Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

La classifica dei Comuni che investono di più

Home Open Government Open Data La classifica dei Comuni che investono di più

Alcuni Comuni decidono di investire su progetti di lungo termine per lo sviluppo del territorio, ma non tutti. Nella classifica delle grandi città che investono di più, guidano Milano, Venezia e Napoli. In fondo alla classifica, Verona, Palermo e Bari.

18 Novembre 2015

R

Redazione Openpolis

Ci sono tanti elementi che possono contribuire nel giudizio della cittadinanza nei confronti della propria amministrazione: dal livello delle tasse, alla gestione dei rifiuti, passando ai servizi offerti. Elementi immediati, che si differenziano molto dalla propensione di un Sindaco di puntare o meno sugli investimenti.

Uno degli indicatori di Openbilanci punta a calcolare esattamente questo aspetto. Misura la parte di spese che il Comune decide di dedicare a progetti di lungo termine per lo sviluppo del territorio – spese in conto capitale. E’ calcolato in percentuale sulla media degli ultimi tre anni: maggiore è il valore, più alta è la propensione del Comune ad investire.

Nel 2013, ultimo anno rilevato, fra le grandi città italiane il Comune con la percentuale più alta era Milano (56,50%). Molto dietro, il podio è completato da Venezia (28,59%) e Napoli (27,67%). In fondo alla classifica abbiamo Palermo (11,28%), Bari (10,55%) e Catania (6,59%).

Per approfondimenti:


* openbilanci.it è la piattaforma web che rende finalmente pubblici i bilanci negli ultimi dieci anni di tutti i comuni italiani. Una grande quantità di dati grezzi e ufficiali è stata liberata ed è ora pronta per essere scaricata da cittadini, media e ricercatori. Inoltre confronti, classifiche e mappe sono di supporto per addentrarci in un ambito che non sia per i soli addetti ai lavori e che ci permetta di chiedere conto ai nostri politici.

    Su questo argomento

    Politiche urbane: non ci dimentichiamo dei Comuni più piccoli