Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Carta Acquisti: l’Infrastruttura e le opportunità per gli enti territoriali.

Home PA Digitale Carta Acquisti: l’Infrastruttura e le opportunità per gli enti territoriali.

La Carta Acquisti, nota anche come “Social Card”, è stata introdotta con decreto-legge n. 112/2008, convertito dalla legge 133/2008, con l’obiettivo di dare sostegno a cittadini in stato di particolare bisogno. La Carta Acquisti, prevede l’erogazione bimestrale da parte dello Stato, di un contributo base di 80 euro (100 per gli utilizzatori di gas naturale), a favore delle famiglie con bambini al di sotto dei tre anni di età e degli anziani che abbiano compiuto 65 anni di età – in possesso di determinati requisiti reddituali e patrimoniali – attraverso una carta elettronica prepagata abilitata per gli acquisti di generi alimentari, farmaceutici, parafarmaceutici e al pagamento delle bollette energetiche.

L’infrastruttura è stata realizzata dal Ministero dell’economia e delle finanze e dal Ministero del lavoro e delle politiche sociale grazie alla collaborazione dell’INPS, dell’Agenzia delle entrate, della Consip S.p.A.. Il gestore finanziario del programma è Poste Italiane.

Obiettivo del master è illustrare agli enti locali potenzialmente interessati le modalità e le possibilità di adesione al programma Carta Acquisti.

16 Gennaio 2019

Articolo FPA

Su questo argomento

Open Data: l’infrastruttura immateriale per lo sviluppo della società dell’informazione