Alessandro Canelli a FORUM PA 2022: “Digitale ed Enti locali: servono progettualità e un piano di sviluppo di lungo periodo”

Home Città e Territori Alessandro Canelli a FORUM PA 2022: “Digitale ed Enti locali: servono progettualità e un piano di sviluppo di lungo periodo”

Alessandro Canelli, Sindaco di Novara, racconta come sta lavorando il Comune in relazione alle misure sulla digitalizzazione previste dal PNRR per gli Enti locali

12 Luglio 2022

F

Redazione FPA

Alessandro Canelli a FORUM PA 2022

È ormai nota l’importanza degli Enti locali nel raggiungimento degli obiettivi posti dal PNRR, ma a che punto sono le amministrazioni locali nel percorso di digitalizzazione? A FORUM PA 2022 abbiamo provato a capire come sta andando l’attuazione delle misure del Piano: risposte ai bandi, criticità e ricezione dei finanziamenti. Lo abbiamo fatto nel corso del Talk “Enti locali e digitalizzazione. Risposte ai bandi e attuazione dei fondi”. Tra i relatori, Alessandro Canelli, Sindaco di Novara e presidente della Fondazione IFEL dell’ANCI, che ci ha raccontato come sta lavorando il Comune proprio in relazione agli avvisi sulla digitalizzazione del PNRR.

“Il PNRR ci permette di pensare sistematicamente in digitale, non solo in analogico”, ha commentato il Sindaco Canelli, che ha sottolineato come sia molto importante inserire un progetto di sviluppo digitale degli Enti locali nelle progettualità di medio-lungo periodo, andando al di là del PNRR. Durante il talk sono emerse anche le criticità di questi avvisi: secondo Canelli mancano le risorse per incentivare la digitalizzazione degli archivi e servirebbe l’integrazione con il sistema delle imprese e della formazione.  

L’intervento del Sindaco Canelli è estratto dal Talk “Enti locali e digitalizzazione. Risposte ai bandi e attuazione dei fondi” a FORUM PA 2022. Rivedi la registrazione integrale dell’evento

Il Comune di Novara partecipa ad ICity Club – l’Osservatorio della trasformazione digitale urbana di FPA.   

Su questo argomento

Massimo Bugani a FORUM PA 2022: "Il PNRR ha scoperto le lacune, ma soprattutto le possibilità dei Comuni”