Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L’Open Source e la pubblica amministrazione. A che punto siamo?

Home PA Digitale L’Open Source e la pubblica amministrazione. A che punto siamo?

Si è tenuto stamattina un convegno dedicato alla "Open Source e la pubblica amministrazione, tra ritardi e opportunità".
Durante l’incontro promosso dalla facoltà di statistica dell’Università "La Sapienza", Paolo Subioli ha tracciato un quadro esaustivo dello scenario attuale del software libero nella pubblica amministrazione.

Ve ne proponiamo le slide e il video, suddiviso in quattro parti.

23 Giugno 2009

L

Letizia Pica

Articolo FPA

Si è tenuto stamattina un convegno dedicato alla "Open Source e la pubblica amministrazione, tra ritardi e opportunità".
Durante l’incontro promosso dalla facoltà di statistica dell’Università "La Sapienza", Paolo Subioli ha tracciato un quadro esaustivo dello scenario attuale del software libero nella pubblica amministrazione.

Ve ne proponiamo le slide e il video, suddiviso in quattro parti.


SECONDA PARTE

 

TERZA PARTE

QUARTA PARTE

Il convegno è stata anche l’occasione per presentare Hymera, un sistema operativo italiano basato su Linux.
Il nucleo del sistema operativo è stato ottenuto attraverso la modifica e, in alcuni casi, la totale riscrittura di alcuni moduli appartenenti al mondo Open Source, in particolare del kernel di Debian.
Gli sviluppatori di Hymera hanno arricchito il software con caratteristiche tecnologiche altamente innovative che, di fatto, lo distinguono da una comune distribuzione qualificandolo come un sistema operativo autonomo ed indipendente.

Su questo argomento

Software open source: verso nuove modalità di relazione tra PA e cittadino