Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

“Nativi digitali”, cercansi idee giovani per cambiare il mondo

Home PA Digitale “Nativi digitali”, cercansi idee giovani per cambiare il mondo

Il Registro .it gestito dall’Iit-Cnr avvia nelle scuole un’iniziativa senza precedenti sulla cultura evoluta e consapevole di Internet: un milione e mezzo di studenti in oltre tremila istituti potranno proporre progetti per il web al “.it awards”. Collabora Current, che ha prodotto un video ad hoc sulla Rete e i domini .it. Tra i 16-20enni gli utilizzatori di domini .it sono il doppio della media.

22 Febbraio 2010

R

Redazione FORUM PA

Articolo FPA

Il Registro .it gestito dall’Iit-Cnr avvia nelle scuole un’iniziativa senza precedenti sulla cultura evoluta e consapevole di Internet: un milione e mezzo di studenti in oltre tremila istituti potranno proporre progetti per il web al “.it awards”. Collabora Current, che ha prodotto un video ad hoc sulla Rete e i domini .it. Tra i 16-20enni gli utilizzatori di domini .it sono il doppio della media.

L’idea più brillante mai sviluppata su Internet? A scoprirla ci proveranno un milione e mezzo di studenti italiani, in oltre tremila istituti superiori sparsi per tutta la penisola, con il sostegno del Registro .it gestito dall’Istituto di Informatica e Telematica del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Pisa (Iit-Cnr). Con l’unico limite della fantasia e della creatività, i ragazzi sono invitati a emulare Larry Page o Mark Zuckerberg (che, poco più che maggiorenni, crearono dal nulla Google e Facebook) per indagare le potenzialità della Rete e trarne spunti per un utilizzo evoluto e consapevole. I progetti più validi verranno sostenuti per giungere a compimento.

L’iniziativa, “Nativi digitali”, è finalizzata alla diffusione della cultura di Internet nelle scuole e non ha precedenti in Italia per dimensioni e capillarità. L’Iit-Cnr la promuove nell’ambito della campagna di comunicazione del Registro.it, l’organismo che da oltre vent’anni assegna e gestisce i domini a targa italiana. La campagna, avviata nel novembre scorso con spazi rivolti al pubblico generalista, ha adesso l’obiettivo educativo e formativo di far conoscere agli studenti le norme nazionali e internazionali che consentono il funzionamento di Internet e, in particolare, il ruolo svolto dal Registro.it.

“Il progetto – osserva il direttore dell’Istituto di Informatica e Telematica del Cnr, Domenico Laforenza – è focalizzato sugli aspetti positivi di Internet e sulle opportunità, ancora tutte da scoprire, che la Rete offre a chiunque abbia idee valide. I destinatari sono appunto i ‘nativi digitali’, giovani e giovanissimi cresciuti con Internet che, non a caso, danno il titolo alla nostra iniziativa”. Nelle prossime settimane 3.000 scuole riceveranno il kit di “Nativi digitali” (un dvd da vedere e commentare in classe con gli insegnanti e materiale informativo sulla Rete e sui domini .it) e potranno cominciare a elaborare le proposte: immagini o videoclip ‘virali’, progetti di socializzazione online o di strumenti per lo scambio di informazioni, servizi innovativi, elaborati artistici, videogame e programmi che documentino le potenzialità di Internet associate all’uso di un dominio italiano .it.

I migliori elaborati saranno pubblicati sul sito del Registro (www.registro.it) e concorreranno all’assegnazione dei “.it awards”, il Registro stesso e le società che registrano domini per conto terzi (Registrar e Maintainer) sosterranno le idee più valide, ricoprendo il ruolo di business angel, attivando stage, “adottando” i siti web proposti o utilizzando il materiale nelle proprie campagne promozionali. Possono partecipare all’iniziativa tutti i ragazzi delle scuole superiori italiane,  tramite il loro istituto: la “partecipazione” della scuola è uno dei punti fondanti del progetto. Anche gli istituti non raggiunti direttamente potranno comunque aderire.

Partner del progetto è Current, il social news network, fondato nel 2005 da Al Gore – ex vicepresidente degli Stati Uniti, Premio Oscar e Nobel per la Pace 2007 – e dall’imprenditore e avvocato Joel Hyatt. Un video prodotto da Current, ispirato alla serie dei “Geek files”, affronta in 32 minuti alcuni dei temi più interessanti legati al mondo di Internet: nascita della Rete e dei domini .it, il digital divide, il ruolo dei motori di ricerca, i cambiamenti sociali indotti da Internet, il futuro della Rete. Un prodotto didattico finalizzato a catturare l’attenzione dei giovanissimi e a sollecitare la discussione e l’approfondimento in classe grazie ad animazioni, interviste, intermezzi umoristici e alla conduzione di Giacomo Cannelli e Livia Iacolare, gli ‘infiltrati nella rete’ per Current.

“Current – commenta Tommaso Tessarolo, General Manager in Italia di Current – è orgogliosa di essere partner di un progetto istituzionale e didattico così innovativo, contribuendo a diffondere in Italia quella cultura digitale che è il vero patrimonio per le generazioni future”.

Che i ragazzi siano i principali utenti di Internet lo conferma un’indagine sulla conoscenza e l’utilizzo della Rete, condotta dalla società Pragma, nell’ambito della campagna di comunicazione del Registro .it, per la quale è stata realizzata una elaborazione per fasce d’età. Ne emerge una prevalenza anche qualitativa dei navigatori più giovani: il 46,5% degli intervistati fra i 16 e i 20 anni ha infatti dichiarato di fare uso di un dominio .it; una percentuale quasi doppia rispetto agli utenti over 20 (fermi al 24,4%). Tra i giovani che utilizzano domini .it, prevalgono a sorpresa le ragazze (50,7%) rispetto ai coetanei maschi (44,6%). L’utilizzo del dominio .it dichiarato dai giovani non è ovviamente indice di possesso, poiché solo i maggiorenni possono registrare un nome a dominio: i domini italiani registrati da 18 a 25 anni sono poco più di 21mila su un totale di 451mila circa assegnati alle persone fisiche.

Su questo argomento

Idee vincenti: Lottomatica lancia una call per nuove imprese culturali