Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Regione Lazio: parte la riorganizzazione della rete di emergenza

Home Sanità Regione Lazio: parte la riorganizzazione della rete di emergenza

La Regione Lazio ha dedicato una giornata alla riorganizzazione della Rete dell’emergenza e delle Reti di Specialità, alla presenza del Presidente di Laziosanità-ASP Lucio D’Ubaldo e del Direttore generale Claudio Clini presso la Regione Lazio e realizzata in collaborazione con Pfizer.La riorganizzazione delle reti dell’emergenza della Regione Lazio ha ridefinito i nodi ed il relativo livello di complessità dei Pronti Soccorso, DEA di I livello e DEA di II livello con le relative aree di competenza territoriale.

14 Novembre 2008

Articolo FPA

La Regione Lazio ha dedicato una giornata alla riorganizzazione della Rete dell’emergenza e delle Reti di Specialità, alla presenza del Presidente di Laziosanità-ASP Lucio D’Ubaldo e del Direttore generale Claudio Clini presso la Regione Lazio e realizzata in collaborazione con Pfizer.La riorganizzazione delle reti dell’emergenza della Regione Lazio ha ridefinito i nodi ed il relativo livello di complessità dei Pronti Soccorso, DEA di I livello e DEA di II livello con le relative aree di competenza territoriale. Il sistema delle reti, organizzato secondo il modello Hub & Spoke, prevede l’individuazione nel territorio di centri di eccellenza (centri hub) supportati da una rete di servizi ospedalieri o di soccorso 118 sul territorio (centri spoke) cui compete la selezione dei pazienti e il loro invio a centri di riferimento, per il trattamento di pazienti con infarto miocardico acuto, patologie cardiochirurgiche, trauma grave, ictus cerebrale acuto.
La ridefinizione del livello di complessità assistenziale di alcuni Pronto Soccorso e delle aree di afferenza dei DEA di II livello si propone di migliorare l’equità nell’accesso ai servizi sanitari di emergenza, favorendo il potenziamento dei servizi di pronto soccorso nelle aree più popolose della Capitale (Roma EST), favorendo il decentramento dei DEA di II livello (finora esclusivamente presenti a Roma) a partire dall’area Sud del Lazio, bilanciando le aree in termini di popolazione di riferimento, ottimizzando i tempi di trasporto tra i nodi dell’emergenza.

Il nuovo modello organizzativo di gestione dei trasporti e dei trasferimenti nell’ambito della rete mira inoltre a migliorare la tempestività e la qualità dell’assistenza, introducendo nuovi elementi nel processo decisionale di individuazione del punto di erogazione più idoneo al trattamento del cittadino, a partire dalla patologia del singolo paziente con l’eventuale conseguente necessità di trattamento in struttura specializzata. La Regione Lazio, attraverso Laziosanità-ASP, ha inoltre avviato numerosi progetti di innovazione tecnologica a supporto della rete dell’emergenza e delle reti specialistiche collegate.
Fonte: Regione Lazio

Su questo argomento

Parte il progetto Open Data Campania. La Regione punta all’empowerment!