Torna alla manifestazione Logo manifestazione
Talk Online

Misurazione e dati per governare la digitalizzazione: DESI nazionale, regionale e comunale [TPA.13]

15 Giugno dalle 09:30 alle 10:30

Sala VIOLA

Indirizzo copiato negli appunti

 

A cura di Agenda Digitale Regione Emilia-Romagna

Nell'ambito dell'incontro sarà presentato il DESI comunale, progettato e realizzato da Regione Emilia-Romagna, in cooperazione con ART-ER SCpA e, nell'ambito del confronto con POLIMI nel merito del DESI regionale, il contributo di un referente nazionale fornirà un inquadramento nella politica nazionale di misurazione della performance della politica di digitalizzazione avviata negli ultimi anni e oggi oggetto di ingenti investimenti del PNRR.

Programma dei lavori

  • Modera[TPA.13]

    •  Eleonora Bove
      Eleonora Bove

      Senior Content Manager FPA

    • Intervengono
    •  Paolo Coppola
      Paolo Coppola

      Professore associato Università di Udine – Esperto presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri

      Laureato in Scienze dell’Informazione, Paolo Coppola è Professore associato di Informatica all’Università di Udine. Assessore all’Innovazione e e-Government nel Comune di Udine, dal 2016 fino al 2018, è stato presidente della Commissione parlamentare sulla digitalizzazione delle pubbliche amministrazioni. Ha iniziato a insegnare HTML al corso di laurea in scienze e tecnologie multimediali quando aveva 26 anni. A 32 era direttore del centro di calcolo, a 33 professore associato. Ricercatore di informatica teorica, ha insegnato programmazione, ma anche informatica per i beni culturali e logica matematica. Visiting professor a Parigi XIII e fondatore di uno spin-off universitario che sviluppava software per dispositivi mobili già nel 2006. Pioniere degli open data in Italia, si è fatto promotore di una serie di progetti innovativi come, ad esempio, e-part per le segnalazioni dei disservizi online e openMunicipio per avvicinare i cittadini all’attività del consiglio comunale e della giunta. Alla Camera dei Deputati si è impegnato a 360 gradi sui temi dell’agenda digitale. Insieme a Stefano Quintarelli ha proposto il progetto SPID e ha fondato e promuove l’intergruppo parlamentare per l’innovazione tecnologica. Nel 2021 viene scelto come Esperto della Presidenza del Consiglio per lavorare alla digitalizzazione della pubblica amministrazione insieme al Ministro per la transizione digitale Vittorio Colao.

    •  Luca Gastaldi
      Luca Gastaldi

      Direttore dell'Osservatorio Agenda Digitale del Politecnico di Milano e Membro della segreteria tecnica per l'attuazione del PNRR della Presidenza del Consiglio dei Ministri

      Luca Gastaldi è Direttore dell’Osservatorio Agenda Digitale e Senior Advisor dell’Osservatorio Innovazione digitale in Sanità del Politecnico di Milano.
      Insegna “Economia e Organizzazione Aziendale”, “Analisi e Progettazione dei Processi Aziendali” e “Leadership and Innovation” al Politecnico di Milano.
      È stato ricercatore presso l’Aalborg University in Danimarca e presso il Royal Institute of Technlogy (KTH) in Svezia, dove ha studiato la digitalizzazione dei relativi sistemi sanitari.
      È stato consulente in KPMG Advisory, dove ha sviluppato esperienza negli ambiti dell’eLearning e del Business Process Reengineering.
      Ha un PhD in Management e una laurea magistrale in ingegneria gestionale.
      Per maggiori informazioni: LinkedIn, Twitter

    •  Barbara Santi
      Barbara Santi

      Agenda Digitale Emilia-Romagna

    •  Dimitri Tartari
      Dimitri Tartari

      Responsabile Agenda Digitale Regione Emilia-Romagna

      Responsabile Agenda Digitale dell’Emilia-Romagna, attualmente lavora nel Gabinetto del Presidente in Regione Emilia-Romagna. Precedentemente è stato consulente di politiche pubbliche per il digitale, amministratore in un Comune di medie dimensioni, project manager di progetti EU e nazionali. Laureato in Economia con specializzazioni in ambito di Economia della Rete da sempre è prima di tutto un entusiasta delle tecnologie e un positivista. Crede nell’opportunità e necessità di lavorare sulle “comunità informali” che sempre più spesso producono reale cambiamento sociale attraverso Internet e la tecnologia.

A cura di