Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

“Nord-Sud-Ovest-Est scambio di buone prassi”: soluzioni per superare il gap tra le Regioni in campo sanitario

Home Sanità “Nord-Sud-Ovest-Est scambio di buone prassi”: soluzioni per superare il gap tra le Regioni in campo sanitario

Il progetto, promosso da Federsanità ANCI Lombardia, Friuli Venezia Giulia e Calabria, è nato con la finalità di condividere buone prassi e affrontare specifiche tematiche quali la riorganizzazione della rete ospedaliera ai sensi del D.M. 70 e l’attuazione dei Livelli Essenziali di Assistenza

27 Novembre 2018

M

Massimo Giupponi, direttore Federsanita Anci Lombardia

Il progetto “Nord-Sud-Ovest-Est Scambio di Buone Prassi” nasce dall’idea di alcuni direttori di Aziende sanitarie, socio sanitarie e sociali che hanno espresso il desiderio di disporre di uno strumento che consentisse loro di poter parlare con colleghi di altre realtà regionali con la finalità di condividere buone prassi e affrontare specifiche tematiche.

Il coordinamento interregionale di ANCI Lombardia e Friuli Venezia Giulia con Federsanità ANCI Lombardia, Friuli Venezia Giulia e Calabria (Responsabile Progetto) ha raccolto questa esigenza ed ha ideato il progetto ottenendo il patrocinio del Ministero della Salute e di Agenas. Le attività previste consistono nello scambio di buone prassi a livello interregionale attraverso periodi di permanenza del personale di aziende diverse al fine di condividere per affiancamento i processi concordati. I destinatari del progetto sono le aziende erogatrici e le Agenzie programmatrici del Sistema Sanitario; le aziende Socio Sanitarie e le aziende dei Servizi Sociali.

A supporto del Responsabile di Progetto è stato istituito un Comitato Scientifico composto dai rappresentanti delle ANCI regionali e delle Federazioni Regionali aderenti, oltre ad illustri esponenti del mondo sanitario, sociosanitario e sociale.

Il progetto ha una durata prevista di un anno dall’attivazione e si prefigge l’obiettivo di …

[clicca qui per continuare a leggere l’articolo]

Su questo argomento

Di Costanzo e Talamo: scambio di buone pratiche e nuovo Ufficio unitario di comunicazione pubblica