Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Chi sponsorizza la Provincia? Macerata apre il web istituzionale a pubblici e privati

Home Open Government Comunicazione Pubblica Chi sponsorizza la Provincia? Macerata apre il web istituzionale a pubblici e privati

Le pubbliche amministrazioni non possono sostenere spese per le sponsorizzazioni. Lo stabilisce la Finanziaria. Ma possono essere “sponsorizzate”? Alla Provincia di Macerata rispondono di si. Il Commissario prefettizio della Provincia di Macerata ha infatti deciso di offrire a imprese, soggetti privati e pubblici spazi pubblicitari a pagamento sui siti web dell’amministrazione.

26 Ottobre 2010

R

Redazione FORUM PA

Articolo FPA

Le pubbliche amministrazioni non possono sostenere spese per le sponsorizzazioni. Lo stabilisce la Finanziaria. Ma possono essere “sponsorizzate”? Alla Provincia di Macerata rispondono di si. Il Commissario prefettizio della Provincia di Macerata ha infatti deciso di offrire a imprese, soggetti privati e pubblici spazi pubblicitari a pagamento sui siti web dell’amministrazione.

La sperimentazione partirà proprio dal sito istituzionale dell’ente provinciale. Le entrate da “sponsorizzazioni”  – fanno sapere dalla Provincia – saranno destinate principalmente alla gestione e all’innovazione dei servizi telematici e di e-government.

A regolare le sponsorizzazioni – la cui gestione è affidata ad una società a completo capitale pubblico, Task srl, di cui la Provincia è socio di maggioranza con il 51% – una delibera del Commissario, che fornisce indicazioni precise a partire dalla scelta del contraente, alla richiesta  di rispetto dei principi comunitari in materia contrattuale e dei requisiti di eticità fino a esplicitare le  regole procedurali da seguire per la concessione degli spazi.
 

Su questo argomento

I sensori privati incontrano la rete pubblica: un’alleanza che fa bene a tutti