Lo Stato digitale: seconda edizione per il Master dell’Università degli Studi “Roma Tre”

Home Temi Verticali Scuola, Istruzione e Ricerca Lo Stato digitale: seconda edizione per il Master dell’Università degli Studi “Roma Tre”

Rispondere alla domanda di conoscenza e di approfondimento derivante dall’applicazione e dal crescente utilizzo delle tecnologie informatiche nel mondo del diritto, con particolare riferimento al settore pubblico e ai nuovi servizi digitali che coinvolgono le pubbliche amministrazioni e le imprese. Questo l’obiettivo del Master SD – Lo Stato digitale, istituito presso l’Università degli Studi “Roma Tre” e giunto alla 2° edizione

30 Novembre 2022

Photo by cetteup on Unsplash - https://unsplash.com/photos/54t5rivyAiI

Il dibattito sulla diffusione della tecnologia e dei suoi effetti è attuale e in corso di svolgimento a livello globale. Esso si concentra su una molteplicità di aspetti tra loro diversi ma comunque trasversali: dal ruolo delle piattaforme nella vita sociale e politica agli inediti problemi posti dalla tutela della privacy sulle medesime piattaforme, dall’utilizzo dei big data e dell’intelligenza artificiale per costruire meccanismi di decisione e di giudizio alla attivazione di nuovi meccanismi di partecipazione, dallo studio dei modelli di governance all’approfondimento di temi più specifici quali le smart cities, il welfare digitale, la sanità elettronica. Assume poi un ruolo sempre maggiore la difesa cibernetica delle infrastrutture critiche del paese, un’esigenza che si è fatta più urgente a seguito del conflitto russo – ucraino e che porta con sé numerose implicazioni giuridiche che coinvolgono da vicino il livello di intervento dello Stato nella vita economica del paese, così come i diversi aspetti organizzativi connessi.  

In questo contesto si inserisce il Master SD – Lo Stato digitale, istituito presso l’Università degli Studi “Roma Tre” e giunto alla 2° edizione (2023), il quale si ponel’obiettivo di rispondere alla domanda di conoscenza e di approfondimento derivante dall’applicazione e dal crescente utilizzo delle tecnologie informatiche nel mondo del diritto, con particolare riferimento al settore pubblico e ai nuovi servizi digitali che coinvolgono le pubbliche amministrazioni e le imprese.

Anche per la prossima edizione 2023, alla sua preparazione hanno concorso il Dipartimento di Giurisprudenza e il Dipartimento di Ingegneria, nella consapevolezza che, solograzie alla collaborazione tra i centri della ricerca e al coinvolgimento di docenti universitari ed esperti provenienti dal mondo delle professioni e dell’impresa, è possibile offrire ai partecipanti l’opportunità di completare e perfezionare una conoscenza trasversale delle materie trattate, fornendo un aggiornamento e una specializzazione rispetto alle competenze già possedute.

Questa attitudine multidisciplinare si riflette nella composizione del Consiglio direttivo, in cui siedonoLuisa Torchia, P.O. di diritto amministrativo presso il Dipartimento di Giurisprudenza di Roma Tre e direttore del Master, e i Professori Paolo Atzeni (P.O. presso Ingegneria – Roma Tre – Sezione informatica e automazione, attualmente in aspettativa quale direttore della Struttura di Missione per lo Sviluppo di Capacità e Competenze presso l’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale), Francesco Cardarelli (P.O. di diritto pubblico e di Diritto dell’informazione e della comunicazione presso Scienze Motorie Umane e della Salute – Roma Foro Italico), Antonio Carratta (P.O. di diritto processuale civile presso Giurisprudenza – Roma Tre), Giorgio Resta (P.O. di European and Comparative Data Law presso Giurisprudenza – Roma Tre), Vincenzo Zeno Zencovich (P.O. di Comparative Legal Systems presso Giurisprudenza – Roma Tre), Sveva Del Gatto (P.A. di diritto amministrativo e diritto amministrativo europeo presso Giurisprudenza – Roma Tre), Francesco Mezzanotte (P.A. di diritto privato presso Giurisprudenza – Roma Tre), Sergio Ginebri (P.A. di economia politica presso Giurisprudenza – Roma Tre).

A chi si rivolge

Il Corso offre una preparazione adeguata sia per affrontare i concorsi pubblici e la carriera dirigenziale nell’amministrazione pubblica, sia per fornire a dirigenti e funzionari delle pubbliche amministrazioni, centrali e locali, l’opportunità di svolgere la necessaria attività di aggiornamento periodico delle competenze e di riqualificazione professionale. Anche per i professionisti del settore, infine, il Corso costituisce l’occasione per acquisire una approfondita conoscenza teorica e pratica dei problemi del sistema amministrativo di fronte all’innovazione tecnologica. Per accedere al Master è necessario il possesso di un titolo universitario appartenente alle classi di laurea specialistica/magistrale (nuovo ordinamento), oppure conseguito ai sensi del D.M. 509/99 (vecchio ordinamento), o infine di titoli accademici rilasciati da Università straniere (purché equipollenti), preferibilmente in Giurisprudenza, Economia, Scienze politiche, Statistica, Ingegneria, con voto minimo 100/110 o equipollente.

L’offerta formativa

Il partecipante, al termine del Master, potrà maneggiare con confidenza gli strumenti dell’innovazione digitale applicati all’ambito del diritto (e in particolare del diritto della pubblica amministrazione) e dei servizi all’utenza, con piena capacità di orientarsi all’interno dei diversi settori studiati: dall’analisi delle varie discipline rilevanti (dati personali, concorrenza, proprietà intellettuale) allo studio dei modelli di governance anche in chiave comparata, dall’esame del processo decisionale della pubblica amministrazione alla verifica dei connessi modelli di responsabilità, con l’approfondimento di temi di settore quali le smart cities, il welfare digitale, l’E-health, la cybersicurezza e il processo telematico. Il percorso formativo ha durata annuale (10 mesi), corrisponde a 60 crediti formativi universitari (CFU) ed è articolato in 10 moduli dedicati sia a tematiche trasversali che ad approfondimenti di settore. I moduli didattici sono suddivisi in lezioni frontali, esercitazioni, seminari e conferenze, si svolgono in lingua italiana e in modalità convenzionale in presenza, presso l’Ateneo di Roma Tre.

Iscrizioni, selezione e costi

Il costo della quota d’iscrizione al corso annuale è di € 4.000,00, ma è anche possibile l’iscrizione a singoli moduli didattici, al costo di € 400,00 (con rilascio di un attestato di partecipazione). Sono previste borse di studio a copertura integrale del costo di iscrizione e agevolazioni per i dipendenti pubblici nell’ambito della Convenzione PA110eLode. L’ammissione avviene a seguito della valutazione dei titoli ed eventuale colloquio, mentre la prova finale per il conseguimento del Diploma di Master consiste nella redazione di un elaborato su un argomento individuato dallo studente tra quelli oggetto del programma.

Info

La sede del Master si trova presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Roma Tre (stanza 218, 2° piano). Per maggiori info è possibile consultare QUI il sito istituzionale del Master, in cui sono presenti il regolamento e il bando, navigare la pagina Linkedin oppure contattare QUI la Segreteria.

Questo contenuto è a cura del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi Roma Tre

Su questo argomento

Formazione post-lauream per il mondo delle PA: al via l’Alta Scuola dell’Amministrazione a Roma Tre