Quanto è creativa la tua città? Scoprilo con il Cultural and Creative Cities Monitor

Home Città e Territori Quanto è creativa la tua città? Scoprilo con il Cultural and Creative Cities Monitor

Il Cultural and Creative Cities Monitor è la piattaforma realizzata nel 2017 dalla Commissione Europea per mettere a confronto, stimolare e individuare i punti di forza delle città europee, tramite 29 indicatori che si riferiscono alla “creatività urbana”

11 Gennaio 2022

C

Francesca Carboni

FPA, redattrice progetto ICity Club

Photo by Francesco Ungaro on Unsplash - https://unsplash.com/photos/LFfpkofbcO4

La Commissione Europea ha realizzato uno strumento per valutare e confrontare il livello di creatività delle città europee: il Cultural and Creative Cities Monitor.

Progettato nel 2017, si tratta di una dashboard informativa e interrogabile disegnata per supportare i policy makers nell’identificare i punti di forza e le opportunità della propria città offrendo anche la possibilità di mettere a confronto diversi centri urbani. Oggi comprende più di 190 città in 30 Paesi e le città italiane sotto la lente del Monitor sono: Bologna, Brescia, Cagliari, Firenze, Genova, Lecce, Matera, Milano, Napoli, Parma, Perugia, Pesaro, Ravenna, Roma, Trento, Trieste, Torino, Venezia

Lo scopo è quello di stimolare opportunità di apprendimento e condivisione reciproca tra le diverse città e di offrire ai ricercatori uno strumento che può generare ulteriori ambiti di ricerca sul ruolo della cultura e della creatività urbana per il benessere economico e sociale.

La componente qualitativa (che completa quella quantitativa), include invece fatti, manifestazioni e testimonianze chiave delle risorse culturali e creative delle città (siti culturali, istituzioni artistiche o eventi o strategie politiche e di investimento).

Il Cultural and Creative Cities Monitor è ispirato da quaranta indici internazionali e combina otto caratteristiche chiave che lo distinguono da altri indici posizionandolo, oggi, per molte città, come un potente strumento per informare i dibattiti politici sulle strategie di sviluppo urbano. I vantaggi che offre risiedono soprattutto nell’offerta di un quadro di misurazione onnicomprensivo che offre al contempo punteggi aggregati per singole città e il confronto – tra un massimo di cinque città – su 3 sotto-indici, 9 dimensioni e 29 indicatori. Il Monitor consente agli utenti di visualizzare – in maniera personalizzata –  i risultati ma anche di immettere i dati delle proprie città, di creare una nuova voce per le città che intendono subentrare, esplicitando chiaramente i criteri di selezione.

Tutti i dati immessi e la metodologia adottata sono consultabili nella sezione Docs&Data

I dati quantitativi vengono raccolti tramite 29 indicatori che si riferiscono a 9 dimensioni, le quali a loro volta sono ricondotte ai 3 ambiti principali della “creatività urbana”: vivacità culturale, economia creativa e ambiente favorevole.

Questo articolo è stato pubblicato nell’ambito del progetto ICity Club 2021 e messa finora a disposizione in esclusiva per le città aderenti al progetto.


ICity Club, L’Osservatorio della Trasformazione Digitale Urbana di FPA, per il 2022 perfeziona gli strumenti messi a disposizione delle città aderenti, per dare vita a un laboratorio dedicato interamente all’accompagnamento e all’orientamento per la realizzazione degli obiettivi a loro dedicati dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. su Su FPA Digital School è inoltre disponibile un nuovo percorso di formazione dedicato alle competenze trasversali per i dipendenti degli enti aderenti ad ICity Club. Scopri l’offerta ICity Club 2022.

Su questo argomento

La Strategia Europea dei dati e le opportunità per le città