PagoPA, quota 10mila amministrazioni: rush finale per il decollo 2016 - FPA

PagoPA, quota 10mila amministrazioni: rush finale per il decollo 2016

Home PA Digitale Servizi Digitali PagoPA, quota 10mila amministrazioni: rush finale per il decollo 2016

15 Dicembre 2015

M

Maria Pia Giovannini, Responsabile Area Pubblica Amministrazione Agenzia per l'Italia Digitale

La fine dell’anno è ormai prossima e il metodo di lavoro utilizzato dall’AgID per il coordinamento delle amministrazioni pubbliche affinché aderiscano entro il 31 dicembre 2015 al sistema pagoPA appare un’alternativa efficace all’assenza di sanzioni per le PA inadempienti.

Il 31 dicembre è una scadenza effettiva che le amministrazioni stanno gradualmente rispettando proprio grazie all’intesa attività di AgID; è un’attività molto complessa che vede Agid impegnata in molteplici azioni, quali la promozione e la sensibilizzazione all’adesione, il supporto tecnico alle PA, la realizzazione di nuove funzionalità per il sistema unitamente al monitoraggio delle adesioni ricevute.

Inoltre, l’Agenzia è costantemente dedita alla governance delle attività poste in essere dalle Regioni e da altre istituzioni che si propongono come aggregatori per facilitare le adesioni, nonché di quelle proprie delle banche, dei PSP e delle altre società private che da sempre sono presenti sul mercato per aiutare le pubbliche amministrazioni. Tante, dunque, le azioni che si muovono in una concezione unitaria per un sistema di Paese. Un sistema che rivede il rapporto tra PA e cittadino, non solo per semplificare le modalità di pagamento, ma soprattutto per permettere alla amministrazione di erogare finalmente servizi più efficaci. Un esempio vero è quello dei servizi scolastici. Infatti, come da circolare del 1 dicembre 2015 del Ministero dell’Istruzione, le scuole italiane, attraverso il supporto tecnico del ministero e il sistema pagoPA, potranno consentire ai genitori, con un solo accesso on line, di verificare ogni richiesta di pagamento per servizi scolastici, a prescindere dal numero dei figli, dei servizi o delle scuole gestite dal genitore ed eseguire un unico pagamento in una logica di carrello tipica delle più valide piattaforme di e-commerce.

Ancor prima della scadenza effettiva, quasi 10.000 amministrazioni hanno già aderito al sistema pagoPA ma i conti finali AgID, viste le numerose adesioni che continua a ricevere in questi giorni, li renderà noti nel 2016.

Nel mentre, continuano le attività: dall’incontro di mercoledì 16 dicembre con le amministrazioni alla Camera dei Deputati, al Webinair organizzato il 18 dicembre da FPA e AgID per fornire dettagli pratici per l’adesione ad altre iniziative istituzionali a cui si affianco quelle organizzate sul territorio dalle banche, dalle Poste e da altre realtà private a sostegno della propria clientela.

Dunque, un’intensa attività per l’Agenzia per l’Italia Digitale e per il mercato di riferimento, per un sistema uniforme a livello nazionale per i pagamenti in favore della pubblica amministrazione e che si muove nella direzione finale di dare contenuto a Italia Login, la casa del cittadino, un luogo unico dove potremo gestire online la nostra identità e tutte le interazioni con l’amministrazione.