Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

La spesa per la cultura dei comuni italiani

Home Temi Verticali Cultura e Turismo La spesa per la cultura dei comuni italiani

Biblioteche, musei e teatri: quanto valgono per i comuni italiani? Le 15 città più popolose d’Italia nell’ultimo anno di rilevazione hanno speso in media 60 euro a cittadino per la cultura. In cima alla classifica Firenze, Trieste e Milano.

24 Febbraio 2016

R

Redazione Openpolis

Su openbilanci è possibile scoprire a quanto ammonta l’investimento dei comuni italiani per la cultura. Parliamo della somma delle spese che il comune sostiene per promuovere attività culturali sul suo territorio e per la costruzione e manutenzione degli edifici in cui queste hanno luogo. Per quanto riguarda teatri, biblioteche e musei si include: il pagamento del personale addetto, l’acquisto di libri o altro materiale necessario, la costruzione e manutenzione dei locali, l’organizzazione di eventi e la relativa promozione.

Nel 2013, ultimo anno di rilevazione, la spesa media annua pro capite delle 15 città più popolose, era di €60. A guidare la classifica Firenze (€243,04), Trieste (€83,64) e Milano (€70,96). In fondo troviamo Bari (€15,09), Palermo (€11,05) e Messina (€5,52).

Rispetto all’anno precedente, il capoluogo toscano ha raddoppiato la spesa per la cultura, ed è l’unica città fra quelle prese in considerazione che supera i 100 euro . Conferma inoltre un trend che dal 2008 la vede costantemente in crescita, rimanendo in cima alla classifica dal 2011.

Per approfondimenti:

Torna al dossierTrasparenza e controllo sociale, Open bilanci al servizio della cittadinanza responsabile

Su questo argomento

Politiche e azioni per la città sostenibile: Urbact III, Transfer network alla ricerca di nuovi partner italiani