Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Spending Analysis in Semantic Technology, Regione Lazio

Home PA Digitale Spending Analysis in Semantic Technology, Regione Lazio

Governare nel massimo dettaglio la spesa per beni e servizi sostenuta dalle 18 Aziende Sanitarie Pubbliche della Regione Lazio: questo l’obiettivo del progetto, finalista del Premio Agenda Digitale 2017 – categoria Enti regionali

27 Marzo 2018

R

redazione

Il progetto sulla Spending Analysis in Semantic Technology, realizzato da Creactive S.p.A. e gestito per la Regione Lazio da LAZIOcrea, ha un obiettivo ben preciso: governare nel massimo dettaglio la spesa per beni e servizi sostenuta dalle 18 Aziende Sanitarie Pubbliche della Regione Lazio. Gli ordini e i ricevimenti, trasmessi periodicamente da ciascun ente, e le fatture, emesse giornalmente e archiviate dal sistema regionale di fatturazione elettronica, costituiscono il patrimonio informativo alla base del progetto di governance del ciclo passivo.

La piattaforma si compone di alcuni moduli software – total spending visibility (spending analysis), technical attribute management (gestione anagrafiche), in-memory reporting system – che condividono la stessa base di conoscenza semantica del process ontology driven, grazie al quale è possibile automatizzare l’interpretazione semantica di dati non strutturati ed eterogenei. La piattaforma, dunque, consente di interpretare dizionari e lessici provenienti da sistemi Enterprise Resource Planning differenti, per aziende sanitarie e ditte fornitrici, organizzando le informazioni in protocolli standard e proponendo un modello di analisi omogeneo.

Benefici della soluzione
Ciascun modulo software è corredato anche di funzionalità per acquisire i patrimoni informativi delle Aziende Sanitarie della Regione Lazio (Ordini, Ricevimenti e Fatture) e implementare una soluzione di gestione anagrafiche (Master Data Management).
La Regione Lazio e, su richiesta, gli enti del SSR possono attingere al patrimonio informativo comune per valutare indicatori e/o livelli di performance legati all’e-procurement in campo sanitario. Il modello della Regione Lazio tende a garantire il monitoraggio, la trasparenza e la tempestività dell’informatizzazione dei dati, orientandosi verso un percorso più strutturato dei processi di approvvigionamento.
Rientra tra gli obiettivi di recente implementazione la digitalizzazione e governo centralizzato del catalogo regionale per le anagrafiche uniche per i beni sanitari (Medicinali e Dispositivi Medici). Ulteriore obiettivo che la Centrale Acquisti intende perseguire con i prossimi interventi evolutivi riguarda l’integrazione del sistema di Spending Analysis con la piattaforma di E-Procurement regionale.
Le recenti evoluzioni della piattaforma regionale di Spending Analysis hanno consentito di integrare il sistema con il nodo regionale di fatturazione elettronica, con l’obiettivo di proporre funzionalità dedicate alla verifica della corretta composizione della fattura, ponendo le basi per un monitoraggio costante delle norme emanate di recente (ex. Art 29 comma 2 del DL n° 50 24/04/2017) rispetto alla corretta imputazione del codice AIC (Autorizzazione all’immissione in Commercio) e della quantità del Farmaco da parte delle ditte fornitrici.

Entità dell’investimento realizzato
L’entità dell’investimento realizzato è complessivamente pari circa euro 1.000.000, attingendo dai fondi regionali. Il costo di gestione della soluzione una volta implementata è pari a circa euro 20.000.

Replicabilità dell’esperienza
La piattaforma è replicabile perfettamente da un punto di vista tecnologico. Andrebbe rivista la parte ontologica, in quanto strettamente connessa al contesto della Regione Lazio.

Su questo argomento

Open Data Lazio – Attività di supporto alla valorizzazione del patrimonio informativo pubblico