Comune Palermo, Marchese: cambiamo i contratti per accogliere le nuove professioni

Home PA Digitale Governance Comune Palermo, Marchese: cambiamo i contratti per accogliere le nuove professioni

Su cosa lavorare nel 2020 per rendere la PA protagonista dello sviluppo del Paese? Interoperabilità e nuovi contratti per le figure professionali del futuro. Risponde Gabriele Marchese, Responsabile per la transizione al digitale del Comune di Palermo

13 Febbraio 2020

Cosa è stato davvero un fenomeno dirompente nel 2019 per la PA? L’aver “istituzionalizzato” ciò che era straordinario: il Team per la trasformazione digitale che con la valorizzazione di Spid, PagoPA, ANPR e CEI ha avviato il cambiamento strutturale della pubblica amministrazione.

Ora c’è bisogno di maggiore interoperabilità e una nuova contrattualistica per le assuzioni di figure professionali in grado di rispondere alle sfide di una PA moderna.

Questo il commento di Gabriele Marchese, Responsabile per la transizione al digitale del Comune di Palermo, in occasione della presentazione dell’Annual Report di FPA. Un tema che sarà al centro di FORUM PA 2020 (9-11 giugno, Roma Convention Center la Nuvola).

Su questo argomento

Domenico De Maio: "La PA ha bisogno di under 30"