Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Condividere e guidare: i “must” dell’innovazione aziendale-sanitaria

Home Sanità Condividere e guidare: i “must” dell’innovazione aziendale-sanitaria

Al Tavolo permanente per l’innovazione in Sanità si sono seduti i Direttori generali di azienda sanitaria, protagonisti indiscussi, i partner di mercato ICT, i rappresentanti delle Regioni, i vertici di Federsanità ANCI in veste di facilitatori.
In un clima di entusiasmo, voglia di condividere, attitudine al fare e grande professionalità le Conversazioni sull’innovazione sono state molteplici e preziose, fornendo importanti spunti, durante e a margine dei lavori del Tavolo.
Ascoltiamo la voce dei protagonisti, concordi nel definire condivisione e leadership i must dei processi di innovazione.

18 Novembre 2008

C

Chiara Buongiovanni

Articolo FPA

Al Tavolo permanente per l’innovazione in Sanità si sono seduti i Direttori generali di azienda sanitaria, protagonisti indiscussi, i partner di mercato ICT, i rappresentanti delle Regioni, i vertici di Federsanità ANCI in veste di facilitatori.
In un clima di entusiasmo, voglia di condividere, attitudine al fare e grande professionalità le Conversazioni sull’innovazione sono state molteplici e preziose, fornendo importanti spunti, durante e a margine dei lavori del Tavolo.
Ascoltiamo la voce dei protagonisti, concordi nel definire condivisione e leadership i must dei processi di innovazione.

Maria Gigliola Rosignoli, Direttore Generale ASL Umbria n. 3 – Foligno ci spiega la sua visione di innovazione, centrata sulla condivisione di esperienze concrete e su una chiara leadership alla guida dei processi.



Alberto
Andrion, Direttore Generale Azienda Ospedaliera "Azienda Ospedaliera ‘CTO – Maria Adelaide’" Torino, racconta  l’esperienza concreta della sua azienda. Riconosce le difficoltà nel coinvolgere i clinici, l’opportunità di confrontarsi con i partner di mercato, la necessità di "fare", evitando il rischio di cadere in stati di immobilismo decisionale.


Quale è la "missione" del Direttore Generale di azienda sanitaria in un contesto  non facile quale l’attuale? Quali sono i fattori di contesto che vanno cambiati? Mario Maresca, Direttore Generale ASL n.2 Chieti propone una riflessione a 360° sulla questione dell’innovazione per l’azienda sanitaria.


L’incentivazione alla qualità non passa solo attraverso le risorse finanziarie. Massimo Scura, Direttore Generale AUSL Siena n.7, riflette sull’importanza di inventarsi il "piacere" di lavorare insieme, in un approccio alla gestione aziendale che vede ciascuno leader nel proprio ruolo.

Su questo argomento

Salvaguardia ambientale e tutela sanitaria nell’ordinamento del nostro Paese