Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Le “voci di dentro” e i bisogni dei cittadini

Home Open Government Partecipazione e Trasparenza Le “voci di dentro” e i bisogni dei cittadini

Esattamente un mese fa, in un serrato confronto – promosso proprio da FORUM PA – si discuteva di come si potesse far uscire l’amministrazione pubblica dalla “palude”. Ad elezioni avvenute, e nel contesto che i risultati elettorali hanno definito, la metafora potrebbe essere ulteriormente estesa per chiedersi cosa fare affinché il paese (e non soltanto la pubblica amministrazione) non sprofondi nelle sabbie mobili.

13 Marzo 2013

S

Stefano Sepe*

Articolo FPA

Esattamente un mese fa, in un serrato confronto – promosso proprio da FORUM PA – si discuteva di come si potesse far uscire l’amministrazione pubblica dalla “palude”. Ad elezioni avvenute, e nel contesto che i risultati elettorali hanno definito, la metafora potrebbe essere ulteriormente estesa per chiedersi cosa fare affinché il paese (e non soltanto la pubblica amministrazione) non sprofondi nelle sabbie mobili.

Come ha osservato Carlo Mochi Sismondi su queste colonne la scorsa settimana, non è questo il luogo per entrare nel merito delle possibili soluzioni che servano a dare un governo al paese, né credo di aver titolo alcuno a farlo. Pongo però, a mio modo, anche qui sulla scorta di suggestioni dell’editoriale della settimana passata, un problema legato – in misura non marginale – alla governabilità. Intesa come condizioni necessarie per apportare alcune modifiche indispensabili alle regole primarie della convivenza civile, per restituire alla politica il ruolo che ad essa compete, per ridare fiato all’economia, per dare speranza alle giovani generazioni.

Mi fermo su questo terreno, convinto di aver già sconfinato, chiarendo che gli accenni fatti erano funzionali a un ragionamento proprio sulle istituzioni e sul ruolo di coloro che in esse operano. Non è assolutamente pensabile che l’agenda politica – qualunque sia la soluzione agli esiti del voto – abbia tra le sue priorità il tema dell’assetto delle amministrazioni pubbliche. Da ciò, una conseguenza (evidentemente del tutto opinabile) che può essere racchiusa nello spazio di uno slogan: invece di aspettare che il governo venturo parli di pubblica amministrazione, facciamo parlare le pubbliche amministrazioni. In altri termini: gli operatori pubblici (a tutti i livelli, senza distinzioni di rango, responsabilità, collocazione) provino a dar prova della loro capacità di essere un pezzo importante di questa società, essendo quelli che sono chiamati a occuparsi quotidianamente della cura dei "beni comuni".  

Come farlo? Provando ad alimentare, nell’arco di alcune settimane, una sorta di “mobilitazione” di idee e contributi – da sottoporre a chi sarà chiamato a governare il paese, ma anche all’attenzione dell’opinione pubblica – provenienti dall’esperienza di chi sta sul campo. E conosce, e quasi sempre è in grado di interpretare, la domanda sociale. Non per sostituirsi alla politica (né ai politici), ma con l’obiettivo di formulare proposte su temi di interesse generale. Senza la pretesa di essere portatori di verità, ma con la tenace volontà di evitare che i bisogni dei cittadini (nel loro variegatissimo spettro) continuino a restare largamente disattesi, facendo così allargare lo scollamento tra istituzioni e società. Sarebbe, a ben vedere, anche un modo per cercare di sfatare il luogo comune della sostanziale “irresponsabilità sociale” della pubblica amministrazione, tanto radicato quanto ingeneroso.

Un refrain costante della campagna elettorale (nonché elemento non ultimo dell’esito del voto) è stato: “dare voce ai cittadini”. Esigenza dalla quale non si può prescindere. Proprio per tale ragione, dimostrare che le “voci di dentro” – come vennero definite da Sabino Cassese quelle dei pubblici funzionari – non si discostano, ma anzi spesso coincidono con le esigenze dei cittadini. Anche perché provengono da una cospicua (numericamente) parte della società stessa.

Stamattina, al convegno del Formez “Agenda 2020”, il ministro Barca, parlando dello scarto tra azione svolta e conoscenza che di essa ha la pubblica opinione, ha sostenuto: “deve esserci qualche problema di comunicazione”. Chi può negarlo?


*Stefano Sepe, il profilo su SaperiPA

Su questo argomento

APP PA: l'elenco delle app ufficiali della Pubblica Amministrazione