di 

UICC: rilevata l'importanza di campagne di comunicazione sulle cause del cancro

I fraintendimenti su cosa scateni il cancro causano molta preoccupazione ai pazienti e confusione nel mondo della medicina. La Roy Morgan Research e la Gallup International hanno eseguito un sondaggio per conto dell'Unione internazionale contro il cancro (UICC) che fa luce sull'argomento. La loro ricerca ha mostrato che le persone sono inclini ad esagerare sul pericolo derivante dai fattori ambientali, anche se questi hanno scarso effetto sulla malattia. Dall'altra parte, sottovalutano i comportamenti a rischio dimostrati essere determinanti fattori scatenanti del cancro.

I fraintendimenti su cosa scateni il cancro causano molta preoccupazione ai pazienti e confusione nel mondo della medicina. La Roy Morgan Research e la Gallup International hanno eseguito un sondaggio per conto dell'Unione internazionale contro il cancro (UICC) che fa luce sull'argomento. La loro ricerca ha mostrato che le persone sono inclini ad esagerare sul pericolo derivante dai fattori ambientali, anche se questi hanno scarso effetto sulla malattia. Dall'altra parte, sottovalutano i comportamenti a rischio dimostrati essere determinanti fattori scatenanti del cancro. Le loro scoperte sono state rivelate al Congresso mondiale sul cancro dell'UICC tenutosi recentemente in Svizzera.
Esaminando un campione di 29.925 persone di 29 paesi diversi, i ricercatori sono stati in grado di individuare le aree in cui potevano essere salvate vite umane Il loro studio è stato il primo nel suo genere, in particolare perché ha fornito dati confrontabili sulla percezione dei fattori di rischio del cancro in una prospettiva globale.

Il dott. David Hill, presidente eletto dell'UICC, ha detto che le scoperte dello studio incoraggeranno i governi di tutto il mondo ad avviare campagne educative che potrebbero migliorare la vita di molti. "Il sondaggio rivela l'esistenza di alcuni importanti messaggi che rimangono inascoltati," ha detto il dott. Hill, che è anche capo del Cancer Council Victoria, in Australia. "Questo tipo di dati ci aiuta a quantificare le differenze tra i paesi e a individuare i punti che hanno bisogno di maggiore impegno," ha aggiunto. "In alcuni di questi paesi sono stati eseguiti raramente dei sondaggi popolari per contribuire nei tentativi di programmazione."

Secondo il dottor Hill, occorre dare delle linee guida alla popolazione per aiutarla a riconosere la necessità di cambiare, in particolare nella percezione di questa malattia. "Occorre mostrare alla gente come cambiare, bisogna fornire risorse per sostenere il cambiamento," ha spiegato. Il cambiamento è anche possibile attraverso un rafforzamento positivo, ha aggiunto. "È possibile realizzare tutto ciò attraverso programmi educativi che potrebbero motivare e supportare un cambiamento del comportamento". Fonte: Cordis