Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Programmazione economica: chi coordina gli investimenti pubblici in Italia?

Home Economia Programmazione economica: chi coordina gli investimenti pubblici in Italia?

Il DIPE e il CIPE sono due organi dello Stato fondamentali per il coordinamento e il monitoraggio della spesa pubblica e per gli investimenti

11 Giugno 2019

Il DIPE e il CIPE sono due organi statali che coordinano, indirizzano e monitorano, in maniera differente, gli investimenti pubblici, programmando la politica economica del Paese.

Il CIPE

Il CIPE, (Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica), “è un organo collegiale del Governo presieduto dal Presidente del Consiglio dei Ministri e composto dai Ministri”. È un organo di decisione politica in ambito economico. La sua funzione principale sta nel prendere decisioni di allocazione delle risorse finanziarie a programmi di sviluppo e nell’approvazione di iniziative di investimenti pubblici.

Giancarlo Giorgetti è sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, nonché Segretario del CIPE. A FORUM PA 2019 ha spiegato come all’interno di questo Comitato si siano “dati un nuovo regolamento, che ha fissato dei tempi molto accelerati per chiudere le procedure”.

L’obiettivo, quindi, è di accelerare la realizzazione delle opere pubbliche.

Il CIPE agisce in molti ambiti: parliamo, infatti, di investimenti nel settore dei sistemi di trasporto rapido di massa, nella messa in sicurezza delle scuole e nei piani di investimento di Trenitalia, FSI e ANAS.

A maggio, sempre a FORUM PA 2019, è intervenuto anche Mario Antonio Scino, che è Capo del Dipartimento per la programmazione della politica economica, DIPE.

Il DIPE

“Il Dipartimento programmazione economica nasce dalla fusione di due dipartimenti, il CIPE e il DISeT” dice Scino. “Il DISeT è un dipartimento per il monitoraggio della spesa pubblica. Controlla 250mila interventi di stazioni appaltanti e offre al decisore politico gli strumenti per studiare i meccanismi per sbloccare la spesa pubblica”.

Il DIPE, in particolare, “svolge funzioni di supporto al CIPE e alla Presidenza del Consiglio” in materia di infrastrutture, servizi di pubblica utilità e sanità.

Scino afferma anche che “con la tragedia del Ponte Morandi è nata l’esigenza di una cabina di regia, denominata Strategia Italia, la cui istruttoria è affidata al DIPE. “È un mini consiglio dei ministri economico”, prosegue, “che ha il compito di monitorare la spesa pubblica e di superare l’impasse sugli investimenti in settori particolari”.

Su questo argomento

OpenCUP - Codice unico per conoscere gli investimenti pubblici