di 

Osservatorio nazionale Smart City ANCI – prossimi appuntamenti

Si è avviato il 30 maggio al Forum PA 2013 il percorso di definizione del vademecum condiviso per la pianificazione delle città promotrici dell’Osservatorio Smart City di ANCI che verrà presentato alla Smart City Exhibition, il prossimo ottobre a Bologna. La prima tappa romana ha visto la partecipazione al tavolo di lavoro a porte chiuse di 30 delle 42 città attualmente aderenti all’iniziativa di ANCI e di oltre 300 persone al seminario su “Fondi e finanziamenti per la Smart City”.

Si è avviato il 30 maggio al Forum PA 2013 il percorso di definizione del vademecum condiviso per la pianificazione delle città promotrici dell’Osservatorio Smart City di ANCI che verrà presentato alla Smart City Exhibition, il prossimo ottobre a Bologna. La prima tappa romana ha visto la partecipazione al tavolo di lavoro a porte chiuse di 30 delle 42 città attualmente aderenti all’iniziativa di ANCI e di oltre 300 persone al seminario su “Fondi e finanziamenti per la Smart City”.

Gli interventi delle città che si sono susseguiti nella mattinata di lavoro hanno fatto emergere la ricchezza delle esperienze in atto nei diversi contesti urbani ma anche, senza dubbio, le criticità che un processo come quello della trasformazione in città del benessere, dell’innovazione, di qualità della vita e sostenibilità porta con sé: il cambiamento culturale, il necessario scatto di competenze del management delle amministrazioni locali, la partecipazione reale, il complesso passaggio delle aziende da fornitrici a partner, il superamento dei campanilismi e il bisogno di creare reti di città che siano in grado di competere sui finanziamenti europei, il bisogno di lavorare su visioni di sviluppo integrate e non su ambiti verticali e settoriali. Queste, e molte altre, sono state le sollecitazioni che le città hanno messo sul tavolo dell’Osservatorio, chiedendo ad ANCI di porsi come facilitatore di un confronto strutturato tra le città su questi temi ma anche, allo stesso tempo, di agevolare il trasferimento dei processi e degli strumenti già sperimentati in alcune delle città pioniere anche ai comuni che stanno avviando ora il percorso di trasformazione.

Il lavoro di definizione condivisa del vademecum parte, dunque, da queste riflessioni e le affronta attraverso un fitto calendario di appuntamenti, webinars e incontri in presenza. Il primo - “Smart communities. Piccole e grandi” - è fissato per mercoledì 26 giugno, dalle15:30 alle 16:30, e affronta proprio uno dei temi “caldi” del tavolo di lavoro del 30 maggio: cosa vuol dire trasformazione urbana e pianificazione strategica in ottica “smart” per i Comuni medi e piccoli?

A questo primo appuntamento seguiranno:

  • Mercoledì 3 luglio, 12:00 - 13:00 “L’analisi del territorio per la pianificazione della Smart City”. Webinar in cui si parlerà di metodi e strumenti di analisi, quantitativa e qualitativa, dei bisogni vecchi e nuovi da un lato e dei talenti e delle vocazioni della città dall’altro.
  • Mercoledì 17 luglio, 12:00 - 13:00 - “Quali competenze e quale organizzazione per la PA al governo della Smart City?” Webinarfinalizzato a capire quali debbano essere i cambiamenti e le iniziative messe in campo dalle città, sul piano dell’organizzazione interna della PA e delle competenze del management pubblico.
  • 2-6 settembre. Le città dell’osservatorio saranno ospitate a Trento. In questa occasione si discuterà sul tema del coinvolgimento e della mappatura dei soggetti attivi e degli stakeholders, della definizione della visione e dei metodi di co-design delle progettualità.
  • Mercoledì 18 settembre, 12:00 - 13:00. Webinar in cui affronteremo il tema della “Governance del cambiamento: quale regia per la Smart City?”
  • 16-18 ottobre, SMART CITY EXHIBITION di Bologna. L’osservatorio sarà uno dei protagonisti di Smart City Exhibition 2013, in occasione dell’evento bolognese sarà lanciato il vademecum nella sua versione definitiva e si darà avvio alle fasi di accompagnamento e sperimentazione.