di 

ERMES - Friuli Venezia Giulia

216 comuni del territorio collegati in fibra ottica per 2500 km di infrastruttura. Il progetto ERMES è arrivato finalista all'edizione 2015 del premio Agenda Digitale dell'Osservatorio Agenda Digitale del Politecnico di Milano, nella sezione “Finanziamento dell’Agenda Digitale”.

Foto di why 137 rilasciata sotto licenza CC https://www.flickr.com/photos/78752351@N03/9074163016

ERMES (an Excellent Region in a Multimedia European Society) è il programma con il quale la Regione Friuli Venezia Giulia intende operare per fare della Regione un'area europea di eccellenza nel campo dell'Information & Communication Tecnology (ICT).

In linea con gli obiettivi dell’Agenda Digitale Europea per il 2020 di dare impulso allo scambio dei dati e alla velocità nella trasmissione delle informazioni, il programma, che si prefigge di portare la banda larga alla pubblica amministrazione, a tutte le imprese e le famiglie del Friuli Venezia Giulia in cinque/sette anni finanzia una serie di interventi, volti a colmare il digital divide che affligge ampie zone del territorio regionale, attraverso l'infrastrutturazione della rete di telecomunicazione che, collegando zone marginali della regione, permetta di assicurare la connettività in banda larga tanto alla pubblica amministrazione che alle imprese e ai cittadini.

Iniziato nel 2014 dalla partnership tra Regione – Servizio infrastrutture di trasporto e comunicazione - e Insiel SpA, il progetto sta realizzando le dorsali in fibra ottica che collegano i 216 Comuni del territorio, garantendo il collegamento in banda larga alle sedi municipali, alle sedi pubbliche strategiche del Sistema Informativo Integrato Regionale e alle Zone Industriali, per oltre 2.500 km complessivi di infrastruttura. Una specifica misura del Programma è dedicata alla concessione in uso ad operatori TLC delle risorse della rete eccedenti il fabbisogno della PA e della Sanità regionali nelle aree a fallimento di mercato.

L’entità dell’investimento realizzato è imponente:

  • attivazione in 217 comuni;
  • collegamento di 1012 sedi utente;
  • 1679 chilometri di infrastruttura di dorsale;
  • 695 chilometri d’infrastruttura di cablaggio nelle 86 zone industriali afferenti i 18 Consorzi e Distretti industriali

regionali.

Altrettanto impressionanti sono il totale impegnato: 122.297.910,00 euro di cui il 4% provenienti da Fondi Europei a gestione indiretta (FESR e FEASR), il 26% di fondi nazionali e 70% di Fondi Regionali (la Regione ha finanziato direttamente larga parte dell’infrastruttura al fine di realizzare una rete pubblica quale asset abilitante per lo sviluppo di servizi nell’ambito del Sistema Informativo Integrato Regionale (SIIR)); e i costi di gestione della soluzione una volta implementata - per la manutenzione della Rete Pubblica in fibra ottica si stima un costo medio annuo, a regime, di circa 2 Milioni di Euro.

Torna al dossier "Premio agenda digitale 2015"