Premio “Rompiamo gli schemi 2022”: ecco i finalisti, a FORUM PA 2022 conosceremo i vincitori

Home Riforma PA Premio “Rompiamo gli schemi 2022”: ecco i finalisti, a FORUM PA 2022 conosceremo i vincitori

Nel gennaio scorso abbiamo lanciato la seconda edizione del Premio “Rompiamo gli schemi”. Ora è il momento di conoscere i dieci candidati che abbiamo selezionato come finalisti, mentre ci diamo appuntamento a FORUM PA 2022, il 17 giugno all’Auditorium della Tecnica di Roma, per scoprire i tre vincitori. La premiazione avverrà all’interno dello Scenario “#innovatoriPA: progetti e persone per un’amministrazione innovativa e sostenibile” nell’Arena di FORUM PA (ore 16,45-18) che vedrà il keynote speech di Francesca Gino, Professoressa della Harvard Business School

26 Maggio 2022

S

Michela Stentella

Direttore testata www.forumpa.it

Photo by Olav Ahrens Røtne on Unsplash - https://unsplash.com/photos/SiDXdjE-T_k

Nel gennaio scorso abbiamo lanciato la seconda edizione del Premio “Rompiamo gli schemi”, iniziativa con cui vogliamo scoprire gli #innovatoripa, persone che mettono al centro obiettivi e risultati, piuttosto che procedure e adempimenti, consapevoli che, in alcuni momenti, uscire dai confini e da un modo consolidato di fare le cose è necessario per sostenere il cambiamento. Come sottolineato in occasione del lancio del Premio “siamo convinti che ora più che mai sia fondamentale raccontare e dare evidenza alle persone che lavorano nella PA e per la PA, alle loro competenze, alle loro idee, al loro coraggio e spirito di iniziativa”.

Prima di tutto vogliamo ringraziare tutti quelli che hanno risposto al nostro invito: abbiamo davvero bisogno di persone che sappiano guardare le cose da un diverso punto di vista e consapevoli di quanto questo approccio possa essere importante. Ora è il momento di conoscere i dieci candidati che abbiamo selezionato come finalisti…mentre ci diamo appuntamento a FORUM PA 2022, il 17 giugno all’Auditorium della Tecnica di Roma, per scoprire i tre vincitori. La premiazione avverrà all’interno dello Scenario “#innovatoriPA: progetti e persone per un’amministrazione innovativa e sostenibile” nell’Arena di FORUM PA (ore 16,45-18) che vedrà il keynote speech di Francesca Gino, Professoressa della Harvard Business School. L’iniziativa è stata realizzata in collaborazione con: Fondazione Mondo Digitale, ALTIS-Alta Scuola Impresa e Società dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, Fondazione per la Sostenibilità Digitale, Pa Social, IWA Italy, Wired.  

Ecco una breve presentazione dei finalisti (in ordine alfabetico) tratta dalla scheda di candidatura. Sul sito forumpachallenge trovate le schede di dettaglio.

Roberto D’Angelo, Chief Innovation Officer – Volontario e co-fondatore della Fond. Fightthestroke, un’organizzazione no-profit che sostiene i giovani sopravvissuti a un ictus con disabilità di paralisi cerebrale, come suo figlio, e le loro famiglie. Le passioni di Roberto sono l’accessibilità, il machine learning, il design inclusivo, lo sviluppo del cervello, i neuroni specchio, il cambiamento comportamentale, in un mix in grado di portare intensità tecnologica alle persone con disabilità e migliorare la loro qualità di vita. A settembre 2019 il team guidato da Roberto ha vinto il Microsoft Hackathon 2019 Grand Prize, tra oltre 7.000 progetti in tutto il mondo e 27.000 ingegneri, con il progetto “MirrorHR – Epilepsy Research Kit for Kids”, una soluzione unica di raccolta e analisi dati a favore delle persone con epilessia, dei loro medici e familiari, app che oggi è accessibile e disponibile a tutti gratuitamente.

Debora Angeletti, Direttore UOC Sistemi Informativi e Tecnologie Informatiche e di Comunicazione Asl Roma 1. Ingegnere in telecomunicazioni, responsabile della Transizione Digitale in Asl Roma 1. Ritiene che l’innovazione sia sempre, innanzitutto, un fatto di organizzazione dove la tecnologia concorre a semplificare la vita delle persone. La pandemia ha accelerato la digitalizzazione di attività essenziali e difficilmente gestibili in modalità analogica. Al centro, resta la persona. Sia essa un assistito, un operatore sanitario o un dipendente della Asl. Un esempio di questo approccio è il progetto TabLetto® sviluppato in collaborazione con I-Tel, Rai ed Engineering, è un servizio per gli ospedali che mette al centro il paziente e la sua tranquillità durante il ricovero: un tablet per ogni posto letto, su misura per i bisogni del paziente e dello staff a supporto.

Pierluigi Carugno, Direttore Generale Comune di Pescara. Nominato nel 2021 Direttore Generale del Comune di Pescara, dopo una lunga esperienza manageriale pubblica/privata. Una scelta al di fuori dei soliti canoni legati a percorsi di crescita all’interno della PA, che ha dato la possibilità di implementare un nuovo sistema organizzativo maggiormente flessibile e adattabile alle nuove sfide del PNRR. Il primo obiettivo raggiunto in un solo anno è stata la semplificazione amministrativa per l’accesso, attraverso la digitalizzazione dei servizi comunali, a tutte le possibilità fornite dall’Ente ai cittadini ed imprese. L’acquisizione di un City Manager dal mercato ha rotto il preordinato schema che il mercato del lavoro non riesce ad offrire capaci Public Manager utili ad innovatore e migliorare la macchina amministrativa in modo da volgerla verso “il bisogno del cittadino” piuttosto che per il “rispetto normativo”.

Paola Di Maio, Innovation Manager Comune di Roma. Arrivata a Roma Capitale nel 2017, dopo una carriera di 18 anni in una multinazionale ICT come Dirigente in ambito Customer Relationship Management. Definita dai suoi responsabili come un “talento ribelle” perché con caparbietà, tenacia e grande fatica ha cercato di portare una ventata di novità, di passione, di sana rivoluzione contaminando i colleghi con cui ha lavorato, mettendo a disposizione dell’Ente le competenze maturate in anni di lavoro in contesti multinazionali. Prima di tutto ha cercato di diffondere e ravvivare un senso di orgoglio e di appartenenza in virtu’ del quale l’Amministrazione non subisce passivamente gli eventi, ma li domina e ne determina l’evoluzione.

Alessandra Fornaci, Responsabile funzione di elevata professionalità progetti innovativi di comunicazione e comunità di utenti INPS. Dopo anni di attività nella comunicazione web dell’INPS, dal 2019 è concentrata nella promozione dell’uso autonomo dei servizi online da parte dell’utenza. Ha proposto alla Direzione l’adozione di una soluzione tecnologica innovativa, atta a ridisegnare la user experience in linea con l’impegno dichiarato dall’INPS nei Piani di comunicazione di “mettere al centro l’utente” e di “essergli vicino”. L’approccio è fuori dagli schemi in quanto innova radicalmente la modalità di comunicazione con l’utenza per abbattere la percezione della distanza tra INPS e cittadino.

Nicoletta Levi, Dirigente Servizio Politiche di Partecipazione e Servizio Comunicazione e Relazioni con la città Comune di Reggio Emilia. Ha lavorato a sviluppare un nuovo approccio alla città collaborativa, con l’obiettivo di alimentare le capacità delle comunità di auto-organizzare le risposte ai propri bisogni, trasformandosi da soggetti di intervento pubblico ad attori protagonisti di soluzioni innovative che hanno contributo a proporre, disegnare, gestire, valutare. Questo si è concretizzato in una serie di progetti collaborativi nei quartieri che trovano poi sintesi e riferimento nel Laboratorio Aperto ai Chiostri di San Pietro, hub di innovazione sociale in cui le attività periferiche più innovative vengono studiate per verificarne la replicabilità su scala cittadina.

Ivo Marino, CEO Cervellotik Education, una PMI innovativa (nata nel 2014) che propone prodotti e servizi innovativi per le PA (mondo scuola). A “Power City” (Potenza) in “Basilicon Valley” (Basilicata) con il suo team prova a migliorare almeno un pezzettino del posto più importante per i giovani: la scuola. Offrono diverse soluzioni all’avanguardia per accompagnare le scuole nel processo di transizione digitale, con un approccio “laterale” e smart. Un approccio “fuori dagli schemi” perché va a scardinare tutto il possibile, mettendo realmente lo “studente al centro” e portando la scuola al passo con i tempi.

Mariuccia Rizzuto, Componente del Board di Progetto HORMA – Health and Operating Room Management Association. Cos’è la Società 5.0? È la società super intelligente a cui ci dobbiamo ispirare, come afferma M. Fukuyama (2018): una comunità dove le esigenze sono personalizzate, differenziate e rispettate, distribuendo beni e servizi nelle quantità richieste, alle persone che ne hanno bisogno, nel momento del bisogno. Tale filosofia di pensiero è stata applicata al contesto sanitario e, nello specifico, alla SOC Clinica di Chirurgia Maxillo Facciale dell’Azienda Sanitaria Universitaria Friuli Centrale (FVG) in un periodo di forte cambiamento e rivoluzione dettato dalla pandemia da Covid-19. Sono state adottate soluzioni che si ispirano a un modello ideale di ospedale a misura di paziente; un luogo di speranza, prevenzione, guarigione, cura, accoglienza e serenità, basato sulla sinergia tra visione clinica, organizzativo-gestionale e tecnologico-innovativa.

Andrea Vian, Ricercatore Dipartimento architettura e design (DAD) in Disegno industriale ICAR/13 Università degli studi di Genova. Alla fine del 2014, è stato contattato dall’Università di Genova per aggiornare il sito web. Il lavoro svolto ha portato ad una profonda trasformazione digitale dei servizi informativi alla base del web di ateneo, sei anni dopo il progetto di visual design è divenuto un progetto di trasformazione digitale a 360°. In un mondo dove informazioni e tecnologie crescono esponenzialmente, le soluzioni tradizionali risultano totalmente inefficaci a garantire non solo la fruibilità dei servizi, ma perfino la comprensione del livello di complessità del contesto. UniGe ha abbracciato l’approccio design driven e l’ha esteso alla comunicazione e all’analisi dei dati. Il risultato del lavoro è un sistema integrato, data-driven, incentrato sull’utente.

Nicola Villa, Responsabile Unità Trasformazione Digitale e Innovazione tsm-Trentino School of Management. Fin dal suo ingresso in Tsm, nel 2011, gli è stato affidato l’obiettivo di introdurre metodologie e strumenti innovativi per la formazione ai dipendenti della Pubblica Amministrazione, sia in termini di metodo sia sui contenuti erogati. Adottando una strategia anticipante, che si è rivelata con il tempo vincente, ha cercato di rompere gli schemi in diverso modo: promuovendo un sistema formativo che prevedeva l’online by design, introducendo un framework personalizzato per la crescita delle competenze digitali e basato sul DigComp europeo e il syllabus italiano (al tempo ancora in bozza), proponendo un framework per la trasformazione digitale, certificando i dipendenti su standard riconosciuti in ambito internazionale, includendo la formazione di Tsm in Repubblica Digitale e fare parte della EU Digital Skills and Job Coalition.

Ci diamo quindi appuntamento con gli #innovatoripa il 17 giugno all’Auditorium della Tecnica di Roma, nell’Arena di FORUM PA 2022. per scoprire i tre vincitori. La partecipazione allo Scenario “#innovatoriPA: progetti e persone per un’amministrazione innovativa e sostenibile” è gratuita, ma è richiesta l’iscrizione. Prenota il tuo posto!

Su questo argomento

Rompere gli schemi per far ripartire il paese: l'intervista a Francesca Gino, tra i grandi ospiti di FORUM PA 2022