di 

Strumenti innovativi di acquisto, pubblicato il report del Cantiere Procurement

Foto di Zaira Biagini per FPA

FPA pubblica il report “Il procurement pubblico: strumenti innovativi e innovazione dei processi d’acquisto”, nato dal lavoro di analisi portato avanti dal Cantiere Procurement nel corso del 2016.

Il gruppo di lavoro, coordinato da Mauro Draoli (AgID) e composto da dirigenti delle amministrazioni centrali e regionali, vertici dei soggetti aggregatori, esperti del settore e rappresentanti delle aziende partner del Cantiere, ha focalizzato il dibattito sulle strategie da adottare per liberare le potenzialità del procurement pubblico quale fondamentale driver di innovazione, riconducendo a un ragionamento comune aspetti connessi all’innovazione dei processi di approvvigionamento ( e-procurement) e agli strumenti innovativi di acquisto (PCP, PPI, PPP, ecc.).

Il volume è gratuito, ma per scaricarlo è necessario essere iscritti alla community di FPA. Qui per scaricarlo.

Tre gli ambiti di analisi:

  1. lo sviluppo di nuove strategie di procurement e di demand management, incentrate sulla programmazione degli acquisti, l’adozione di modelli di misurazione delle performance dei fornitori e degli stesi soggetti aggregatori e la valorizzare degli strumenti di procurement dell’innovazione previsti dal nuovo codice degli appalti;
  2. la necessità di accompagnare le strategie innovative nel campo del procurement con un processo di cambiamento organizzativo delle centrali di acquisto, in termini di riqualificazione delle risorse umane e di innovazione nella gestione dei processi di approvvigionamento;
  3. la necessità di assicurare una maggiore contendibilità del mercato pubblico, in particolare in ambito IT, contrastando il rischio di esclusione dalla competizione di start-up e PMI derivante dai meccanismi di accentramento degli acquisti delineati dalle nuove norme del Codice degli appalti.

Per ciascun ambito vengono proposte alcune raccomandazioni prioritarie che FPA offre al decisore politico e ai responsabili di questa delicata policy.