I Talk PA di FORUM PA 2023: ecco tutti i video

Home PA Digitale I Talk PA di FORUM PA 2023: ecco tutti i video

Al centro del palinsesto di FORUM PA 2023, una serie di Talk PA organizzati dalle pubbliche amministrazioni. Centrale la sfida delle competenze necessarie per affrontare la transizione digitale, amministrativa ed energetica del Paese

1 Giugno 2023

F

Redazione FPA

FORUM PA 2023. Palazzo dei Congressi - Roma - 16 maggio 2023 - Foto di Rina Ciampolillo

Protagoniste dei Talk PA, dal 16 al 18 maggio a FORUM PA 2023, sono state le pubbliche amministrazioni, che con le loro proposte hanno arricchito e composto il palinsesto della manifestazione. Lavoro pubblico, transizione digitale, semplificazione amministrativa, valorizzazione dei dati, identità digitale, sono alcuni dei temi trattati. Ora è possibile rivedere tutti i Talk PA.

I Talk PA del 16 maggio

Rivedi il Talk PA Youth for Better Cities: giovani under 30 raccontano le città del futuro in una Masterclass esclusiva. A FORUM PA 2023 è stato presentato il progetto di comunicazione del PON Metro 2014-2020 che coinvolge giovani, un target difficilmente raggiungibile dalla Pubblica Amministrazione. Si tratta di un percorso di ingaggio di 14 crew, una per ciascuna delle 14 città metropolitane d’Italia, composte da ragazzi under 30 ai quali è stato chiesto di elaborare un prodotto audiovisivo partendo dalla loro idea creativa di “Città del Futuro” e su uno dei temi portanti del PON Metro: la città del futuro relativamente alla digitalizzazione o all’inclusione sociale o alla sostenibilità.

Rivedi il Talk PA Gli strumenti finanziari per le microimprese, evoluzioni per il 2021-2027. Un’analisi di Commissione Europea e BEI (cfr “Gap analysis for SME financing in the EU”) stimava il fabbisogno non soddisfatto di credito delle PMI italiane in quasi 25 miliardi di euro. Sarebbe di circa 178.000 il numero delle PMI italiane con difficoltà nell’accesso al credito: i valori più alti in Europa. La Regione Lazio nel ciclo di programmazione 2021-2027 ha dedicato due Strumenti Finanziari per favorire l’accesso al credito da parte delle imprese di minori dimensioni affrontando due “fallimenti di mercato”: Fondo Futuro, già sostenuto con il FSE, dedicato all’avvio di nuove imprese da parte di persone svantaggiate nel mondo del lavoro; Fondo Piccolo Credito, già sostenuto con il FESR, che si rivolge invece alle imprese con una storia finanziaria e meritevoli di credito, i cui modesti fabbisogni non le rendono clienti economicamente interessanti per le Banche. L’incontro è stato finanziato nell’ambito della risposta dell’Unione alla pandemia di Covid-19 – asse 7 REACT UE del PON Governance – Azione 7.2.1.

Rivedi il Talk PA Gli effetti del PNRR. Come stanno cambiando i comuni?, organizzato in collaborazione con Fondazione IFEL. Ci sono vari effetti, anche indiretti, che il PNRR porterà all’interno del sistema delle amministrazioni pubbliche e dei Comuni: alcune semplificazioni, un diverso ambiente finanziario con tante risorse in conto capitale, nuovo personale. Che amministrazioni avremo dopo questa fase, fino a due anni fa del tutto inaspettata? Le amministrazioni locali come stanno affrontando questi cambiamenti? Durante il Talk di FORUM PA 2023 a questi interrogativi abbiamo cercato di dare qualche risposta.

I Talk PA del 17 maggio

Rivedi il Talk PA Piccoli Comuni, percorsi di cambiamento, realizzato in collaborazione con Linea Amica. Le Amministrazioni sono chiamate a gestire i cambiamenti in tema di lavoro pubblico e ad accelerare le semplificazioni verso la transizione amministrativa e digitale. Come determinare il fabbisogno di specifiche professionalità per la realizzazione dei progetti previsti dal PNRR? In questo incontro focus sulle azioni di accompagnamento di FormezPA per piccoli Comuni: “Lavoropubblico.gov – Strumenti, sistemi informativi e azioni di accompagnamento per una gestione strategica delle risorse umane” , un accompagnamento alla governance delle politiche pubbliche in materia di risorse umane; “Fast piccoli comuni – Fornire affiancamento e supporto per la transizione digitale e amministrativa dei piccoli comuni”, rivolto ai Comuni con popolazione inferiore ai 5.000 abitanti.

Rivedi il Talk PA Cybersecurity e cultura della sicurezza digitale nelle imprese: quale ruolo per la PA?, realizzato in collaborazione con Unioncamere. Per le imprese che intendono competere nello scenario nazionale e globale, la sicurezza informatica è una questione ineludibile: nonostante esistano soluzioni tecnologiche e linee guida a disposizione delle aziende, crescono gli attacchi cyber per numero e per gravità. Il World Economic Forum nel rapporto “The Global Risks Report 2022” riconduce il 95% delle problematiche di cyber security ad errori umani. Per tutelare il nostro sistema imprenditoriale e produttivo è necessario, quindi, creare una cultura della sicurezza informatica e motivare le persone all’interno delle organizzazioni. Il confronto ha fornito spunti di riflessione sulle azioni che le istituzioni possono mettere in campo per fare in modo che le imprese adottino comportamenti di sicurezza adeguati e sostenibili.

Rivedi il Talk Gli effetti del PNRR. Cosa vedranno i cittadini e i territori?, realizzato in collaborazione con Fondazione IFEL: un momento di riflessione sugli impatti che le progettualità del PNRR possono avere sulle persone e sui territori. Il PNRR è lo strumento che rende possibile un nuovo Patto Sociale con la prossima generazione per la creazione di un futuro più verde, digitale e resiliente. Questo investimento, considerato un nuovo bene comune europeo, è destinato a produrre tanti cambiamenti che saranno visibili e più chiari negli anni. Che effetti avranno sulle persone, sulle comunità e sull’ambiente? Quali saranno gli impatti sociali? E come mitigare gli impatti ambientali? Come si tradurrà il principio di non arrecare danno (Do No Significant Harm – DNSH) sulla dimensione sociale ed economica della sostenibilità? Il Talk è stato occcasione di risposta agli interrogativi posti.

Rivedi il Talk Il ruolo centrale della Formazione nella Pubblica Amministrazione – Come la nuova PA digitale sta rispondendo alle sfide proposte dal PNRR, organizzato in collaborazione con POLIMI Graduate School of Management. Cosa vuol dire oggi per la Pubblica Amministrazione investire sul personale? È questo, tra l’altro, un tema assolutamente centrale per l’attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Sviluppare le competenze manageriali dei dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni, unitamente alla semplificazione dei processi e alla digitalizzazione degli stessi, è l’elemento fondante di questo periodo storico complesso e al contempo ricco di opportunità per il rilancio di una nuova Pubblica Amministrazione. Solo investendo in modo strutturato sul capitale umano e dando la giusta importanza alla formazione si potrà però essere in grado di rafforzare le competenze individuali per rimanere in linea con gli standard internazionali, per migliorare la qualità di vita dei cittadini e la produttività delle imprese rendendo efficienti ed efficaci i servizi ad essi destinati.

Rivedi il Talk PA Valorizzazione dei dati e del capitale umano nella PA, organizzato in collaborazione con Sogei. L’innovazione dei processi e la realizzazione di nuovi strumenti digitali per il personale della PA sono fattori chiave per favorire nuovi modelli di lavoro, e in questo contesto assume rilevanza l’attivazione di strumenti di formazione sulle nuove competenze necessarie nelle pubbliche amministrazioni, l’adozione di piattaforme integrate per il lavoro ibrido, l’utilizzo di cruscotti informativi dedicati per assumere decisioni tempestive ed efficaci. Diventa anche fondamentale l’estensione di strumenti avanzati trasversali di gestione del personale in modalità “self service” che consentano di seguire l’intero ciclo di carriera, anche nell’ambito di processi di mobilità nelle Amministrazioni.

Rivedi il Talk PA 30 anni di Urp. La comunicazione pubblica per i cittadini tra ascolto, partecipazione e intelligenza artificiale, organizzato in collaborazione con la Sapienza Università di Roma e dedicato al trentennale dell’istruzione degli uffici di relazione con il pubblico. Per l’occasione sono stati presentati i risultati di una ricerca realizzata dal Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale dell’Università Sapienza, con l’obiettivo di verificare il livello di attivazione degli URP e fare il punto sull’attuazione della Legge 150/2000 che ha istituito e reso obbligatorio le URP per l’amministrazione pubblica, studiare le trasformazioni in atto anche rispetto al grado di utilizzo di strumenti digitali e dell’intelligenza artificiale, verificare le competenze, le professionalità e i percorsi innovativi che si intravedono a seguito della legge del 2000.

Rivedi il Talk PA Servizi digitali fruibili a tutti: l’importanza della cultura dell’accessibilità, con la partecipazione di Mario Nobile, Direttore Generale di AgID. Rendere i servizi della Pubblica Amministrazione più accessibili e inclusivi per tutti i cittadini, anche per chi si trova in condizioni di disabilità temporanea o permanente: è l’impegno di AgID sul tema dell’accessibilità, alla vigilia dei vent’anni dalla Legge n.4/2004. Durante il Talk un approfondimento sui temi del monitoraggio dell’accessibilità di siti web e app della PA, la diffusione della cultura dell’accessibilità e la formazione verso le amministrazioni. L’incontro è stato organizzato con il contributo di: Unione Europea, Fondo Sociale Europeo, Fondo Europeo di Sviluppo Regionale – Agenzia per la Coesione Territoriale – Dipartimento della Funzione Pubblica – PON Governance e Capacità Istituzionale 2014-2020.

Rivedi il Talk PA Il PonMetro Plus Città Medie Sud, un’azione ampia e sfidante per uno sviluppo urbano innovativo, con Giorgio Martini, Autorità di Gestione PON Città Metropolitane. Presentata l’architettura del PonMetro Plus Città Medie Sud e i nuovi focus tematici, in continuità evolutiva rispetto al PON Metro 14/20. Al centro dell’incontro le azioni integrate di rigenerazione urbana rivolte al Green, l’innovazione sociale, l’accesso all’occupazione, gli interventi di natura ambientale e di economia circolare, la promozione di uno sviluppo sociale anche attraverso la cultura, il patrimonio naturale, il turismo sostenibile e la sicurezza. Il Programma si rivolge anche a nuovi interlocutori: 39 città Medie del Sud.

I Talk PA del 18 maggio

Rivedi il Talk PA Roma, la rivoluzione sostenibile | Dal Pnrr al 5G passando per il Giubileo: come i prossimi anni possono rimettere la capitale all’avanguardia del Paese, con Roberto Gualtieri, Sindaco di Roma. Roma guarda al futuro e punta ad essere l’avanguardia nel Paese sul tema della gestione e trasformazione della Pubblica amministrazione: dal PNRR alla rete 5G, puntando alla grande opportunità rappresentata dal Giubileo. Non solo grandi investimenti nella tecnologia più avanzata ma anche adeguamenti della governance, per rendere Roma protagonista sulla scena internazionale: un piano che prevede massicce assunzioni di personale e la valorizzazione dell’attuale organico, anche attraverso l’applicazione della nuova macrostruttura di cui l’Amministrazione si è dotata. Capitale umano e trasformazione digitale, questi gli strumenti per una rivoluzione sostenibile.

Rivedi il Talk PA Il Programma Capacità per la Coesione 2021-2027: spendere di più e meglio i Fondi dell’Unione europea sul territorio, organizzato in collaborazione con PON Governance e Capacità Istituzionale 2014-2020. Prima occasione pubblica per presentare strategia e opportunità del nuovo Programma Nazionale Capacità per la Coesione 2021-2027. La strategia di rafforzamento della capacità istituzionale contenuta nell’Accordo di Partenariato 2021-2027 caratterizza il PN con un forte orientamento verso il territorio in particolare del Mezzogiorno e una chiara focalizzazione sulla politica di coesione, con l’obiettivo di supportare gli enti territoriali nell’attuazione dei progetti cofinanziati con risorse UE. Il Talk ha illustrato i principali ambiti di intervento del PN trattando il tema del rafforzamento della capacità amministrativa per migliorare l’efficacia della politica di coesione in un’ottica ampia, anche con riferimento all’approccio adottato in altri Paesi dell’Unione europea.

Rivedi il Talk PA Il turismo riparte dalle persone: la formazione accademica e l’ordinamento professionale. Il Ministero del Turismo ha aperto un tavolo di confronto con i principali esponenti di categoria per individuare delle soluzioni condivise sui temi strategici dell’alta formazione specialistica e della certificazione professionale nel settore turistico, partendo dalle esigenze reali di chi sta sul campo e mettendo al centro le risorse umane. Tra gli argomenti di cui si è discusso il progetto di un’accademia del Turismo e la riforma dell’ordinamento professionale del settore.

Rivedi il Talk PA Trasformazione della PA locale: il ruolo dell’European Digital Innovation Hub EDIH4DT. L’Italia ha bisogno di strategie e piani attuativi ben mirati per sostenere la trasformazione digitale e ambientale del Paese, garantendo una crescita sostenibile. La digitalizzazione dei servizi pubblici sta progredendo, ma è necessaria una spinta significativa per migliorare la pubblica amministrazione, soprattutto a livello locale. Di fatto si possono osservare progressi nella digitalizzazione della pubblica amministrazione centrale, mentre si attende ancora una riorganizzazione dei servizi pubblici locali, in special modo quelli di collegamento con le amministrazioni centrali. EDIH4DT è lo sportello unico che fornirà servizi per la trasformazione digitale delle amministrazioni pubbliche locali con un focus specifico sull’innovazione per la sostenibilità ambientale.

Rivedi il Talk PA Riserva di adeguamento alla Brexit: uno strumento a sostegno delle PA e delle Imprese per mitigare l’impatto della Brexit, con Teresa Costa, Organismo di Gestione della Riserva di Adeguamento alla Brexit (BAR). Per contrastare le conseguenze economiche, sociali, territoriali e ambientali della Brexit negli Stati membri, la Commissione Europea ha istituito la Riserva di Adeguamento alla Brexit (BAR), uno “strumento speciale di emergenza una tantum” che ha assegnato all’Italia una dotazione di 146 milioni di Euro. Il Programma di interventi prevede due principali tipologie di azioni: un avviso pubblico per l’erogazione di contributi in favore delle PA (alle quali sono destinati 30 milioni di euro) e un avviso pubblico per l’erogazione di aiuti di stato alle imprese. Presentata, nel corso dell’incontro, la strategia d’azione e le opportunità disponibili per i diversi settori.

Rivedi il Talk PA E-Leadership: uno sguardo verso il futuro. Dibattito sulle nuove competenze per favorire la transizione digitale. Focus sulle necessità di aggiornamento delle competenze per la transizione digitale, tra fabbisogni emergenti e proposte di modelli organizzativi efficaci che possano facilitare i processi di innovazione attraverso il capitale umano. L’appuntamento, in particolare, ha rappresentato il primo incontro dell’iniziativa di AgID, denominata Laboratorio “Aggiornamento Profili E-Leadership”, nell’ambito dell’attività di supporto agli RTD in linea con le azioni previste nel Piano Triennale per l’Informatica nella PA. L’incontro è stato organizzato con il contributo di: Unione Europea, Fondo Sociale Europeo, Fondo Europeo di Sviluppo Regionale – Agenzia per la Coesione Territoriale – Dipartimento della Funzione Pubblica – PON Governance e Capacità Istituzionale 2014-2020Mostra meno.

Rivedi il Talk PA Quali competenze e nuove professionalità per una PA capace di dialogare con il sistema delle imprese, realizzato in collaborazione con Unioncamere. Con gli investimenti europei e quelli del PNRR, le Pubbliche Amministrazioni sono attuatrici di diverse misure per il rafforzamento e lo sviluppo del sistema imprenditoriale e produttivo. Il nuovo ruolo delle PA implica non soltanto un aumento dell’efficienza dei servizi ma anche la crescita della capacità del settore pubblico di saper comunicare, interagire e co-progettare con gli attori privati che operano su un territorio. Durante il Talk sono stati analizzati gli elementi del cambiamento organizzativo nelle PA, quali: la mappatura di fabbisogni e nuove competenze delle persone, il ruolo della trasformazione digitale, l’individuazione dei profili collaborativi tra amministrazioni pubbliche e tra queste e il settore privato, l’implementazione dei modelli di coesione per dare centralità ai territori.

Rivedi il Talk PA Pratiche di Capacità Amministrativa: la sfida dei Costi Semplificati nel Programma FESR Lazio 2021-2027. L’utilizzo delle Opzioni di Costo Semplificato rappresenta una grande opportunità del ciclo di programmazione 2021-2027 per snellire i processi amministrativi e in generale l’iter di attuazione dei progetti finanziati da risorse europee. Ridurre gli oneri burocratici a carico dei beneficiari (ma anche a favore delle Autorità di Gestione) consente di concentrarsi maggiormente sul raggiungimento dei risultati degli interventi finanziati e agevolare le procedure di rendicontazione. Il Programma Regionale FESR Lazio 2021-2027 persegue queste finalità e ha individuato alcune Azioni su cui adottare misure di forfettizzazione dei costi. A distanza di 6 mesi dall’adozione del Programma, sono ben 3 le tipologie di interventi su cui si sta lavorando: Produzioni opere cinematografiche (costi del personale mediante Unità di Costo Standard); Partecipazione delle PMI a fiere (somme forfettarie per i costi di partecipazione ad eventi fieristici nazionali e internazionali); Investimenti in digitalizzazione delle imprese (somme forfettarie modulari, a seconda della dimensione di impresa e dell’ambito in cui si interviene).

Rivedi il Talk PA Un’identità digitale per tutti i cittadini: sicura, semplice da utilizzare e accessibile. L’identità digitale è indispensabile per poter usufruire dei servizi online della PA, e dev’essere sicura e semplice nelle modalità d’uso, accessibile a tutti i cittadini, costruita secondo principi e regole certe. Il Governo intende far convergere identità digitali attualmente rilasciate da identity provider, per lo più privati, e identità digitali rilasciate direttamente dallo Stato nell’ambito del progetto CIE in un’unica soluzione di identità digitale, destinata a convergere a sua volta nell’EUDI Wallet.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Su questo argomento

PON Metro 2014-2020, agenda digitale: azioni, numeri e casi di successo