di 

La piattaforma Decidim: le novità a chiusura del 2017

La piattaforma partecipativa, nata nel 2016 dalla mano del Comune di Barcellona, è orientata non solo a ospitare tutti i processi partecipativi della città ma anche a costruire una vera democrazia rafforzando i legami politici, l’intelligenza e la volontà collettiva. A distanza di poco più di un anno dalla sua apertura, già moltissime sono le novità e gli aggiornamenti che ne hanno potenziato il valore

Photo by Héctor J. Rivas on Unsplash

    A nostro avviso, il Comune di Barcellona vince, insieme ad alcune altre realtà virtuose europee, il premio coinvolgimento civico per l’anno 2017. Innescando un processo partecipativo permanente a partire da giugno 2016 – di cui abbiamo avuto modo di parlare nelle puntate precedenti, il Comune di Barcellona ha incontrato feedback positivi dalla cittadinanza, co-progettando 17 iniziative locali, e comunicandone sistematicamente ogni novità. Oggi, con l’aiuto di Marta Almela Salvador, Ricercatrice IN3/ UOC (Internet Interdisciplinari Institute/ Open University of Catalonia), approfondiamo alcuni degli sviluppi strategici del progetto, e le proiezioni per il 2018.

    Qui di seguito, le novità degli ultimi mesi del 2017:

    • In primo luogo, a giugno 2017 è stato pubblicato da parte del Comune un bando di gara, del valore stimato di €430.836,63. Articolato in 5 lotti, e assegnato alle Società Codegram, Populate, Codi Tramuntana, il progetto finanziato avrà gli obiettivi - da raggiungere in un anno e cinque mesi - di migliorare e sviluppare il software decidim; coinvolgere il maggior numero possibile di aziende, cooperative e professionisti, e i migliori talenti del software libero per sviluppare le funzionalità future della piattaforma suggerite dalla comunità; contribuire a facilitare l’accesso dei cittadini ai processi di partecipazione e il loro coinvolgimento.
    • Ancora più innovativa e strategica la decisione del Comune di Barcellona di siglare un accordo di collaborazione con UOC - Universitat Oberta di Catalunya della validità di tre anni (quindi, fino alla fine del 2019) e del valore di € 300.000 per promuovere l’innovazione, la ricerca, lo sviluppo, la formazione e la diffusione nella partecipazione dei cittadini attraverso Decidim.
    • Nuove funzionalità sono state aggiunte:
      1. INIZIATIVE CITTADINE | Possibilità di presentare proposte di iniziativa popolare e di raccogliere firme e supporto, in quantità sufficienti a seconda delle tipologie proposte, definite dal regolamento comunale, portando all’avvio della procedura amministrativa;
      2. ASSEMBLEE E CONSIGLI MUNICIPALI O SETTORIALI | Convocazione di riunioni; creazione automatica dell’ordine del giorno, modulo online di iscrizione;
      3. COMUNICAZIONE TRA I PARTECIPANTI | Possibilità di inviare messaggi diretti ai partecipanti attraverso la piattaforma, ricevendo notifiche via mail;
      4. APERTURA DI UN BLOG.
    • Rispetto alle funzionalità già esistenti, invece, notiamo un potenziamento:
      1. PROPOSTE | A partire da ottobre, è possibile ri-categorizzare le proposte esistenti, e inserirle in più tipologie, al fine di favorirne una maggiore fruibilità; è stata implementata la possibilità di adesione delle organizzazioni alle proposte, oltre che quella di ritirare la propria proposta prima che venga aperta la fase di raccolta dei supporti o emendare quelle avanzate da terzi, a condizione che questi ultimi accettino.;
      2. VOTI E SUPPORTI | È stato implementato un sistema di voto ponderato per priorità;
      3. COMMENTI | Visualizzazione in due colonne dei commenti più votati a favore e di quelli più votati contro.

    Quelli elencati sono solo alcuni degli elementi sviluppati recentemente, che fanno registrare non solo un rafforzamento della progettazione strutturale della piattaforma, che si appresta a ospitare sempre più interazioni e contenuti, ma anche una generale tendenza a comunicare all’esterno le attività svolte. L’attività di disseminazione dei risultati – con la predisposizione della pagina blog, oltre che della newsletter periodica – diventa uno dei caratteri prioritari del gruppo di lavoro per il prossimo anno.

    E a proposito di aspettative, qui di seguito un’idea di quello che saranno le funzionalità aggiuntive per il 2018:

    • Aprile - Giugno 2018 - SISTEMA DI VOTO ELETTRONICO | Sistema di voto elettronico esterno integrato in termini di interfaccia e gestione e verifica dell'identità con Decidim.
    • Giugno 2018 - TESTI COLLABORATIVI | Da intendersi come fase di co-progettazione, ad esempio, di proposte di legge con conseguente possibilità di visualizzazione delle proposte come un testo unificato da commentare e emendare.
    • Giugno 2018 - EVENTI | Programma interattivo e scaricabile, invio degli inviti via email, sistema di registrazione, generazione di certificati di frequenza o diplomi in modo automatizzato per chi ne fa richiesta, collegamenti a piattaforme di video e ai materiali dell’evento nel programma e nella documentazione, collegamenti automatici a media digitali che seguono l’evento, follow-up delle sessioni attraverso i social network.
    • Settembre 2018 - SISTEMA DI ENGAGEMENT | Include due modalità:
      1. Sugli utenti, incorporando un sistema di punti basato su criteri quali il grado di dettaglio del profilo utente, il numero di inviti ad altre persone alla piattaforma, di proposte fatte e commentate, di supporti ottenuti o il numero di follower, da cui generare auto-generativi;
      2. Sulle proposte, che consente ai suoi promotori, firmatari e follower di promuovere l’interazione con le iniziative incorporando delle metriche come il numero di volte in cui la proposta è stata condivisa nei social network, o il grado di controversia (numero di commenti positivi e negativi).
    • Settembre 2018 – AIUTO CONTESTUALE | Per guidare i partecipanti e gli amministratori all’interno del portale, con test di usabilità, statistiche di utilizzo, e test di valutazione automatici.

    Le aspettative sono alte per il prossimo anno, e siamo tutti curiosi e speranzosi di non dover ridimensionare in primavera i desiderata. Il monitoraggio continua.