Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

È on line il portale degli open data dell’Emilia-Romagna

Home Open Government Open Data È on line il portale degli open data dell’Emilia-Romagna

Su dati.emilia-romagna.it è disponibile da oggi una prima serie di dati aperti, che verranno incrementati in maniera costante.

14 Ottobre 2011

R

Redazione FORUM PA

Su dati.emilia-romagna.it è disponibile da oggi una prima serie di dati aperti, che verranno incrementati in maniera costante.

Garantire una sempre maggiore trasparenza dell’amministrazione e valorizzare il patrimonio informativo delle pubbliche amministrazioni, rafforzando l’accessibilità e la partecipazione. Con questi obiettivi è attivo da oggi dati.emilia-romagna.it, il portale degli open data della Regione Emilia-Romagna, per la pubblicazione dei dati della Regione e degli enti locali in formato aperto e opportunamente licenziati.

Sul portale è già disponibile una prima serie di dati, che verranno via via incrementati. Il portale è ad oggi predisposto per la pubblicazione di dati raw (grezzi), ma è già prevista una sua evoluzione per la pubblicazione di dati linked, per favorire l’integrazione con supporti analoghi per dati pubblici a livello locale, nazionale e internazionale.

“La pubblica amministrazione crea, gestisce e mantiene immense quantità di informazioni, che possono essere valorizzate dalla società civile e dalle organizzazioni private – ha commentato l’assessore alle Reti di infrastrutture immateriali della Regione Emilia-Romagna, Alfredo Peri – . La strategia è quella dell’’apertura’: rendere cioè riutilizzabili e diffusibili i dati della pubblica amministrazione, cooperando con tutti i livelli delle organizzazioni pubbliche e con tutti i soggetti, formali e informali”.

L’azione sugli open data è frutto della programmazione regionale sulla società dell’informazione. Le Guida del PiTER (Piano telematico regionale) 2011-2013 sono state approvate nel luglio scorso dall’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna. Tra i quattro nuovi diritti di cittadinanza digitale individuati nelle Linee guida c’è proprio l’accesso ai dati: concretamente significa interventi strategici in materia di open data per garantire trasparenza e valorizzazione dei dati in possesso, gestiti e mantenuti dalle pubbliche amministrazioni. Tra le attività programmate rientra, quindi, il progetto “Open Data Emilia-Romagna” con la realizzazione del portale. Il progetto cura in particolare l’aspetto del “riutilizzo” dei dati, prevedendo attività di coinvolgimento e cooperazione con gli utilizzatori, potenziali ed effettivi, di dati pubblici.

L’iniziativa sugli open data della Regione Emilia-Romagna si avvale anche di un accordo sottoscritto con la Regione Piemonte per il riuso dei componenti tecnologici dei rispettivi portali e la loro “evoluzione” congiunta. Questo permette anche uno scambio di informazioni ed esperienze su aspetti organizzativi e regolamentari. La Regione Emilia-Romagna partecipa inoltre attivamente al progetto interregionale del CISIS “Open Data Italia”, con il coinvolgimento di numerose Regioni italiane. Tra le attività relative al rafforzamento del diritto di accesso ai dati, previsto dal PiTER 2011-2013, c’è anche il progetto di realizzazione del portale regionale dei dati geografici (“Geoportale”), in un’ottica di open data e di integrazione con il portale dati.emilia-romagna.it.

Su questo argomento

Open Data nei territori: dal ruolo degli enti locali al coinvolgimento delle community