www.riformabrunetta.it: il Decreto legislativo 150 si mette a nudo per essere valutato

Home PA Digitale www.riformabrunetta.it: il Decreto legislativo 150 si mette a nudo per essere valutato

"È la prima volta che una legge si apre totalmente e si espone in maniera trasparente al giudizio del pubblico e dei cittadini”. Con queste parole il Ministro Brunetta, nel “day after” l’entrata in vigore della Legge di riforma della pubblica amministrazione, ha presentato il portale www.riformabrunetta.it pensato per consentire a cittadini, pubblici dipendenti e imprese di conoscere i diversi aspetti del decreto legislativo 150, di farne oggetto di dibattito e di monitorarne l’implementazione.

16 Novembre 2009

R

Redazione FORUM PA

Articolo FPA

"È la prima volta che una legge si apre totalmente e si espone in maniera trasparente al giudizio del pubblico e dei cittadini”. Con queste parole il Ministro Brunetta, nel “day after” l’entrata in vigore della Legge di riforma della pubblica amministrazione, ha presentato il portale www.riformabrunetta.it pensato per consentire a cittadini, pubblici dipendenti e imprese di conoscere i diversi aspetti del decreto legislativo 150, di farne oggetto di dibattito e di monitorarne l’implementazione.

Il sito nasce come esempio di trasparenza e punta a far conoscere, fare seguire e far partecipare la riforma ai cittadini.
“I nomi delle tre aree principali del sito – ha commentato il Ministro – sono ripresi dall’approccio di Obama”, e daranno la possibilità ai cittadini di “conoscere” tutti i materiali di riferimento sulla riforma (leggi, studi, analisi, articoli di stampa e materiale divulgativo), “partecipare”, facendo conoscere la propria opinione ed alimentando sia i contenuti che il dibattito, attraverso la partecipazione al forum e, infine “seguire” l’iter di implementazione della riforma, controllando periodicamente “a che punto siamo” e monitorando i vari atti collegati al Decreto Legislativo 150, come ad esempio le circolari esplicative o i protocolli di attuazione siglati con le PA locali.

“Il primo protocollo – ha detto Brunetta – è stato quello con l’ANCI di qualche settimana fa; il prossimo sarà quello che sigleremo la settimana prossima con l’Unione delle Province Italiane e siamo già in contatto con la Conferenza delle Regioni per siglare anche con loro un protocollo che porti le amministrazioni locali ad accogliere ed attuare le novità della legge in tempi più brevi”.

Con questo portale, dunque, inizia una nuova fase per il ministro della Pubblica Amministrazione e l’Innovazione. “Tutti i provvedimenti e gli interventi presi in questo anno e mezzo, compreso il “decreto taglia burocrazia” collegato alla finanziaria della settimana scorsa, sono stati propedeutici a questa riforma. Ora tutto è pronto e il 2010 sarà l’anno della svolta”.

Dal punto di vista dell’interesse mediatico riformabrunetta.it si è fatto subito notare: il portale ha già totalizzato oltre 20.000 utenti unici. Un risultato di tutto rispetto, specie se si considera che è stato realizzato in appena un’ora. All’una del pomeriggio, infatti, un’ora dopo il lancio, il sito è stato “attaccato senza sosta da nutrito gruppo di cracker (quella particolare categoria di hacker) – come si legge in una nota di Palazzo Vidoni – che lo ha reso inagibile fino ad ora (19.00)”.