Sistema salute, necessaria una visione congiunta tra le strategie regionali

Home Sanità Sistema salute, necessaria una visione congiunta tra le strategie regionali

Per ripensare il sistema della salute, occorre partire da iniziative locali circoscritte e quindi ragionevolmente gestibili, ma con uno sguardo ad un percorso pluriennale complessivo. Ogni iniziativa avrà l’obiettivo di raggiungere una massa critica di servizi sanitari e sociali

17 Marzo 2016

A

Angelo Lino Del Favero, direttore generale Istituto Superiore di Sanità e presidente nazionale Federsanità ANCI

Occorre consolidare il profondo cambiamento che abbiamo iniziato, con le Case della Salute, le UCCP, le AFT, verso un coordinamento ospedale-territorio e l’integrazione tra sanitario e sociale. Le soluzioni tecnologiche in gran parte ci sarebbero, ma non vengono ancora portate a sistema. Occorre promuovere una visione congiunta tra le strategie regionali, con regolamentazione e finanziamenti strutturali, il cambiamento organizzativo in atto e le opportunità offerte dalle tecnologie digitali.

Per questo scopo, possono aiutare molto i modelli innovativi di procurement, con una collaborazione pubblico-privato che guardi in modo integrato ai processi di cura e di assistenza, soprattutto per l’anziano, il malato cronico, i soggetti più deboli. Federsanità sta lavorando molto sugli aspetti dei bandi di gara, grazie anche alla partecipazione ad iniziative europee come STOPandGO.

Come mettere a sistema le esperienze avviate sui singoli territori

Grazie agli sforzi dello Stato e delle Regioni degli ultimi anni, e all’Agenda Digitale, cominciano ad esserci le infrastrutture principali: fascicolo, prescrizioni, certificati. Adesso è possibile gestire bene i PDTA, i percorsi clinico-assistenziali: occorre partire da iniziative locali circoscritte e quindi ragionevolmente gestibili, ma con uno sguardo ad un percorso pluriennale complessivo, regionale, nazionale ed europeo.

Ogni iniziativa avrà l’obiettivo di raggiungere una massa critica di servizi sanitari e sociali, facilitare la collaborazione tra i professionisti, attivare il paziente sulla propria salute e rendere la governance più tempestiva ed efficace, usando le soluzioni tecnologiche che oggi il mercato già offre.

La diffusione pervasiva di modelli di cura innovativi e sostenibili permetterà sia alla domanda che all’offerta di capire quali possono essere gli ulteriori miglioramenti organizzativi e tecnologici da attuare per utilizzare meglio le risorse.

Su questo argomento

Emergenza Coronavirus: aperta raccolta fondi per l’ospedale di Bergamo