Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

41° Congresso Sumai: si chiede “più territorio”

Home Riforma PA Procurement Pubblico 41° Congresso Sumai: si chiede “più territorio”

"Piu’ territorio per un sanita’ sostenibile: dallo specialista ambulatoriale alla specialistica territoriale". Su queste basi poggia il 41esimo congresso Sumai – Assoprof – Sindacato Unico Medicina Ambulatoriale Italiana e Professionalita’ dell’Area Sanitaria,  che si sta svolgendo a Santa Trada di Villa San Giovanni – Reggio Calabria. Il congresso, i cui lavori sono iniziati martedi’ scorso, si concludera’ nella tarda mattinata di sabato 18 ottobre.

17 Ottobre 2008

R

Redazione FORUM PA

Articolo FPA

"Piu’ territorio per un sanita’ sostenibile: dallo specialista ambulatoriale alla specialistica territoriale". Su queste basi poggia il 41esimo congresso Sumai – Assoprof – Sindacato Unico Medicina Ambulatoriale Italiana e Professionalita’ dell’Area Sanitaria,  che si sta svolgendo a Santa Trada di Villa San Giovanni – Reggio Calabria. Il congresso, i cui lavori sono iniziati martedi’ scorso, si concludera’ nella tarda mattinata di sabato 18 ottobre.

"In questo momento preciso – ha detto il Segretario nazionale Roberto Lala  – oltre all’attivita’ prestazionale che deve rimanere perche’ comune e necessaria, riteniamo che la nostra attivita’ deve essere legata alla presa in carico dei bisogni del paziente, intesi nel vero senso della parola, che cominciano da quella che e’ la prevenzione a quelle che sono le patologie croniche e multiorgano".
"Compito specifico della politica – continua Lala – e’ intervenire nella concreta organizzazione della vita collettiva, non soltanto fare analisi astratte. Per questo non e’ piu’ rinviabile un grande sforzo di realizzazione perche’ la sanita’ territoriale abbia gli strumenti adeguati a fornire i servizi sanitari necessari a rendere davvero moderna e sostenibile la nostra sanita’".

C’e’ una trattativa aperta per il rinnovo del contratto nazionale, scaduto ormai da oltre due anni che – sostiene Lala – e’ un’ottima occasione per cominciare a tradurlo in realta’ "Il prossimo 23 ottobre avremo un nuovo incontro. A tal proposito c’e’ stato gia’ un deliberato del comitato di settore dello scorso 8 ottobre che va verso una rapida chiusura della trattativa per quanto riguarda, non solo il biennio economico, ma anche il quadriennio giuridico. Tutti noi speriamo di chiudere ad inizio d’anno. Fonte: Sanità Calabria

Su questo argomento

Dall’analisi interna delle politiche alle ricadute sul territorio – Smart Benchmarking Cremona