di 

Parte dalla Lombardia il viaggio di FORUM PA nell’innovazione regionale

Il prossimo 28 gennaio si apre a Milano, presso il Palazzo Lombardia, la due giorni di FORUM PA Lombardia, il primo dei FORUM PA regionali che costituiscono la nostra nuova e ambiziosa impresa del 2016. Con questa collana di eventi, che ci accompagneranno quest’anno in un viaggio nelle più importanti regioni italiane, vogliamo costruire momenti di confronto di respiro nazionale sulle principali politiche d’innovazione delle regioni, in cui si possano incontrare gli innovatori e le forze attive provenienti dalla politica, dalle amministrazioni, dalle imprese, dalla cittadinanza organizzata, dall’accademia e dai centri di ricerca.

Il prossimo 28 gennaio si apre a Milano, presso il Palazzo Lombardia, la due giorni di FORUM PA Lombardia, il primo dei FORUM PA regionali che costituiscono la nostra nuova e ambiziosa impresa del 2016. Con questa collana di eventi, che ci accompagneranno quest’anno in un viaggio nelle più importanti regioni italiane, vogliamo costruire momenti di confronto di respiro nazionale sulle principali politiche d’innovazione delle regioni, in cui si possano incontrare gli innovatori e le forze attive provenienti dalla politica, dalle amministrazioni, dalle imprese, dalla cittadinanza organizzata, dall’accademia e dai centri di ricerca.

L’idea di partenza che ci ha guidato è la convinzione che l’innovazione non possa che procedere in un moto circolare che, partendo dai territori, dove i bisogni dei cittadini diventano domanda di servizi e dove le istituzioni debbono fornire risposte e opportunità, porti poi a scelte nazionali che tornino infine sul territorio sotto forma di grandi progetti-Paese. È solo così che le mille esperienze positive, di cui pure l’Italia è ricca, possono fare sistema e costruire valore sociale e quindi essere effettivamente percepite dai contribuenti, favorendo la ripresa di quella fiducia che sembra essere oggi l’ingrediente mancante nello sviluppo.

Su queste basi abbiamo voluto cominciare alla grande. Già la prima tappa è quanto mai significativa per dimostrare subito la rilevanza sia dell’iniziativa sia dei temi trattati: si parte dalla più grande regione d’Italia, la Lombardia, e si mette in campo il tema che maggiormente sta a cuore ai cittadini, quello della qualità della vita e del welfare inteso come complesso delle politiche che rendono possibile alla regione il “prendersi cura” dei cittadini.

È proprio il passaggio dal “curare” al “prendersi cura” che - come ci illustreranno i massimi vertici politici e amministrativi della Regione, dal Presidente Maroni, al Segretario e Direttore Generale Bonomi ai suoi assessori e a tutti i vertici dell’amministrazione regionale - è al centro della riforma lombarda della sanità e del welfare, una riforma che coinvolge non solo il sistema sanitario regionale, ma anche le politiche sociali, le politiche per l’autonomia, le politiche per l’ambiente e per migliori stili di vita. Un passaggio profondamente innovativo e che richiede innovazione: innovazione istituzionale che riveda gli enti e le aziende e i loro ruoli; innovazione organizzativa, definita dall’outcome da conseguire; innovazione tecnologica per costruire quella piattaforma digitale per i dati, i servizi e i processi che è indispensabile perché l’integrazione non sia solo una parola da convegni.

Due giorni quindi di lavoro, di confronto, di approfondimento non per fare una passerella politica, ma piuttosto per condividere scelte e progetti, per costruire alleanze e nuove partnership, per verificare percorsi e modelli.

È possibile consultare on line il programma costantemente aggiornato del FORUM PA Lombardia e iscriversi alle sessioni di interesse.

Partiamo quindi come meglio non si potrebbe, ma altre tappe altrettanto importanti ci aspettano: Sardegna, Toscana, Friuli Venezia Giulia, Emilia-Romagna, Calabria, ecc. , ciascuna con un suo tema guida, ciascuna con un suo approccio al cambiamento, per costruire insieme una grande mappa dell’innovazione, che non vogliamo pensare più come fatta a macchia di leopardo, ma come un grande mosaico in cui ciascuna tessera contribuisce a dare significato all’insieme.