Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Tavolo Farmaceutico: Accordo a rischio su destinazione risparmi a farmaceutica ospedaliera

Home Sanità Tavolo Farmaceutico: Accordo a rischio su destinazione risparmi a farmaceutica ospedaliera

Se è vero che i risparmi derivanti dall’accordo raggiunto al Tavolo sulla farmaceutica il 15 ottobre scorso verranno destinati a ripianare il buco della farmaceutica ospedaliera – come dichiarato oggi dal sottosegretario alla Salute Ferruccio Fazio – l’accordo stesso rischia di essere nullo.

31 Ottobre 2008

R

Redazione FORUM PA

Articolo FPA

Se è vero che i risparmi derivanti dall’accordo raggiunto al Tavolo sulla farmaceutica il 15 ottobre scorso verranno destinati a ripianare il buco della farmaceutica ospedaliera – come dichiarato oggi dal sottosegretario alla Salute Ferruccio Fazio – l’accordo stesso rischia di essere nullo.

La denuncia è di Annarosa Racca, presidente di Federfarma, che osserva come uno dei principali presupposti dell’accordo tra Governo, Regioni, industrie farmaceutiche, farmacie pubbliche e private e distributori fosse quello di destinare al miglioramento del servizio farmaceutico le risorse liberate grazie alle misure discusse al Tavolo. A tal fine si prevedeva di finanziare con tali risorse la distribuzione in farmacia di farmaci che oggi i cittadini sono costretti a ritirare nelle strutture pubbliche, lontano da casa e con orari ridotti.
Da anni – prosegue Racca – denunciamo che la spesa farmaceutica ospedaliera è fuori controllo: Stato e Regioni continuano a gettare risorse in un pozzo senza fondo, senza mai pretendere né ottenere dalle strutture pubbliche dati certi su quanti e quali farmaci vengono acquistati dagli ospedali e con quali costi. Al contrario la spesa per i farmaci distribuiti attraverso le farmacie è documentata giorno per giorno fino all’ultimo euro. E, paradossalmente, proprio sulla spesa per farmaci distribuiti tramite le farmacie Stato e Regioni si ostinano a intervenire per ottenere ulteriori risparmi, mentre altrove continuano indisturbati gli sprechi.
Fonte: Federfarma

Su questo argomento

Tecnologie cloud nella PA: il tavolo di lavoro a FORUM PA 2018