Comunicazione pubblica: il Comune di Milano introduce gli skills IWA per la selezione del personale

Home Open Government Comunicazione Pubblica Comunicazione pubblica: il Comune di Milano introduce gli skills IWA per la selezione del personale

Il Comune di Milano è il primo ente in Italia ad utilizzare gli skills IWA in un capitolato di gara. Si tratta dell’Appalto n. 21/2012 per l’“Affidamento dei servizi di manutenzione ed evoluzione del sistema dei portali del Comune di Milano”, aperto fino al 29 giugno 2012. 

13 Giugno 2012

R

Redazione FORUM PA

Articolo FPA

Il Comune di Milano è il primo ente in Italia ad utilizzare gli skills IWA in un capitolato di gara. Si tratta dell’Appalto n. 21/2012 per l’“Affidamento dei servizi di manutenzione ed evoluzione del sistema dei portali del Comune di Milano”, aperto fino al 29 giugno 2012. 

Ma cosa sono gli skills IWA? Si tratta dei profili professionali per il Web definiti dal Gruppo di Lavoro Web Skills Profiles di IWA Italy. Obiettivo degli skills IWA è garantire maggiore chiarezza alle aziende che assumeranno personale specializzato nell’ambito del Web e forniranno supporto alle organizzazioni e professionisti che nell’ambito della formazione sapranno operare meglio le proprie scelte. 

Giusto nel maggio scorso il CEN (European Committee for Standardization) ha pubblicato un documento (CWA 16458:2012 “European ICT Professional Profiles”) contenente la mappatura e il riconoscimento di questi profili professionali. In pratica, gli skills di IWA Italy vengono riconosciuti come standard europei.

A poca distanza dall’ufficializzazione del CEN, il Comune di Milano introduce quindi questi skills all’interno di un bando molto dettagliato, un Capitolato speciale d’appalto con otto Annessi, in cui sono comprese moltissime specifiche tecniche e vengono specificati lo stato attuale e le azioni richieste. Il bando riguarda tre tipologie di attività: realizzazione e gestione di portali web, web designer e monitoraggio portali. Le offerte saranno valutate in base a una serie di requisiti tecnici: dall’organizzazione generale dei servizi offerti alla metodologia di servizio adottata, dalla qualità dei software e degli strumenti di progetto all’efficacia del gruppo di lavoro in termini di risorse coinvolte, impegno e competenze.

In particolare, l’Annesso 5 è quello dedicato ai requisiti professionali delle risorse richieste per la realizzazione e la gestione dei portali. Si specifica che “Le caratteristiche delle risorse professionali impiegate dall’Aggiudicatario (ad eccezione del "Responsabile Coordinatore del Servizio lato Fornitore (RCS-F)" e del “Responsabile del contratto lato Fornitore (RCT-F)” il cui profilo dovrà essere adeguato al ruolo che ricoprono) dovranno conformarsi ai requisiti minimi specificati di seguito. La definizione dei profili professionali si basa sul documento IWA Italy Web Skills Profiles stable release ver.1.0 (luglio 2010) elaborato dal gruppo di lavoro IWA ItalyWeb Skills Profiles e reperibile al sito http://skillprofiles.eu. Qualora le “abilità” definite per ciascuna figura professionale siano troppo ampie per conoscenze richieste si ritiene accettabile un FTE (Full Time Equivalent NdR).”

Oltre a questa, ci sono altre importanti innovazioni attivate dal bando. Tra queste, in particolare la rilevanza attribuita al Sistema di gestione della relazione con il cittadino (CRM). Si chiede infatti di “sviluppare un unico sistema di comunicazione tra comune e cittadino che sostituisce ed integra gli attuali sistemi di comunicazione ( sportello reclami , filo diretto, newsletter, 020202, etc..)”.