Intelligenza artificiale, cybersecurity e molto altro: rivedi tutti i Talk di FORUM PA 2023

Home PA Digitale Intelligenza artificiale, cybersecurity e molto altro: rivedi tutti i Talk di FORUM PA 2023

Tredici Talk dedicati ai temi verticali d’innovazione in tre giorni, dal 16 al 18 maggio a FORUM PA 2023. Dalla digitalizzazione del Sistema Sanitario e degli enti locali al nuovo Codice degli appalti pubblici, dalla cybersecurity all’attuazione delle misure del PNRR: i video sono ora tutti disponibili

1 Giugno 2023

F

Redazione FPA

FORUM PA 2023 - https://flic.kr/p/2oARLkP

Fascicolo Sanitario Elettronico 2.0, nuovo Codice dei contratti pubblici, attuazione delle misure PNRR, PIAO e valore pubblico, intelligenza artificiale e cybersecurity, sono solo alcuni dei temi al centro dei tredici Talk realizzati dal 16 al 18 maggio con le aziende partner di FORUM PA 2023, protagoniste al fianco della PA nel processo di digitalizzazione e innovazione del nostro Paese. Ora è possibile rivederli.

I Talk del 16 maggio

Rivedi il Talk La pubblica amministrazione nelle strategie nazionali per l’intelligenza artificiale. Il Programma strategico Intelligenza Artificiale 2022-2024 individua lo sviluppo di politiche e servizi basati sull’IA nel settore pubblico come uno degli obiettivi strategici da perseguire nel triennio di riferimento, annoverando la PA come uno dei settori prioritari di intervento per ottimizzare i processi amministrativi e migliorare servizi e prestazioni a beneficio di cittadini e imprese. Diverse le esperienze realizzare o in fase di sperimentazione nella PA, in linea con le direttrici individuate dal Programma. Il talk è stato realizzato in collaborazione con DXC Technology, Google Cloud e Intellera Consulting.

Rivedi il Talk Servizi e piattaforme per la cittadinanza digitale. Nel 2022 i numeri della digitalizzazione in Italia hanno raggiunto i loro massimi storici, grazie alla crescita dell’offerta di servizi online pubblici e alla progressiva diffusione delle piattaforme nazionali (SPID, CIE, pagoPA, appIO) sia tra i cittadini sia tra le pubbliche amministrazioni. Frutto delle politiche avviate nel corso degli ultimi anni, questi risultati costituiscono una solida base di partenza per i processi di implementazione delle misure del PNRR dedicate al miglioramento dei servizi pubblici digitali in termini di esperienza d’uso, accessibilità e integrazione con le piattaforme abilitanti. La roadmap di tali misure, avviate nel 2022 anche grazie ai diversi Avvisi pubblici rivolti a PA centrali e soprattutto locali, vedrà nel 2023 i primi target quantitativi da rispettare. Il talk è stato realizzato in collaborazione con ADOBE ITALIA, Appian e Doxee.

Rivedi il Talk Strumenti di produttività e di collaborazione al servizio della trasformazione digitale della PA locale: le opportunità dell’Accordo Quadro PRINCO. Un importante strumento di procurement pubblico, al quale FPA ha dedicato – insieme con Microsoft Italia – un intero percorso di sensibilizzazione su determinati ambiti di intervento: dalle modalità innovative di erogazione dei servizi per la produttività alle applicazioni per la gestione documentale in linea con il nuovo contesto regolamentare; dalle soluzioni di collaboration, necessarie per realizzare il digital workplace e adottare realmente il lavoro agile nella PA, agli strumenti a disposizione delle PA per contrastare le minacce cyber. Durante il Talk abbiamo raccontato tutte le opportunità legate all’AQ PRINCO, raccogliendo i feedback e le considerazioni delle PA rispetto all’utilizzo di soluzioni digitali innovative per “aumentare” le capacità della propria organizzazione.

Rivedi il Talk Nuovo Codice degli Appalti: e-Procurement e BIM al centro della rivoluzione digitale dei Contratti Pubblici, nel corso del quale abbiamo fatto il punto sulle principali sfide che attendono le stazioni appaltanti in materia di digitalizzazione. Il Consiglio dei ministri del 29 marzo 2023 ha approvato, in esame definitivo, il decreto legislativo recante il Codice dei contratti pubblici. Il nuovo codice è solo una tappa di un percorso di modernizzazione del settore, avviato negli ultimi anni, in cui il digitale è inteso come l’unico strumento per garantire tracciabilità, efficienza, economicità e la sostenibilità ambientale delle opere. Gli strumenti digitali, infatti, permettono di migliorare i controlli sulla salute e sicurezza del personale coinvolto nell’esecuzione, di verificare l’andamento della progettazione e di monitorare costantemente i costi per predisporre una rendicontazione puntuale. L’appuntamento è stato realizzato in collaborazione con TeamSystem.

I Talk del 17 maggio

Rivedi il talk FSE 2.0: nodo strategico della trasformazione digitale del nostro Sistema Sanitario, per scoprire esperienze, criticità ed esigenze che le amministrazioni sono chiamate a indirizzare nella messa a terra del FSE 2.0. In questo Talk, organizzato in collaborazione con Dedalus, abbiamo approfondito gli elementi che a partire dal FSE 2.0 caratterizzano la trasformazione digitale del Sistema Sanitario: dalla sfida dei dati alla, revisione dei processi e dei modelli organizzativi fino ai modelli di adozione delle tecnologie e di change management.

Rivedi il Talk I Comuni italiani tra maturità digitale e attuazione delle misure PNRR, dedicato alla presentazione dell’annuale Indagine sulla maturità digitale dei Comuni capoluogo, realizzata da FPA e basata sul modello Ca.Re. (Cambiamento Realizzato) di Deda Next. Il 2023 rappresenterà l’anno dell’avvio effettivo delle diverse progettualità per la digitalizzazione degli enti locali finanziate nell’ambito del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Qual è lo stato di partenza delle città rispetto agli obiettivi che dovranno ora perseguire nel quadro dell’adesione alle diverse misure del PNRR? E quali sono le leve su cui sarà necessario agire per garantire il rispetto delle roadmap di realizzazione e delle regole previste dai singoli Avvisi? A questi interrogativi abbiamo cercato di dare risposta durante il Talk di FORUM PA 2023.

Rivedi il Talk La trasformazione digitale: a che punto siamo?, organizzato in collaborazione con Intellera Consulting e KPMG: un momento di approfondimento sulle prospettive future legate alla nuova fase della digital transformation della PA. Il processo di innovazione organizzativa e digitalizzazione della PA è un processo avviato anche grazie agli strumenti di acquisto messi a disposizione da Consip, che nell’ultimo quadriennio hanno fatto registrare un costante aumento degli investimenti da parte delle PA. Gli Accordi Quadro, in particolare, sono stati e sono destinati ad essere un driver attuativo fondamentale per perseguire gli obiettivi del piano triennale per l’informatica pubblica di AGID e Dipartimento per la trasformazione digitale e realizzare i grandi pilastri delle strategie nazionali: dal cloud alla cybersecurity, dallo sviluppo dei servizi digitali alla valorizzazione dei dati pubblici.

Rivedi il Talk Comunicare la PA nell’era digitale: verso la riforma della Legge 150. Per i comunicatori pubblici la spinta legislativa alla trasparenza e, soprattutto, la svolta rivoluzionaria portata dal digitale impattano direttamente sul valore più profondo del lavoro che svolgono ogni giorno. Gli strumenti digitali hanno aperto, infatti, nuovi scenari nel rapporto delle amministrazioni con i cittadini (ma anche del rapporto tra le stesse amministrazioni), offrendo una prospettiva inedita al concetto di PA come “casa di vetro”. Un’occasione unica, che però chiede di essere governata e gestita con nuove competenze e nuove professionalità, che già esistono, ma che ancora non sono chiaramente riconosciute. L’urgenza attuale è di portare a termine il percorso avviato da alcuni anni per arrivare a una nuova normativa di settore, la cosiddetta Legge 151.

Rivedi il Talk La PA nel quadro delle strategie nazionali sulla Cybersecurity, realizzato in collaborazione con Bitdefender, Cisco, DXC Technology, Palo Alto, TIM, Trend Micro. L’Italia si è dotata di una Strategia nazionale di cybersicurezza che ha individuato le sfide da affrontare e definito obiettivi da raggiungere entro il 2026 per rendere il Paese più sicuro e resiliente, anche grazie alle risorse del PNRR (Investimento 1.5). A FORUM PA 2023 abbiamo esaminato lo stato dell’arte del percorso di attuazione della Strategia nazionale e del suo piano di implementazione, con un focus sui pilastri su cui poggia e che interessano maggiormente la PA: dal potenziamento dei servizi cyber nazionali al rafforzamento della resilienza cyber delle amministrazioni, fino all’awareness e alla promozione della cultura della sicurezza negli enti pubblici.

Rivedi il Talk Data governance e interoperabilità nella PA: conoscere, condividere, decidere, che ha permesso di analizzare le leve su cui agire per abilitare politiche coerenti di gestione e valorizzazione dei dati pubblici. Con l’avvio della Piattaforma Nazionale Digitale Dati (PDND), l’Italia ha compiuto un importante passo verso l’interoperabilità tra enti pubblici, ponendo le condizioni normative, organizzative e tecnologiche necessarie al rispetto del principio once only, secondo il quale i cittadini e le imprese devono poter fornire una sola volta i propri dati. La sfida è ora rappresentata dal processo di adesione da parte di enti centrali e locali sulla piattaforma, anche grazie alle risorse messe a disposizione dal PNRR. Alla sfida dell’interoperabilità, si affiancano altri elementi fondamentali per lo sviluppo di una data governance matura nel settore pubblico: dal rilancio delle strategie sugli Open Data, in linea con le disposizioni del Piano triennale 2022-2024, allo sviluppo di politiche pubbliche data driven, anche grazie a soluzioni avanzate basate su big data e analytics. L’incontro è stato organizzato in collaborazione con Confluent e Qlik.

I Talk del 18 maggio

Rivedi il Talk Dal PIAO al Report integrato: buone pratiche di pianificazione e monitoraggio del Valore Pubblico dai diversi comparti. In cosa consiste la sfida del PIAO e del suo Report per le pubbliche amministrazioni? Senza dubbio, nel rifuggire la logica adempimentale (“sommatoria di piani o report già esistenti”), nel non accontentarsi di volare a bassa quota (“coordinamento di piani o report indipendenti”), ma nel provare a volare alto, liberando le ali della pianificazione e del monitoraggio dalle molteplici zavorre burocratiche e puntando verso l’orizzonte ambizioso del miglioramento del benessere medio sociale, economico, ambientale e sanitario di cittadini e imprese. La vera sfida è fare del PIAO un vero “piano o report integrato per la creazione, la protezione e l’abilitazione del Valore Pubblico”. Come vincere questa sfida? Ne abbiamo parlato in questo Talk a FORUM PA 2023.

Rivedi il Talk Infrastrutture e cloud per una PA più affidabile, resiliente ed efficiente, per conoscere lo stato dell’arte del percorso di migrazione delle diverse amministrazioni in perimetro verso PSN e ambienti cloud qualificati. Dopo la realizzazione di importanti tappe della Strategia Cloud Italia – anche nel quadro della roadmap di attuazione degli investimenti previsti dal PNRR in tema di infrastrutture digitali (con la realizzazione del Polo Strategico Nazionale) e migrazione in cloud (con la classificazione di dati e servizi pubblici e il lancio degli avvisi di PA Digitale 2026 rivolti alle amministrazioni locali) – con il 2023 prende fattivamente il via di questo percorso. L’incontro è stato organizzato in collaborazione con Google Cloud, Pure Storage, Salesforce e TIM.

Rivedi il Talk Competenze, modelli organizzativi e piattaforme tecnologiche per il futuro del lavoro nella PA. Al primo posto tra i fenomeni più innovativi innescati dall’emergenza sanitaria e dal lockdown c’è stato senza dubbio l’introduzione del lavoro agile negli enti e nelle organizzazioni pubbliche, diventato presto una delle più potenti leve di modernizzazione della Pubblica Amministrazione. La riorganizzazione delle modalità di lavoro tra nuovi obiettivi, nuovi spazi e scrivanie dematerializzate, nuovi modelli di leadership poggia su una solida base di competenze digitali sufficienti, sulle soluzioni tecnologiche strategiche e gode del giusto spirito interno di condivisione e collaborazione? E una migliore qualità dell’informazione, aggiornamento o scelte diverse potrebbero sostenere meglio le PA? Il Talk è stato occasione di confronto su questi temi.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Su questo argomento

Il 2023 della PA digitale in dieci link