La comunicazione digitale della PA: e-democracy, e-government, open government e social media. Un approfondimento sul caso Covid-19 - FPA

La comunicazione digitale della PA: e-democracy, e-government, open government e social media. Un approfondimento sul caso Covid-19

Home PA Digitale La comunicazione digitale della PA: e-democracy, e-government, open government e social media. Un approfondimento sul caso Covid-19

Vi proponiamo la tesi realizzata da Francesco D’Agostino, che con questo lavoro ha conseguito la Laurea con lode in “Scienze dell’Informazione: Comunicazione Pubblica e Tecniche Giornalistiche” presso l’Università degli Studi di Messina. “Sarebbe una grande soddisfazione essere letti da una realtà importante e competente come la vostra nel campo della comunicazione digitale”, ci ha detto Francesco e quindi ecco a voi…buona lettura!

29 Luglio 2021

F

Redazione FPA

Photo by Lauren Mancke on Unsplash - https://unsplash.com/photos/aOC7TSLb1o8

“La comunicazione digitale della Pubblica Amministrazione: e-democracy, e-government, open government e social media. Un approfondimento sul caso Covid-19” è il titolo della tesi di laurea che ci ha inviato Francesco D’Agostino, studente magistrale di Comunicazione presso l’Università “La Sapienza” di Roma, che con questo lavoro ha conseguito la Laurea con lode in “Scienze dell’Informazione: Comunicazione Pubblica e Tecniche Giornalistiche”, percorso Comunicazione Pubblica, presso l’Università degli Studi di Messina.

“L’obiettivo della tesi – ci spiega Francesco – è fornire un’analisi aggiornata dei comparti d’azione citati nel titolo, e successivamente inserirsi nell’attualità con un caso studio finale sulla comunicazione sanitaria rispetto a Covid-19. Per redigere la mia tesi ho fatto riferimento, tra i numerosi testi ed articoli accademici, anche ad alcuni articoli da voi pubblicati. Per me è stato un prezioso aiuto e per questo avrei il piacere di condividere con voi e con i vostri lettori la mia tesi, piuttosto che lasciarla nel cassetto di un dipartimento universitario o in una cartella dimenticata sul desktop. Sarebbe una grande soddisfazione essere letti da una realtà importante e competente come la vostra nel campo della comunicazione digitale”.

Abbiamo quindi accolto con piacere l’invito a condividere il suo lavoro.

Di seguito un abstract di sintesi inviato dall’autore. Potete scaricare il lavoro completo.

Il presente lavoro ha come oggetto la comunicazione della Pubblica Amministrazione – conosciuta come comunicazione pubblica – rispetto ai mezzi di comunicazione digitale. In particolare, si pone l’attenzione sulle politiche e strategie di democrazia elettronica (e-democracy), governo elettronico (e-government) e governo aperto (open government). Inoltre, è riservata una specifica analisi all’uso dei social media nell’ambito della comunicazione pubblica. L’ultima parte del lavoro, infine, è dedicata a un approfondimento sulla comunicazione della pandemia da Covid-19.

Ciò che ha portato all’analisi di questi temi è la crescente importanza dei mezzi di comunicazione digitale nel campo della comunicazione pubblica. L’obiettivo di questa tesi è fornire un’analisi aggiornata dei comparti d’azione sopracitati, che unisca contributi teorici a rimandi pratici. L’elaborato mira a presentare i singoli argomenti sotto molteplici chiavi di lettura, affinché il lettore possa sviluppare un punto di vista critico e non prettamente manualistico.

A tal fine sono stati consultati i lavori di numerosi autori – sia italiani che stranieri – sotto forma di articoli accademici o monografie, nonché sono state analizzate delle strategie poste in essere da alcune amministrazioni pubbliche.

Il lavoro consta di tre capitoli.

Il primo capitolo funge in primis da strumento contestualizzante, aprendosi con l’analisi dell’oggetto di studio della comunicazione pubblica e con un breve excursus storico della disciplina. È a partire dal secondo paragrafo che si entra nel cuore della trattazione, con l’analisi di e-democracy, e-government e open government. Intimamente connessi, tali settori vengono esaminati – oltre che nei loro caratteri specifici – in relazione a questioni comuni come la partecipazione civica (engagement), il digital divide e lo stato d’avanzamento rispetto all’ambiente europeo.

Il secondo capitolo, dedicato interamente ai social media, analizza le principali possibilità d’utilizzo di tali strumenti all’interno di una strategia di comunicazione integrata. Viene allora analizzato il processo di adozione sia da parte dei cittadini che da parte delle amministrazioni, senza eludere i possibili rischi o usi impropri, come la politicizzazione dei canali istituzionali. Il capitolo si conclude con una breve rassegna di strategie e buone pratiche d’uso.

Il terzo capitolo, di stampo eminentemente pratico, è dedicato all’analisi della comunicazione di crisi originatasi sulla pandemia da Covid-19. Dopo un generale discorso rispetto alla gestione delle crisi in un ambiente comunicativo ormai caratterizzato dalla disintermediazione, è stata analizzata la strategia del Ministero della Salute, ravvisando alti e bassi. Infine, è stato esaminato l’hashtag #IoRestoACasa, ovvero le sue caratteristiche e il suo impatto sulla comunicazione istituzionale.

In definitiva, il lavoro ha permesso di identificare prospettive inedite nella letteratura italiana di settore, nonché alcune implicazioni interessanti. Il lettore troverà sintetico rimando di esse nelle conclusioni.