Torna alla manifestazione Logo manifestazione
Seminario Online

L’AWS | Intel serie: “Storie che accendono idee” | Città di Torino: Come utilizzare satelliti e cloud per costruire comunità sostenibili [S.16]

15 Giugno dalle 10:00 alle 10:30

Sala VERDE

Indirizzo copiato negli appunti

Come si possono coniugare immagini satellitari, gli algoritmi di intelligenza artificiale e il machine learning con le esigenze di sostenibilità di una comunità urbana come quella di Torino? Latitudo40 e Torino City Lab, in collaborazione con AWS, hanno creato un applicazione che fornisce gli indicatori di sostenibilità urbana attraverso il processing di vaste quantità di dati provenienti da immagini satellitari e la comparazione con altre rilevazioni. “La possibilità di creare un gemello digitale della città per individuare le aree più idonee all’applicazione di Nature Based Solutions e monitorare la loro efficacia è l’esempio di come le tecnologie satellitari possano fornire un enorme contributo alle città per essere sempre più sostenibili e resilienti al cambiamento climatico”.

Rivedi il video del Seminario.

Programma dei lavori

  • Intervengono[S.16]


    •  Guido Baraglia
      Guido Baraglia

      Head of Space & Satellite EMEA Amazon Web Services

      L’esperienza di Guido nel settore aerospaziale copre oltre 30 anni, dalle operazioni con stazioni terrestri di terra alla gestione del traffico satellitare e all’assistenza utenti, dallo sviluppo di nuovi mercati fino al più recente impegno alla guida della neonata business unit di Amazon Web Services dedicata alle tecnologie spaziali in EMEA.

      La profonda conoscenza del business aerospaziale consente a Guido di essere molto efficace nello sviluppo di nuovi mercati e nuove applicazioni, comprendendo le esigenze dei clienti e proponendo la soluzione più adeguata anche a esigenze complesse o innovative. Uno dei primi sostenitori dell’evoluzione della virtualizzazione di terminali terrestri, immagina un futuro con un’infrastruttura senza interruzioni basata su cloud, in cui lo parte spazio è uno degli elementi chiave della comunicazione globale e della rete di distribuzione dei contenuti.

      Il ruolo primario di Guido è supportare l’innovazione nel segmento spaziale in EMEA, concentrandosi sull’opportunità di utilizzare funzionalità cloud avanzate con reti e servizzi satellitari, per consentire una trasformazione epocale dell’ecosistema spaziale. Il ruolo permette di toccare ogni aspetto del business spaziale: dai sistemi di terra, alle comunicazioni, all’analisi di immagini dati racollti da satelliti di osservazione della terra, ai veicoli spaziali, ai razzi, alle missioni umane, alla produzione in orbita e molto altro

    •  Elena Deambrogio
      Elena Deambrogio

      Head of Smart City, Innovation, EC projects office, Innovation and EU Funds Service Città di Torino

      Elena Deambrogio, responsabile progetti di innovazione, Smart City, progetti e fondi europei per la Città di Torino Con un background accademico e lavorativo in Affari Internazionali ed Europei, la Dott.ssa Deambrogio lavora da 15 anni per il Comune di Torino come Innovation Manager ed esperta in fondi europei. Dal 2016 è responsabile del dipartimento che si occupa di Smart City e progetti europei (Head of Smart City & EU projects Unit), promuovendo progetti ed iniziative sulle transizioni digitale ed ecologica. Dal 2018 è responsabile dell’iniziativa “Torino City Lab”, un ambiente che mira a promuovere il co-sviluppo e la sperimentazione di soluzioni innovative di interesse urbano con imprese e attori di R&S. Dal 2021 gestisce il progetto “Casa delle Tecnologie Emergenti del Comune di Torino – CTE NEXT”. Cofinanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico, il progetto coinvolge ulteriori 12 partner locali per l’innovazione. L’obiettivo di CTE NEXT è favorire lo sviluppo tecnologico e l’accelerazione di start-up e PMI attive nel campo del 5G e delle tecnologie emergenti con un focus sui principali settori strategici per Torino: mobilità intelligente (terra e aria), Industria 4.0 e servizi urbani innovativi. Per maggiori informazioni: www.torinocitylab.com; www.ctenext.it.

    •  Laura Ribotta
      Laura Ribotta

      Ingegnere, Dipartimento Progetti Programmazione Città di Torino

      Dopo aver conseguito un dottorato di ricerca in Ingegneria ambientale, l’Ing. Ribotta lavora per la Città di Torino su progetti di Smart City, su tematiche educative, tecnologiche ed ambientali (Nature Based Solutions, Circular Economy).

    •  Gaetano Volpe
      Gaetano Volpe

      Co-Founder and CEO Latitudo40

      Gaetano Volpe, con oltre 20 anni di esperienza nel settore spaziale e delle telecomunicazioni, è un business coach con una vasta esperienza nello sviluppo di strategie, nell’ideazione di modelli di business

      e nella pianificazione applicata ad startup, PMI e grandi aziende. Ha una consolidata esperienza nello sviluppo del business, nell’innovazione tecnologica/R&D e nella progettazione di strategie di crescita nei mercati internazionali. Attualmente è Founder e CEO di Latitudo 40, startup nel settore EO downstream, e Founder e CFO di Esferatros, startup lussemburghese focalizzata su un nuovo vettore satellitare per piccoli satelliti.

      Gaetano è costantemente orientato a supportare le aziende e le organizzazioni nella loro trasformazione digitale, ponendo gli insight data-driven al centro di ogni decisione per lo sviluppo e la validazione di modelli di business innovativi, utilizzando metodologie strutturate basate sui concetti di Lean Organisation e Design Thinking, per trasformare visioni e idee innovative in successi di business, attraverso simulazioni e validazione sul campo (validated learning). Esperienza professionale altamente diversificata, costantemente caratterizzata dal raggiungimento di risultati attraverso il lavoro di squadra e il forte impegno personale, con una comprovata esperienza nella definizione e nello sviluppo di progetti complessi, nella guida dell’esecuzione e nella gestione del cambiamento per ottenere risultati. Per Gaetano lo spazio non è solo un lavoro, ma una passione che coltiva fin da quando era bambino e sognava di diventare astronauta.

A cura di