ESA: Agenzia Spaziale Europea per lo sviluppo di un Sistema di allarme precoce per la salute

Home Sanità ESA: Agenzia Spaziale Europea per lo sviluppo di un Sistema di allarme precoce per la salute

L’Agenzia spaziale europea (ESA) ha deciso di sostenere l’iniziativa capitanata dall’Istituto nazionale della salute portoghese avente come scopo lo sviluppo di un Sistema di allarme precoce per la salute (Health Early-Warning System o HEWS). L’HEWS assicurerà il rilevamento precoce e il monitoraggio via satellite di possibili minacce alla salute e alla sicurezza pubblica.

13 Gennaio 2009

R

Redazione FORUM PA

Articolo FPA

L’Agenzia spaziale europea (ESA) ha deciso di sostenere l’iniziativa capitanata dall’Istituto nazionale della salute portoghese avente come scopo lo sviluppo di un Sistema di allarme precoce per la salute (Health Early-Warning System o HEWS). L’HEWS assicurerà il rilevamento precoce e il monitoraggio via satellite di possibili minacce alla salute e alla sicurezza pubblica.

Idea in origine dell’Istituto nazionale della salute portoghese (INSA), l’HEWS promette di essere un vantaggio non solo per l’Europa ma anche per il resto del mondo. Si sta attualmente sviluppando il sistema come una piattaforma di gestione integrata ideata per coadiuvare la sorveglianza epidemiologica, il monitoraggio della salute pubblica, la gestione dei casi di crisi e i programmi di protezione civile.

Giorgio Parentela, responsabile dell’Unità operativa di telemedicina dell’ESA, spiega così l’importanza dell’HEWS: "A livello ministeriale, è stato dimostrato interesse per l’uso del sistema HEWS, non solo per patologie endemiche che interessano periodicamente il Paese, come per esempio il colera, ma anche per programmi sanitari che sono parte degli interventi di base nei paesi africani".  Questi sono "di solito sponsorizzati dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), come il programma di vaccinazione, al quale l’HEWS si potrebbe facilmente adattare".

L’HEWS coinvolge un consorzio di aziende portoghesi e italiane, tra cui Tekever (Portogallo) e Ridgeback (Italia), accanto all’ESA e all’INSA. Attualmente, l’INSA è responsabile degli aspetti scientifici e gestionali del progetto.

L’HEWS è stato recentemente testato in Angola. Le istituzioni sanitarie locali e le alte istituzioni dell’Angola, tra cui il Ministero della Sanità, hanno preso parte al test, che consisteva nella simulazione di un focolaio del virus Marburg. Questo scenario era il seguito di uno condotto l’anno scorso a Lisbona, in Portogallo.

In entrambe le sperimentazioni il sistema HEWS ha dimostrato il valore aggiunto delle comunicazioni satellitari in situazioni in cui sussistono minacce alla salute pubblica. Entrambi gli scenari hanno fornito una dimostrazione del sistema modulare HEWS sviluppato, che può aggiungere istituzioni, personalizzare input di dati, implementare sistemi di allarme precoce e di risposta a situazioni sanitarie con la distribuzione automatica delle rispettive informazioni di allarme, e garantire tutti i livelli di informazione necessari per la sicurezza.

"I principali punti di rilevanza sono risultati il fatto che il sistema HEWS è un sistema di comunicazione affidabile e versatile e può fungere da gestore e distributore di informazioni tra le istituzioni," ha spiegato Parentela.

Fonte: Cordis.europa.eu