Servizi di System Management: opportunità e sfide per il Sistema Sanitario Nazionale

Home PA Digitale Servizi di System Management: opportunità e sfide per il Sistema Sanitario Nazionale

FPA ha organizzato, in collaborazione con IBM, un secondo tavolo di lavoro per approfondire caratteristiche e funzionamento dell’Accordo Quadro Servizi di System Management e illustrare le opportunità per le PA centrali e locali. È disponibile un breve resoconto dell’incontro

15 Ottobre 2020

F

Patrizia Fortunato

Photo by Tetiana SHYSHKINA on Unsplash - https://unsplash.com/photos/TswOPhWcrmQ

Ascolta l'articolo

Lo scorso 29 settembre FPA ha organizzato, in collaborazione con IBM, un secondo incontro dedicato alle opportunità offerte dall’Accordo Quadro sistemico per la pubblica amministrazione. Dopo un primo incontro tra i referenti dell’innovazione delle PA centrali e locali, svoltosi il 22 aprile 2020, e per il quale rimandiamo al report pubblicato, questo secondo tavolo di lavoro ha registrato la partecipazione dei referenti delle Aziende Sanitarie Locali e Ospedaliere, che hanno condiviso la loro esperienza e offerto alcuni spunti di riflessione per la semplificazione dei processi di acquisto della PA e il miglioramento dello strumento dell’Accordo Quadro (AQ), adattabile alle esigenze più diversificate.

L’introduzione degli AQ ha rappresentato una vera rivoluzione nei processi di procurement della pubblica amministrazione in generale e del Servizio Sanitario Nazionale in particolare. Insieme agli altri strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti della PA gestito da Consip, gli AQ hanno consentito di definire un framework comune di regole tecniche, standard e procedure digitalizzate, con evidenti benefici per le amministrazioni sanitarie, ma anche per le aziende fornitrici.  

Per un’amministrazione sanitaria, aderire a un AQ vuol dire usufruire di un’architettura collaudata e di un supporto continuativo, senza doversi inventare una gara ad hoc, perché già tutto definito nell’accordo.
Ciò consente di concentrarsi prevalentemente sul contenuto dell’appalto specifico e sulla componente economica, con importanti risparmi dal punto di vista amministrativo (si pensi che la parte amministrativa è quella che genera il 90% del contenzioso) e tempi di aggiudicazione inimmaginabili per gare di tipo tradizionali. 

Le modalità standard dettate da Consip hanno uniformato le modalità di acquisto della PA, creando una vera e propria letteratura di riferimento e una cultura diffusa su come si fanno gli acquisti pubblici. Ciò ha spinto i fornitori ad adeguare modelli organizzativi, processi interni e competenze tecniche, ricorrendo anche all’istituto del raggruppamento temporaneo di imprese, al fine di rispondere in maniera più efficiente alle esigenze della PA e di analizzare l’evoluzione dei loro bisogni.

Giunto alla sua seconda edizione, l’Accordo Quadro Servizi di System Management rappresenta un fondamentale strumento per la fornitura di servizi di conduzione operativa e supporto specialistico per le infrastrutture Hardware e Software di base utilizzati dalle amministrazioni. L’AQ rappresenta anche una grande opportunità per garantire il costante allineamento delle infrastrutture pubbliche con l’evoluzione tecnologica del mercato ICT, in coerenza con gli obiettivi strategici delle amministrazioni.

Sin qui una sintesi di quanto emerso durante l’incontro, per chi volesse approfondire l’argomento è disponibile il resoconto:

Su questo argomento

NSO – Nodo Smistamento Ordini: primo passo vincente per un’evoluzione non più procrastinabile