Roma traccia la flotta della nettezza urbana - FPA

Roma traccia la flotta della nettezza urbana

Home Temi Verticali Energia e Ambiente Roma traccia la flotta della nettezza urbana

Al via un progetto pilota per il tracciamento ed il telecontrollo di 1200 mezzi della flotta dell’AMA – la municipalizzata di Roma Capitale che si occupa, tra l’altro, della raccolta dei rifiuti. Grazie a WiFi e GPRS, il nuovo sistema di tracciamento veicoli permette di conoscere l’esatta posizione dei mezzi per gestire nel modo migliore il lavoro e la pulizia della città.

2 Settembre 2015

R

Redazione FORUM PA

Per la prima volta le attività di pulizia e raccolta dei rifiuti della Capitale saranno monitorate attraverso un “Sistema Tracciamento Veicoli” (STV), che si basa su tecnologie di trasmissione dati WiFi e GPRS. Il sistema segnala e registra i percorsi svolti dai mezzi, la raccolta dei rifiuti, le attività di spazzamento e lavaggio meccanizzato in corso. L’applicazione fornisce inoltre anche dati di diagnostica e di allarme relativi al funzionamento del mezzo e dell’attrezzatura impiegati.

Dal 1 luglio un’apposita Sala operativa monitora e gestire in tempo reale i servizi erogati quotidianamente dall’azienda per rispondere in maniera più adeguata alle esigenze dei romani. Il nuovo sistema è volto a innovare i processi di gestione di Ama in una logica industriale per il miglioramento del servizio, la prevenzione di eventuali anomalie e l’ottimizzazione dei percorsi attarverso l’analisi delle potenzialità non sfruttate (ad esempio di carico) di ogni veicolo. Per completare la supervisione ed avere una paniramica completa e puntale sulla logistica dell’intera flottra, inoltre, anche le 5 autorimesse dove stazionano i mezzi pesanti sono state dotate di stazioni di trasmissione.

Come funziona e cosa rileva l’STV

La sala operativa raccoglie e gestisce, nel suo centro elaborazione dati H24 e 365 giorni l’anno,le informazioni provenienti dai sistemi periferici elettronici e software installati a bordo dei 1200 mezzi già cablati e delle autorimesse.

Il sistema è in grado di localizzare in tempo reale la posizione del mezzo sul territorio, consentendo il monitoraggio del servizio effettivamente svolto (es. svuotamento dei cassonetti, spazzamento e/o lavaggio stradale) e conservando anche il dato storico dei percorsi effettuati. Il personale della sala, riceve i dati attraverso sistemi interattivi ed è in grado di monitorare lo spostamento dei mezzi localizzati su mappe, registrare informazioni utili sulle modalità del servizio e la diagnostica di bordo (velocità, chilometri percorsi, livello del carburante), segnalare eventuali allarmi (guasti, ecc.) riepilogando su schede di servizio analitiche i dati trasmessi. Il sistema consente il monitoraggio real time dei mezzi, l’analisi ed il controllo della raccolta dei rifiuti (peso del rifiuto trasportato, numero e peso di carico e scarico rifiuti, grafici su mappa di tutti i cassonetti trattati in un turno di lavoro) e la ricezione delle anomalie dei veicoli per la pianificazione del piano di manutenzione.
Il sistema STV permette di conoscere in modo analitico, per ogni singolo mezzo, i tempi di lavoro. È possibile anche centrare la mappa su un singolo mezzo e seguire i suoi spostamenti e la sua attività sulla cartina stradale. I dati ricevuti forniscono anche informazioni dettagliate sul traffico veicolare, estremamente importanti per l’ottimizzazione dei servizi.

Una volta a regime, il progetto prevede ulteriori sviluppi fondamentali per garantire il decoro della Capitale. A febbraio 2016, infatti, sarà approntata una Sala operativa integrata presso uno stabilimento Ama, che assumerà il ruolo di vera e propria “cabina di regia” delle attività operative quotidiane aziendali.

I primi dati

L’Ama ha diffuso i dati ricavati dalle prime rilevazioni su un campione dei 1200 mezzi:

  • Circa 80 percorsi di spazzamento/giorno effettuati dal campione delle spazzatrici (1,5 medi/giorno per ciascun veicolo )
  • Circa 30 giri di raccolta/giorno effettuati dal campione dei compattatori (1,5 medi/giorno per ciascun veicolo )
  • 27 chilometri effettuati giornalmente da ciascuna spazzatrice
  • 2.700 cassonetti svuotati giornalmente (90 cassonetti medi per servizio)
  • Velocità media di marcia delle spazzatrici: 14 km/h
  • Velocità media di marcia dei comnpattaori: 22 km/h

Le tappe del progetto

Il progetto prevede fasi progressive di avanzamento. Entro la fine del 2015, verranno cablate con il sistema WiFi anche le sedi di zona Ama (60) da cui partono i mezzi più piccoli e verranno installati i dispositivi elettronici di bordo per coprire l’intera flotta operativa (obiettivo, 2000 mezzi interessati).
Il sistema di rilevamento e monitoraggio dei mezzi è parte del processo di informatizzazione dei servizi e delle attività di AMA e dovrà interfacciarsi e integrarsi con altri strumenti informativi attualmente utilizzati da Ama, in particolare il BDO, la Banca Dati Operativa interna che garantisce la programmazione dei servizi di igiene urbana e che Ama in questo periodo sta ulteriormente implementando.

A febbraio 2016, sarà approntata una operativa integrata AMA, che sostituirà l’attuale Centrale operativa di vecchia generazione.
Gli operatori di sala, opportunamente formati attraverso l’attività nell’attuale sala operativa sperimentale, impiegando queste tecnologie all’avanguardia svolgeranno funzioni complete di operation control, diventando il fulcro dell’attività operativa quotidiana dell’azienda.

Il sistema di rilevamento e monitoraggio dei mezzi è parte del processo di informatizzazione dei servizi e delle attività di Ama.