendata.

 

Forum PA sarà una tappa fondamentale del percorso intrapreso da Opencivitas che rappresenta non solo uno strumento di trasparenza ma anche e soprattutto:

  • un veicolo di partecipazione dei cittadini alla gestione della cosa pubblica attraverso la spinta al riuso dei dati;
  • uno stimolo per gli Enti locali ad utilizzare la piattaforma per innovare la propria organizzazione e rendere più efficienti i propri servizi;
  • uno strumento sostenuto da un forte impegno politico (MEF, Sindaci) che permetta di costruire consenso ed accelerare l’operatività del progetto;
  • una piattaforma che rappresenti uno standard riconosciuto per l’analisi ed il rilascio dei dati sulla spesa pubblica locale, favorendo in questo modo l’effettivo utilizzo delle applicazione da parte degli Enti.

In sintesi gli obiettivi della partecipazione di SOSE al Forum PA:

  • diffondere la conoscenza della piattaforma presso i diversi potenziali utilizzatori: Enti pubblici, cittadinanza organizzata, mondo accademico;
  • sviluppare percorsi informativi per permettere di sfruttarne appieno le potenzialità;
  • “Fare rete” per stimolare nuove opportunità di utilizzo di OpenCivitas, attraverso il coinvolgimento attivo della rete di innovatori e delle comunità di interesse (Open Data, Istituto Open Data, mondo accademico, data journalists, ecc.);
  • promuovere la trasparenza e l’accountability dell’azione pubblica locale: far comprendere ai cittadini come vengono spesi e come ritornano in termini di valore i soldi spesi in tasse.