Accesso semplificato agli incentivi pubblici: il motore di ricerca incentivi.gov.it

Home PA Digitale Accesso semplificato agli incentivi pubblici: il motore di ricerca incentivi.gov.it

Una PA più vicina a cittadini e imprese. È l’obiettivo del nuovo portale incentivi.gov.it realizzato dal MIMIT (Ministero delle Imprese e del Made in Italy) – DGIAI (Direzione generale per gli incentivi alle imprese), con il supporto tecnico di Invitalia e i fondi del PON GOV 14-20. Uno strumento indispensabile per agevolare l’accesso alle informazioni degli incentivi pubblici, promuovendo trasparenza e partecipazione attiva

25 Gennaio 2024

Foto di Christin Hume su Unsplash - https://unsplash.com/it/foto/persona-che-utilizza-il-computer-portatile-Hcfwew744z4

Come avvicinare la PA alle imprese e ai cittadini rendendo più facile l’accesso alle informazioni e alle agevolazioni pubbliche? Attraverso un motore di ricerca in cui trovare avvisi, bandi e incentivi attivati sul territorio italiano e destinati a imprenditori, liberi professionisti ed enti.
Nasce con questo scopo il portale incentivi.gov.it, una progettualità del MIMIT (Ministero delle Imprese e del Made in Italy) – DGIAI (Direzione generale per gli incentivi alle imprese), realizzata con i fondi del PON GOV 14-20 e con il supporto tecnico di Invitalia.
Il sito è stato pubblicato nella sua prima versione il 2 giugno del 2022, poi aggiornato e potenziato con nuove funzionalità e veste grafica nella seconda versione fruibile da novembre 2023.
Con circa 700 incentivi nazionali e locali presentati nelle diverse aree tematiche (digitalizzazione, transizione ecologica, imprenditoria femminile e giovanile, inclusione sociale, start up/ sviluppo di impresa, innovazione e sostegno agli investimenti) il portale viene alimentato dalle amministrazioni locali e centrali attraverso i dati e le informazioni del Registro Nazionale Aiuti in maniera interoperabile, fornendo informazioni complete sulle misure di agevolazione del Paese.

Obiettivi del portale incentivi

In ottemperanza alla “delega incentivi” (legge 27 ottobre 2023/n. 160) che specifica come le agevolazioni pubbliche debbano essere pubblicate sui siti istituzionali delle PA e sul portale incentivi.gov.it, le pubbliche amministrazioni hanno così a disposizione uno strumento che facilita il cittadino nella consultazione delle agevolazioni. Un motore di ricerca intuitivo dove gli utenti possono conoscere gli incentivi più adatti alle proprie esigenze e in cui un chatbot fornisce assistenza agli utenti e la possibilità di raccogliere feedback in tempo reale per valutare il livello di soddisfazione. Nell’area riservata si possono, inoltre, salvare gli incentivi di maggior interesse, consultare il catalogo dedicato, usufruire di un servizio di match making e utilizzare la funzionalità di profilazione. Il portale dedica anche agli enti erogatori una sezione per la produzione di report e aggiornamento dei dati.

Aree di intervento

Il sito si pone dunque come un ponte tra imprese, cittadini e istituzioni, diventando così una guida all’interno del panorama degli aiuti pubblici attraverso la standardizzazione, divulgazione e promozione delle agevolazioni del MIMIT e di altre PA. Gli interventi, in particolare, sono relativi a due macro ambiti: Area Pubblica e Area Privata e, in questo senso, il portale presenta una serie di novità funzionali.

 Nell’area pubblica, è stata introdotta l’Agenda Incentivi, che permette di visualizzare i giorni di entrata in vigore o decadimento degli incentivi tramite una vista a calendario. Sono stati potenziati poi i percorsi di ricerca e migliorata la funzionalità di consultazione del Glossario.

Nell’area privata, gli utenti registrati possono accedere a una dashboard personalizzata, consultare il calendario degli incentivi preferiti e visualizzare quelli suggeriti. È stata prevista anche la creazione di un sistema di subscription per ricevere email mirate e alert sul cambiamento di parametri delle agevolazioni.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Su questo argomento

Daniele Biagioni (Modena): "Il monitoraggio costante: il segreto per una smart city sempre all'avanguardia"