di 

Academy FPA a FORUM PA 2017: come usare i big data per monitorare la città

La nuova disponibilità di dati “urbani” consente di monitorare in maniera pressoché costante alcuni aspetti strategici per la gestione della città: dalla mobilità, ai trasporti, dalle presenze turistiche al mercato immobiliare, solo per citarne alcuni. Il 23 maggio a FORUM PA impareremo come acquisire, gestire e utilizzare questi dati attraverso le tecnologie “big data”.

Foto di Joan Campderrós-i-Canas rilasciata in licenza CC - https://www.flickr.com/photos/joanet/8818368324/

Solo fino a qualche tempo fa era molto difficile, spesso impossibile riuscire a guardare attraverso i dati quello che accadeva all'interno delle città per misurare, capire e monitorare fenomeni di un qualche interesse non solo per i cittadini ma anche per chi fa impresa e per chi amministra il territorio.

I dati “grezzi” erano pressoché inesistenti. I dati disponibili, generalmente prodotti dalla statistica ufficiale, nella migliore delle ipotesi si fermavano al livello di intero comune. Solo ogni 10 anni in occasione dei Censimenti si riusciva ad avere dati con livello di aggregazione sub comunale, le cosiddette “sezioni di censimento”.

Oggigiorno stiamo vivendo e siamo spesso protagonisti di un totale cambiamento. La nuova disponibilità di dati “urbani” consente di monitorare in maniera pressoché costante alcuni aspetti strategici per la gestione della città. Pensiamo alla mobilità, ai trasporti, alle presenze turistiche, al mercato immobiliare, al pendolarismo solo per citarne alcuni.

C'è una inedita disponibilità di dati “raw” che spesso non è evidente ma che consente di misurare in maniera diretta o indiretta fenomeni di interesse strategico per le policy urbane. Sono gli Urban Data. Non sono proprio una novità, se ne sta parlando da alcuni anni. Basta pensare ad esempio a tutto quello che è stato detto e si continua a dire sulle Smart City. E il dibattito sul tema è sempre aperto e in continua evoluzione.

Nell’Academy “Big Data e Open Data per monitorare la Città” del prossimo 23 maggio a FORUM PA ci soffermeremo su due casi d’uso, andando a vedere come poter estrarre utilizzare e gestire un workflow del dato che consenta di monitorare in modo automatico alcuni aspetti della città.

Ci focalizzeremo sugli step necessari per acquisire in modo costante dati, soffermandoci su come gestirli in modo adeguato per estrarre informazione utile. Faremo anche alcune riflessioni dal punto di vista tecnologico: vedremo ad esempio come introdurre e utilizzare le tecnologie “big data” al momento disponibili per poter gestire in modo efficiente l’intera pipeline del dato.

Non soltanto dati grezzi però. Una ulteriore riflessione (e caso d’uso) consisterà nell’immaginare un sistema analogo che riutilizzi però i dati “urbani” prodotti dalla statistica ufficiale, in particolare vedremo un prototipo che riutilizza in modo “intelligente” i dati prodotti da Istat incanalandoli in un framework “big data”.


@vincpatruno


Appuntamento il 23 maggio (ore 16-16,50): Programma e iscrizioni