Motore Sanità, ad Asiago la summer school che pensa al futuro del SSN - FPA

Motore Sanità, ad Asiago la summer school che pensa al futuro del SSN

Con il titolo “Il futuro del SSN tra modelli organizzativi, sostenibilità ed innovazione” dal 18 al 20 settembre, nella splendida cornice di Asiago, si rinnova l’appuntamento con la Summer School di Motore Sanità dove la sostenibilità del Servizio Sanitario Nazionale rimane il tema di fondo su cui articolare ragionamenti, analisi e proposte nelle varie tematiche al centro dell’attenzione di tutto il mondo della sanità italiana. Tre giornate di dibattito a porte chiuse da cui scaturirà una sintesi sui temi trattati, temi che spaziano dall’organizzazione del SSN, all’IT applicata alla sanità.

Sarà il Presidente di FORUM PA, Carlo Mochi Sismondi, ad aprire i lavori moderando la tavola rotonda della prima giornata. Alle ore 14.30 si partirà con l’analisi del modello attuale del sistema in lenta e tacita trasformazione, si esplicherà con esempi reali che cosa significano appropriatezza, il rapporto tra medici di famiglia e pazienti ed il ricorrente tema del rapporto ospedale-territorio.

A confrontarsi saranno i protagonisti della Sanità Italiana e dell’Information Technology tra cui Stefano Campostrini – Dipartimento di Economia Università Ca’ Foscari di Venezia, Livio Garattini, Direttore Laboratorio CESAV – Istituto Mario Negri, Nicoletta Luppi, Presidente del Gruppo Vaccini di Farmindustria per il biennio 2015-2016, Domenico Mantoan – Direttore Generale Sanità Regione del Veneto, Giacomo Milillo – Segretario Generale Nazionale FIMMG, Roberto Moriondo, Rappresentante delle Regioni AGID, Sabina Nuti – Professore Ordinario di Economia e Gestione delle Imprese presso la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, Giacomo Pellissero – Presidente AIOP.

Per prendere visione del programma e iscriversi.

Nei giorni successivi si affronteranno le problematiche legate all’innovazione, al suo vero significato ed alla sostenibilità della medesima. Il caso dei nuovi farmaci per il trattamento dell’Epatite C non sono che il primo esempio eclatante del difficile compito nel coniugare cura, diritto all’accesso delle medesime, universalità e governance economica del SSN e delle sue articolazioni regionali.

Governance che si dibatte tra centralismo e federalismo incompiuto, tra limitazione dei poteri legislativi regionali e capacità di gestione centralizzata, tra politica e tecnocrazia. Gli stessi enti regolatori quali AIFA, ISS ed Agenas dovranno, secondo alcuni, riformularsi e riorganizzarsi per sostenere compiutamente la trasformazione centralistica della sanità italiana.

Infine in una delle giornate della scuola si parlerà dell’importanza della tecnologia digitale per garantire un futuro all’altezza delle sfide di cui sopra.

In un mondo sempre più globalizzato e digitale, dove deve essere garantita la libera circolazione delle persone, un SSN in radicale trasformazione trova nelle tecnologie dell’informazione e delle comunicazioni un formidabile alleato capace di conseguire risultati di razionalizzazione della spesa senza compromettere la qualità dei servizi erogati agli assistiti/pazienti, che devono ormai rispondere a standard internazionali.

La sessione della Summer School dedicata alla Sanità Digitale metterà a confronto i mondi della medicina, della ricerca e dell’information, communication and knowlegde technology con l’obiettivo di delineare scenari e identificare i percorsi capaci di passare dalla teoria alla prassi quotidiana all’interno del nostro SSN.