Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Castellani: “PA Digitale, necessario un cambiamento organizzativo”

Home PA Digitale Servizi Digitali Castellani: “PA Digitale, necessario un cambiamento organizzativo”

Cosa manca nella PA attuale per diventare davvero digitale: un cambiamento organizzativo e dei processi interni all’Ente in modo da creare servizi online che semplifichino davvero la vita al cittadino e smettere di digitalizzare l’analogico

27 Ottobre 2016

L

Laura Castellani, responsabile Infrastrutture e Tecnologie per lo Sviluppo della Società dell'Informazione, Regione Toscana

Come diceva Einstein “non si può pretendere che le cose cambino se si continuano a fare le stesse cose”. La citazione rende bene l’idea di cosa manca nella PA attuale per diventare davvero digitale: un cambiamento organizzativo e dei processi interni all’Ente in modo da creare servizi online che semplifichino davvero la vita al cittadino e smettere di digitalizzare l’analogico. Un servizio online non deve essere la messa in linea di un modulo uguale al cartaceo!!

Un altro tema importante è il tema dell’interoperabilità tra le Pubbliche Amministrazione che faccia si che il cittadino veda una PA unitaria e non sia gravato del compito di ricercare lui informazioni già in possesso di qualche Ente: per far questo occorre lavorare sugli standard che fino ad oggi, nonostante si parli di interoperabilità da moltissimi anni, non sono stati definiti e imposti. Abbiamo lavorato sulle “strade” che permettono di essere connessi ma noN abbiamo stabilito il linguaggio con il quale ci parliamo nei diversi domini.

Questi, insieme al riuso delle buone pratiche e ad un forte coinvolgimento dei cittadini per il design dei nuovi servizi, costituiscono passi importanti verso la cittadinanza digitale e sono i temi principali enunciati nel documento prodotto dal Cantiere. Tutto questo può essere fatto con una governance forte fatta da una stretta collaborazione tra il livello nazionale e il livello locale quest’ultimo iintermediato dalle Regioni o dalle Città metropolitane che facciano da facilitatori e coordinino i territori.

Su questo argomento

APP PA: l'elenco delle app ufficiali della Pubblica Amministrazione