Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Quando lo sport vale 19 euro: l’investimento dei grandi comuni

Home Economia Quando lo sport vale 19 euro: l’investimento dei grandi comuni

Mentre oggi viene presentata ufficialmente la candidatura olimpica di Roma 2024, diamo un sguardo all’investimento dei grandi comuni italiani per lo sport.

17 Febbraio 2016

R

Redazione Openpolis

In media la spesa annua pro capite è di 19 euro. Nell’ultimo anno di rilevazione guidavano Firenze, Trieste e Torino.

Ma quanto vale lo sport per le nostre amministrazioni comunali? Grazie a openbilanci è possibile mettere le mani in tasca ai nostri sindaci, e vedere quanto, anno dopo anno, venga investito per lo sport.

Parliamo della sommatoria delle spese che il Comune sostiene per l’erogazione di servizi sportivi (es: corsi pubblici) ma anche per la manutenzione e la costruzione di impianti sportivi comunali (piscine, stadi, ecc) e il sostegno o l’organizzazione di manifestazioni sportive locali. Nell’ultimo anno di rivelazione, 2013, fra le 15 città più popolose d’Italia, la spesa media pro capite era di €19.

A guidare la classifica Firenze (€44,98), Trieste (€39,11) e Torino (€34,73). In fondo al ranking troviamo Genova (€5,22), Roma (€3,42) e infine Palermo (€3,12).

Per approfondimenti:

Torna al dossierTrasparenza e controllo sociale, Open bilanci al servizio della cittadinanza responsabile

Su questo argomento

Il PON IC si racconta a Palermo: appena partiti due interventi per oltre 900 milioni di euro