I governi dovrebbero concentrarsi sull’adozione dell’IA, non solo sulla regolamentazione

Home PA Digitale I governi dovrebbero concentrarsi sull’adozione dell’IA, non solo sulla regolamentazione

Milioni di elettori si recheranno alle urne quest’anno. Le nuove amministrazioni in carica si troveranno di fronte a domande sull’intelligenza artificiale. La maggior parte si sta concentrando – e si concentrerà – sulla legislazione. Ma quanti governi utilizzeranno l’IA per svolgere meglio le loro attività?

29 Febbraio 2024

Q

Leonardo Quattrucci

Business to Government Strategist

Foto di ThisisEngineering RAEng su Unsplash - https://unsplash.com/it/foto/donna-in-abito-blu-che-tiene-il-bordo-rotondo-bianco-HDPbafemBI4

Questo articolo è stato pubblicato qui in versione originale. Andrea Tironi ha sperimentato un tool di IA per tradurre questo articolo che parla di IA…vediamo il risultato*

Ascolta l’articolo in podcast

La frenesia dell’IA ha spinto i governi a “correre per controllare i propri destini tecnologici“. Al World Governments Summit del 2024, il CEO di NVIDIA ha benedetto la corsa ammonendo gli spettatori a costruire la loro “intelligenza sovrana”. Lo scorso anno si è chiuso con l’accordo sull’AI Act da parte dell’Unione Europea e quest’anno è iniziato con le scommesse su dove emergeranno le prossime normative e politiche sull’AI.

Dobbiamo regolamentare l’IA? Abbiamo bisogno di maggiori investimenti pubblici nell’IA? Sono dilemmi essenziali, ma riconoscono un elefante nella stanza. Vedono i governi solo come produttori di politiche o come modellatori di mercati. Invece dovremmo vedere i governi come utilizzatori di tecnologia. Secondo l’OCSE, le aziende più produttive sono quelle che adottano meglio l’IA. Perché non le pubbliche amministrazioni?

I governi dovrebbero considerarsi clienti dell’IA. I dipendenti pubblici lo chiedono. Una ricerca condotta da Apolitical (organizzazione con cui collaboro) mostra che la maggior parte dei dipendenti pubblici è ottimista riguardo all’IA generativa. In effetti, il numero di utenti nella pubblica amministrazione è cresciuto costantemente, ma dietro le quinte.

Oggi le istituzioni si affidano ad appassionati che sperimentano l’IA a proprio rischio e pericolo, perché mancano linee guida chiare per prove sicure e protette. Questo shadow AI è, nella migliore delle ipotesi, un piano incompleto, un’opportunità mancata per i governi di aumentare la propria eccellenza operativa. Nel peggiore dei casi, può esporre le amministrazioni a vulnerabilità.

A dire il vero, l’uso dell’IA nella pubblica amministrazione non è una novità. Paesi come l’Estonia hanno una tradizione di utilizzo dell’IA per decine di applicazioni governative. La novità dell’IA generativa è la sua accessibilità e facilità d’uso. Non è necessario essere un ingegnere esperto per iniziare a trarre vantaggio dai nuovi modelli generativi. Inoltre, “l’IA che state usando ora è la peggiore IA che userete mai“, scrive spesso il Professor Ethan Mollick della Wharton School.

Poiché l’IA generativa si diffonde inevitabilmente dai dipartimenti informatici a tutti i dipendenti pubblici, cosa dovrebbero fare i governi?

Per cominciare, la chiarezza è fondamentale. Gli utenti rischiano di paralizzarsi, senza sperimentare, se le linee guida istituzionali sono poco chiare o onerose. Hanno bisogno di casi d’uso e di reti di supporto per provare la tecnologia, in modo sicuro. La chiarezza genera fiducia e, nell’IA, come negli investimenti, un ambiente prevedibile è un ambiente produttivo.

I governi devono creare ambienti favorevoli più che indicazioni prescrittive. Come dice l’esperto di tecnologia Azeem Azhar: “Una sfida importante per qualsiasi leader è bilanciare la necessità di cogliere l’opportunità dell’IA generativa, ma anche di confrontarsi con la fondamentale inconoscibilità della tecnologia”. Il governo britannico ha recentemente pubblicato un Generative AI Framework che va in questa direzione.

La chiarezza è necessaria ma insufficiente senza investimenti in competenze. GovTech Singapore ha creato un curriculum di alfabetizzazione sui dati e l’IA che è stato completato dal 60% della sua forza lavoro. Ha adattato i percorsi di apprendimento alle esigenze dei dipendenti pubblici, ha lavorato in modo flessibile con i dipartimenti e ha creato comunità di discenti. Altri governi dovrebbero seguirli.

Non sto chiedendo che l’IA generativa inizi a regnare sui dipartimenti governativi. Quando una nuova tecnologia viene introdotta troppo rapidamente in funzioni critiche, le conseguenze possono essere disastrose. Ma i Paesi che sono arrivati troppo tardi alla festa dell’innovazione durante l’era digitale sono passati dall’essere una potenza economica alla stasi. Nell’era dell’IA, la caduta potrebbe essere molto più rapida.

Sia i governi che l’IA sono qui per restare. Dal mio periodo di lavoro nel settore tecnologico, ho imparato che “si può costruire una strategia aziendale intorno alle cose che sono stabili nel tempo“. Se i governi vogliono davvero prendere il controllo dei loro destini in materia di IA, devono usare la loro tecnologia. Altrimenti potrebbe accadere il contrario.


Leonardo Quattrucci, aiuta governi e aziende a mettere la tecnologia al servizio pubblico. Ha oltre dieci anni di esperienza nella costruzione di programmi innovativi nel settore tecnologico e pubblico, dal think tank della Commissione europea al Center for Quantum Networking di Amazon Web Services. Il suo lavoro è stato riconosciuto da Forbes, BMW Foundation, World Economic Forum e Aspen Institute. Leonardo scrive 6 Minutes Well Spent: una newsletter sulle prospettive trascurate nel settore tecnologico. Lo trovate su LinkedIn o su X (ex Twitter).

  • *Nota di Andrea Tironi: Una volta vi avrei scritto “traduzione di Andrea Tironi”, ma nell’era dell’IA posso solo scrivere “strumento di traduzione scelto da Andrea Tironi”: DeepL.com (versione gratuita). Io al massimo ho messo qualche grassetto e corretto un paio di concetti che preferivo evidenziati in altro modo, niente più.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Su questo argomento

AI Act, approvato dal Parlamento europeo: breve guida alla lettura