Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Da Cliclavoro al nuovo sito, l’esperienza online del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali a FORUM PA 2016

Home Open Government Comunicazione Pubblica Da Cliclavoro al nuovo sito, l’esperienza online del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali a FORUM PA 2016

Più di 250.000 utenti nella community, oltre 220.000 nella pagina Facebook e circa 22.000 follower su Twitter. Cliclavoro è una esperienza di successo, ma la presenza in Rete del Ministero non finisce qui. Anzi: punta a crescere. Con un sito ridisegnato e riprogettato e secondo i criteri di una Social Media Policy condivisa.

23 Maggio 2016

F

Federica Colonna

Welfare digitale. Ecco il titolo del secondo convegno del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali organizzato a Forum PA con il coinvolgimento di Facebook, Google, il Ministero dell’Interno e Oracle Italia. Un evento durante il quale raccontare come la Pubblica Amministrazione diventa social e quali sfide affronta in Rete.

La più recente, per esempio, per il Ministero del Lavoro, ha riguardato la pubblicazione del nuovo sito, il 15 marzo scorso – data a partire dalla quale ha ricevuto quasi 500.000 accessi. Una piattaforma completamente rinnovata, a partire dal design. Ispirato alle linee guida AgID, infatti, il layout grafico è progettato non solo per rendere più fruibile la lettura dei contenuti e delle informazioni, ma permette un accesso più semplice ai servizi offerti. Il restyling infatti non è solo visivo, ma riguarda la visione di fondo e l’organizzazione della comunicazione. Il nuovo progetto ha infatti interessato tutta l’amministrazione considerandone i diversi uffici come parte di una ampia redazione diffusa.

La “vita digitale” del Ministero, però, non inizia oggi. Non solo il Jobs Act, infatti, è stato lanciato con un portale tematico (www.jobsact.lavoro.gov.it ), un video su Youtube e una pagina LinkedIn dedicata alla riforma. La presenza in rete del dicastero ha una storia più lunga, ed è legata alla community Cliclavoro: molto attiva già nel 2010, è animata oggi da circa 250.000 utenti e conta decine di migliaia di followers sui social network – più di 220.000 su Facebook, oltre 21.000 su Twitter . “La fan page – spiega Daniele Lunetta, dirigente Comunicazione e Prodotti Editoriali del Ministero – è il luogo privilegiato di confronto e interazione con la comunità sui temi e sulle nuove tendenze del mercato del lavoro; l’account Twitter @Cliclavoro offre un flusso costantemente aggiornato di notizie, eventi, offerte di lavoro e occasioni di interazione; Il gruppo di discussione su LinkedIn ospita per lo più i dibattiti proposti dagli utenti e le offerte di lavoro delle aziende. Il canale YouTube, infine, raccoglie video non solo dal tema strettamente istituzionale ma anche informativo e d’approfondimento, come tutorial, eventi, campagne di comunicazione e contenuti specifici sulle politiche per il lavoro attivate in Italia”.

Una offerta articolata, quindi, completata dall’account Twitter @Minlavoro: non un ufficio stampa h 24, ma un soggetto di costante interlocuzione. “Accade spesso – sottolinea infatti Lunetta – che alla risposta del Ministero a domande e osservazioni dei follower seguano positive reazioni di stupore: non tutti si aspettano di ricevere un feedback da un profilo social della PA e quando questo accade i pregiudizi si ribaltano, l’Amministrazione recupera credibilità e migliora la sua eReputation”.

Perché, la PA ne è spesso consapevole, esserci, in Rete, non basta. L’epic fail – la brutta figura – è dietro l’angolo e gestire le difficoltà non è sempre banale. “Non abbiamo affrontato crisi degne di nota in questi anni – racconta però Lunetta – La gestione di grandi volumi di traffico legati all’avvio del Programma Garanzia Giovani nel maggio del 2014 ha comportato un grande sforzo nella moderazione delle conversazioni e nella gestione delle richieste di informazione”. La strategia più adatta a prevenire le crisi e a gestirle quando arrivano è stabilire principi, regole, prassi cui ispirarsi. In una frase: condividere una Social Media Policy adeguata alle proprie esigenze e alle caratteristiche del proprio profilo. “Trasparenza, attenzione ai dettagli e utilità sociale dei contenuti pubblicati sono alcuni dei punti cardine della social media policy interna – spiega Lunetta – Un team specializzato in comunicazione web e social media management condivide la strategia con la Direzione Generale dei sistemi informativi, dell’Innovazione Tecnologica e della Comunicazione e veicola i contenuti sui diversi canali, monitorando e documentando i risultati. La censura dei commenti – prosegue – avviene solo quando l’attività di trolling e la violazione reiterata della netiquette non vengono accompagnate da osservazioni costruttive o da un reale bisogno di risolvere un problema”.

Nessuna crisi particolare, quindi. Ma un lavoro attento e quotidiano. Grazie al quale il Ministero, in Rete, ha anche incassato qualche successo. Come è accaduto, ricorda Lunetta, con l’hashtag #diamociunamano, usato per veicolare i contenuti e la mission della omonima iniziativa – un progetto rivolto ai beneficiari di una misura di sostegno al reddito i quali possono svolgere attività di volontariato in progetti realizzati congiuntamente da organizzazioni del terzo settore e da Comuni o Enti locali.

Insomma, un Ministero social sa dialogare. E per farlo non basta inviare un tweet. Bisogna cambiare mentalità, paradigma, linguaggio. Tutte sfide raccontate dagli enti protagonisti di Forum PA 2016, il26 maggio alle ore 9,30.

Su questo argomento

APP PA: l'elenco delle app ufficiali della Pubblica Amministrazione